La sconfitta dell’Ucraina sta diventando più chiara


di Thierry Meyssan

È un segreto di Pulcinella: il governo di Kiev sta perdendo militarmente contro l’esercito russo. Questa avanza senza fretta e costruisce la difesa delle regioni che hanno aderito a Mosca tramite referendum. Ma questa inesorabile realtà ne nasconde altre. Ad esempio, il fatto che la Turchia , ancora membro della NATO, sostenga la Russia e le fornisca pezzi di ricambio per il suo esercito. Non solo l’Alleanza atlantica sta perdendo, ma si sta incrinando.

Il futuro dell’Ucraina sta diventando più chiaro. Ai combattimenti si oppongono da un lato il governo di Kyiv che si rifiuta di onorare la firma degli Accordi di Minsk e, dall’altro, la Russia che intende far rispettare la risoluzione 2202 del Consiglio di Sicurezza, ratificando gli stessi Accordi. Da un lato, uno stato che rifiuta il diritto internazionale ed è sostenuto dagli occidentali, dall’altro, un altro stato che rifiuta le regole occidentali ed è sostenuto da Cina e Turchia.

Come il presidente Volodymyr Zelensky, eletto per attuare gli accordi di Minsk, è riuscito a diventare un “nazionalista integrale”1 , schierarsi dalla parte dei fanatici, eredi dei peggiori criminali del Novecento? È un mistero. L’ipotesi più probabile è quella finanziaria, essendo il signor Zelensky noto fin dalla pubblicazione dei Paradise Papersper per i suoi conti offshore e le sue proprietà in Inghilterra e in Italia. Inoltre, Volodymyr Zelensky ha poco a che fare con i suoi “nazionalisti integrali”. È un codardo. All’inizio della guerra rimase per diverse settimane, nascosto in un bunker, probabilmente fuori Kiev. È uscito solo dopo che il primo ministro israeliano Nafatali Bennett gli ha assicurato che il presidente Vladimir Putin gli aveva promesso che non avrebbe ucciso il presidente ucraino.2 . Da allora, si è esibito in video in tutti i vertici politici e festival artistici occidentali.

In che modo la Turchia, un alleato occidentale all’interno della NATO, è stato coinvolto dalla parte russa? Questo è più facile da capire per coloro che hanno seguito i tentativi di assassinio del presidente Recep Tayyip Erdoğan da parte della CIA. Inizialmente Erdoğan era un delinquente di strada. Poi, è stato coinvolto in una milizia islamica che lo ha portato ad avvicinarsi sia agli insorti afgani sia ai jihadisti russi di Itchkeria, solo dopo questo corso è entrato in politica, nel senso classico del termine. Durante il suo periodo di sostegno ai gruppi musulmani anti-russi, era un agente della CIA. Come molti, quando è salito al potere, ha visto le cose in modo diverso. A poco a poco si è staccato da Langley e ha voluto servire la sua gente. Tuttavia, la sua evoluzione personale è avvenuta mentre il suo paese ha cambiato più volte strategia.

Ankara non ha ancora digerito la caduta dell’Impero Ottomano. Ha provato diverse strategie in successione. Dal 1987 è candidata all’Unione Europea. Nel 2009, insieme ad Ahmet Davutoğlu, ha pensato di ristabilire la sua influenza ottomana. Una cosa tira l’altra, ha immaginato di mettere insieme questo obiettivo nazionale e il percorso personale del suo presidente per diventare la patria dei Fratelli Musulmani e restaurare il Califfato, abrogato da Mustafa Kemal Atatürk nel 1924. Ma la caduta dell’Emirato Islamico, lo ha costretto ad abbandonare questo progetto. La Turchia si rivolge quindi ai popoli turchi, esita a includere gli uiguri e infine sceglie i popoli etnicamente turchi. Comunque, in questa ricerca, non ha più bisogno né degli europei né degli Stati Uniti, ma della Russia e della Cina.
Dopo la vittoria contro l’Armenia, ha creato l'”Organizzazione degli Stati turchi” (Kazakistan, Kirghizistan, Turchia e Uzbekistan. Inoltre, Ungheria e Turkmenistan hanno lo status di osservatori).

Oggi, secondo il Wall Street Journal , 15 aziende turche esportano ogni mese per 18,5 milioni di dollari attrezzature acquistate negli Stati Uniti a una decina di aziende russe soggette a misure coercitive unilaterali illegali statunitensi (presentate come “sanzioni” dalla propaganda atlantista)3 . Il sottosegretario al Tesoro americano incaricato del terrorismo e dell’intelligence finanziaria, Brian Nelson, si è recato invano ad Ankara per costringere la Turchia a rispettare le regole occidentali. Ankara continua a sostenere segretamente l’esercito russo.

Quando l’inviato statunitense ha fatto notare che Türkiye era sulla strada sbagliata mettendosi dalla parte della Russia sconfitta, i suoi interlocutori gli hanno presentato le cifre reali della guerra in Ucraina, stabilite dal Mossad e pubblicate da Hürseda Haber4 .
Sul campo, il rapporto delle forze è di 1 a 8 a favore della Russia. I morti sono 18.480 da parte russa, contro 157.000 da parte ucraina. Come nel racconto di Andersen, il re era nudo.

La Turchia sta ora bloccando l’adesione della Svezia alla NATO. Così facendo blocca anche quello della Finlandia che era stato presentato nello stesso fascicolo. Se accettiamo le informazioni dal Wall Street Journal , questa non è una coincidenza. Di certo Ankara aveva ottenuto l’impegno di questi due Paesi ad estradare i vertici del PKK e del movimento di Fethullah Gülen; promessa che non hanno mantenuto. Ma non potrebbe essere diversamente visto che, dalla prigionia del suo leader, Abdullah Öcallan, il PKK è diventato uno strumento della CIA e oggi combatte agli ordini della NATO, lui che un tempo era alleato dei sovietici5 . Quanto a Fethullah Gülen, questi vive negli Stati Uniti sotto la protezione della CIA. Ha svolto un ruolo centrale nell’attentato al presidente turco il 15 luglio 2016 e nel successivo colpo di stato.

La Turchia sostiene quindi la Russia oggi allo stesso modo della Cina: le fornisce pezzi di ricambio per la sua industria della difesa e non esita a restituirle attrezzature di fabbricazione statunitense. Ma mentre Croazia e Ungheria, altri membri della NATO, non esitano a dire pubblicamente che il sostegno dell’Alleanza all’Ucraina è stupidità, senza lasciarla, Ankara si finge pienamente atlantista.

Il terremoto che ha appena scosso la Turchia e la Siria non ha le caratteristiche delle scosse finora osservate, ovunque nel mondo. Il fatto che una dozzina di ambasciatori occidentali abbiano lasciato Ankara nei cinque giorni precedenti il ​​terremoto e che, nello stesso periodo, i loro paesi abbiano raccomandato di non recarsi in Turchia sembra indicare che gli occidentali sapevano prevedere cosa sarebbe successo. Gli Stati Uniti hanno i mezzi tecnici per provocare terremoti. Si erano impegnati, nel 1976, a non farvi mai ricorso. La senatrice rumena Diana Ivanovici Șoșoacă afferma che gli USA avrebbero violato la firma della “Convenzione sulla proibizione dell’uso di tecniche di modifica ambientale per scopi militari o altri scopi ostili” e di aver causato questo terremoto6 . Il presidente Recep Tayyip Erdoğan ha chiesto ai suoi servizi di intelligence (MİT) di studiare quella che oggi è solo un’ipotesi. In caso di risposta positiva, bisognerebbe ammettere che Washington, consapevole di non essere più né la prima potenza economica mondiale né la prima potenza militare mondiale, sta distruggendo i suoi alleati prima di morire.

Contrariamente ai messaggi con cui l’Occidente viene annaffiato, non solo sul campo, l’Ucraina perde, ma la NATO è sfidata dall’interno da almeno tre dei suoi membri.

In queste condizioni, come spiegare che gli Stati Uniti continuano a inviare armi sul campo di battaglia e a pretendere che i loro alleati le inviino a frotte? È chiaro che la maggior parte di queste armi non sono moderne, ma risalgono alla Guerra Fredda e sono generalmente sovietiche. Non c’è bisogno di sprecare armi degli anni 2000 sapendo che verranno distrutte perché la Russia ha armi più moderne di quelle occidentali.
Inoltre, può essere interessante per vari eserciti testare armi di ultima generazione in combattimenti ad alta intensità. In questo caso, gli occidentali inviano solo pochi esemplari di queste armi e soprattutto non di più.

Forze russe

Inoltre, mentre le unità “nazionaliste integrali” ucraine ricevono armi occidentali, i coscritti no. Il differenziale, probabilmente due terzi, viene mantenuto in Albania e Kosovo o inviato nel Sahel. Tre mesi fa il presidente nigeriano, Muhammadu Buhari, al vertice della Lake Chad Basin Commission (LCBC) ha denunciato l’arrivo di queste armi nelle mani dello Stato Islamico7 . Di fronte alle esclamazioni di sorpresa e indignazione dei parlamentari Usa, il Pentagono ha creato una commissione incaricata di monitorare le consegne. In nessun momento ha riferito sulle sue attività e sulle appropriazioni indebite che avrebbe osservato.

Due settimane fa l’ispettore generale del Pentagono si è recato in Ucraina, ufficialmente per far luce su questi dirottamenti. In un precedente articolo, ho mostrato che è venuto lì principalmente per coprire con successo le tracce degli affari di Hunter Biden.8 . Il ministro della Difesa ucraino Oleksiy Reznikov ha annunciato che si sarebbe dimesso con urgenza insieme a diversi membri della sua amministrazione. Non è ancora niente.

Altra domanda: perché Germania, Francia e Olanda, comproprietari dei gasdotti Nord Stream, non protestano dopo il sabotaggio di cui sono state vittime, il 26 settembre 2022? E perché non reagiscono alle rivelazioni di Seymour Hersch sulla responsabilità USA-Norvegese?9 ? Al famoso giornalista investigativo è stato permesso di pubblicare la sua inchiesta

Certo, il portavoce dei nazionalisti di Alternativa per la Germania ha chiesto la creazione di una commissione d’inchiesta al Bundestag su questo sabotaggio, ma la stragrande maggioranza dei leader politici di questi tre paesi è discreta: il loro peggior nemico è il loro alleato!

Al contrario, si sono lusingati di ricevere a Bruxelles il presidente Volodymyr Zelensky. Ma in precedenza era andato a Washington e a Londra, le due capitali che contano, prima di venire a rivolgersi a chi paga.

Thierry Meissan

Fonte: Rete Voltaire.net

Traduzione: Gerard Trousson

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM