La seconda ascesa dell’Heartland

di Pepe Escobar .

Si è tentati di visualizzare la schiacciante debacle dell’Occidente collettivo come un razzo, più veloce della caduta libera, che si tuffa nel vortice del vuoto nero del totale collasso socio-politico.

La fine della (loro) storia si rivela un processo storico accelerato con ramificazioni sconcertanti: molto più profonde di quelle delle semplici sedicenti “élite” – tramite i loro messaggeri – che dettano una distopia generata dall’austerità e dalla finanziarizzazione: come ‘loro scelsero di chiamarlo Great Reset e poi, in seguito, Great Narrative .

La finanziarizzazione di tutto significa la totale mercificazione della vita stessa. Nel suo ultimo libro, “No-Cosas: Quiebras del Mundo de Hoy” (in spagnolo, nessuna traduzione inglese ancora), il principale filosofo tedesco contemporaneo (Byung-Chul Han, che sembra essere coreano), analizza come il capitalismo dell’informazione, contrariamente al capitalismo industriale, trasforma anche l’immateriale in merce: “La vita stessa assume la forma di merce (…) scompare la differenza tra cultura e commercio. Le istituzioni culturali si presentano come marchi redditizi”.

La conseguenza più tossica è che “la totale commercializzazione e mercificazione della cultura ha avuto l’effetto di distruggere la comunità (…) La comunità come merce è il fine della comunità”.

La politica estera cinese sotto Xi Jinping propone l’idea di una comunità di destino condiviso per l’umanità, essenzialmente un progetto geopolitico e geoeconomico. Eppure la Cina non ha ancora accumulato abbastanza soft power per tradurre questa idea culturalmente e fare appello a vaste aree del mondo: questo riguarda soprattutto l’Occidente, per il quale la cultura, la storia e le filosofie cinesi sono praticamente incomprensibili.

Nell’Asia interna, dove mi trovo ora, la rinascita di un glorioso passato può offrire altri esempi di “comunità condivisa”. La necropoli di Shaki Zinda a Samarcanda ne sono un fulgido esempio.

Shahrisabz. Le rovine dell’enorme Ak Saray del XV secolo. Sullo sfondo, il malvagio Tamerlano

Afrasiab – l’antico insediamento pre-samarcanda – era stato distrutto dalle orde di Gengis Khan nel 1221. L’unico edificio che si è conservato è il santuario principale della città: Shaki Zinda.

Molto più tardi, a metà del XV secolo, l’astronomo Ulugh Beg, lui stesso nipote del turco-mongolo “Conquistatore del mondo” Tamerlano, diede vita nientemeno che a un Rinascimento culturale: convocò architetti e artigiani da tutto il Timuride Impero e mondo islamico per lavorare in quello che è diventato un vero e proprio laboratorio di creazione artistica.

Il viale delle 44 tombe di Shaki Zinda rappresenta i maestri di diverse scuole creando armoniosamente una sintesi unica di stili dell’architettura islamica.

La decorazione più notevole di Shaki Zinda sono le stalattiti, appese a grappoli nelle parti superiori delle nicchie dei portali. Un viaggiatore dell’inizio del XVIII secolo le descrisse come “magnifiche stalattiti, sospese come stelle sopra il mausoleo, che trasmettono l’eternità del cielo e la nostra fragilità”. Nel XV secolo le stalattiti erano chiamate “muqarnas”: questo significa, in senso figurato, “cielo stellato”.

Il cielo protettivo (della comunità)
Il complesso di Shaki Zinda è oggi al centro di uno sforzo deliberato del governo uzbeko per riportare Samarcanda al suo antico splendore. I concetti centrali della transistoria sono ‘armonia’ e ‘comunità’ – e questo va ben oltre l’Islam.

Per contrasto, il prezioso Alastair Crooke ha illustrato la morte dell’eurocentrismo alludendo a Lewis Carroll e Yeats: solo attraverso lo specchio possiamo vedere tutti i contorni del sordido spettacolo dell’auto-ossessione narcisistica e dell’autogiustificazione che “il peggio ” offre, sempre così “pieno di appassionata intensità”, come interpretato da Yeats.

Eppure, a differenza di Yeats, i migliori non sono “privi di ogni convinzione”. Potrebbero essere pochi di numero, messi da parte dalla cultura dell’annullamento, ma vedono “la bestia bruta, è giunta la sua ora, avanzando verso…”. Bruxelles (e non Gerusalemme) per “nascere”.

Questa banda non eletta di insopportabili mediocrità – da von der Leyden e Borrell a quel pezzo di legno norvegese che è Stoltenberg – può sognare di vivere nell’era pre-1914, quando l’Europa era al centro della politica. Eppure oggi non solo “il centro non può reggere” (Yeats), ma l’Europa infestata dagli eurocrati è stata definitivamente inghiottita dal vortice, un ristagno politico che flirta seriamente con un ritorno allo status del XII secolo.

Gli aspetti fisici della caduta – austerità, inflazione, niente docce calde, morte per congelamento a sostegno dei neonazisti a Kiev – sono stati preceduti, senza bisogno di immagini cristianizzate, dai fuochi di zolfo di una caduta spirituale. I padroni transatlantici di questi pappagalli che si atteggiano a “élite” non sono mai riusciti a trovare un’idea da vendere ai Paesi del Sud incentrati sull’armonia e ancor meno sulla “comunità”.

Quello che stanno vendendo, attraverso la loro narrativa unanime, in realtà la loro versione di “We Are the World”, è una variazione di “non possiedi nulla e sarai felice”. Peggio: dovrai pagarlo – molto costoso. E non hai il diritto di sognare la trascendenza, che tu sia un seguace di Rumi, del Tao, dello sciamanesimo o del profeta Maometto.

Le truppe d’assalto più visibili di questo riduttivo neo-nichilismo occidentale – oscurato dalla nebbia di “uguaglianza”, “diritti umani” e “democrazia” – sono i delinquenti rapidamente denazificati in Ucraina, che sfoggiano i loro tatuaggi e pentagrammi.

L’alba di un nuovo Illuminismo
Lo spettacolo di ipocrisia dell’Occidente collettivo messo in scena per cancellare il suo suicidio ritualizzato non offre alcun accenno al sacrificio trascendente coinvolto nel seppuku cerimoniale. Tutto quello che fanno è crogiolarsi nel rifiuto irremovibile di ammettere che potrebbero essere seriamente in errore.

Come osiamo prendere in giro tutti i “valori” dell’Illuminismo? Se non ti inchini davanti a questo scintillante altare culturale, sei solo un barbaro pronto a essere calunniato, citato in giudizio, annullato, perseguitato, punito e, in soccorso bombardato con i missili HIMARS.

Non abbiamo ancora un Tintoretto post-Tik Tok per ritrarre i molteplici mali dell’Occidente collettivo nelle camere dantesche del pop hell. Quello che abbiamo, e dobbiamo sopportare, giorno dopo giorno, è la battaglia cinetica tra la loro “Grande Narrativa”, o storie, e la realtà. La loro ossessione per la necessità che la realtà virtuale “vinca” sempre è patologica: dopotutto, l’unica attività in cui eccellono è la fabbricazione della falsa realtà. Peccato che Baudrillard e Umberto Eco non siano più con noi a smascherare i loro sordidi schemi.

Fa differenza nelle vaste distese dell’Eurasia? Ovviamente no. Basta seguire la vertiginosa successione di incontri bilaterali, accordi e interazioni progressive di BRI, SCO, EAEU, BRICS+ e altre organizzazioni multilaterali per avere un’idea della configurazione del nuovo sistema globale.

Samarcanda, sulla via della seta

A Samarcanda, circondato da affascinanti esempi di arte timuride e da un boom di sviluppo che ricorda il miracolo dell’Asia orientale dei primi anni ’90, è evidente che l’Heartland è tornato a pieno regime e sicuramente manderà l’Occidente a raggiungere la pleonessia nelle paludi dell’insignificanza .

Vi lascio con un tramonto psichedelico davanti al Registan, sul filo del rasoio di un nuovo tipo di illuminazione che conduce Heartland verso una versione realistica di Shangri-La, enfatizzando l’armonia, la tolleranza e, soprattutto, il senso di comunità.

Pepe Escobar

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM