La scienza screditata dalla finanza per governare il mondo

di Jean GOYCHMAN.

L’opinione pubblica sta emergendo dal profondo letargo in cui era stata immersa per decenni. L’americano Mark Twain, grande osservatore della natura umana, una volta disse: “È più facile ingannare le persone che convincerle che sono state ingannate”.

Le recenti manifestazioni e soprattutto la loro ascesa al potere in tutta l’Europa, ci indicano che questa consapevolezza sta avvenendo e che segnerà una svolta nella nostra storia.

Tuttavia, la vittoria è tutt’altro che finita e la strada da percorrere sarà lunga.

Chi c’è al centro di questo sconvolgimento globale?
Se dobbiamo credere ai media “mainstream”, tutti gli eventi che stiamo vivendo da quasi 2 anni sono puramente fortuiti e chiunque veda in essi un determinismo, per non parlare di un piano concertato, non può che essere un terribile cospiratore, nemico di Umanità e fomenta di inquietudine. Tuttavia, la quasi perfetta unanimità dell’argomento diventa tanto più sospetta in quanto si tratta sempre degli stessi argomenti che ci vengono presentati, un po’ come se “tutti questi dettaglianti fossero forniti dallo stesso grossista”, per parafrasare il compianto Philippe Seguin.

Considerati mezzi di informazione al servizio dei propri lettori, i media si sono progressivamente trasformati in veri e propri strumenti di propaganda. Certo, questo non è del tutto nuovo, ma solleva comunque la domanda: “per conto di chi stanno realmente agendo?” Abbiamo assistito alla progressiva spersonalizzazione degli editorialisti e sono rimasti pochissimi (e questo a loro merito) che osano ancora sfidare la doxa del ben pensiero universalizzato.

La prima operazione per prendere il controllo di un media da parte della finanza è probabilmente quella riportata da Carol Quigley. Nel suo libro “Secret History of the Anglo-American Oligarchy” (Le retour aux sources) raccontò, nel capitolo 6, intitolato “The Times”, che il gruppo di Milner aveva usato il Times per diffondere le proprie idee fin dal 1905. Dopo aver preso la direzione della linea editoriale nel 1912, questo gruppo lo acquistò nel 1922.

Fu nel 1906 che i banchieri dietro la creazione della FED iniziarono a prendere il controllo di un certo numero di giornali americani. Questi, dopo la crisi del 1907, richiesero l’istituzione di una banca centrale, cosa che il popolo americano non volle.

Da allora, molti media hanno dovuto, attraverso l’acquisizione di una quota di maggioranza nel loro capitale, alienare la loro libertà di parola o di scrittura alla “pressione amichevole” dei loro direttori.

Potere illimitato

Dopo aver (parzialmente) convinto il popolo americano della necessità di creare una banca centrale (senza usare il termine) la Federal Reserve, comunemente nota come FED, fu creata il 23 dicembre 1913 alle 23:30, alla fine del una seduta particolarmente movimentata, perché alcuni senatori e rappresentanti avevano percepito cosa si celava dietro l’apparenza. In realtà la FED era una banca privata il cui capitale era detenuto da altre banche private che formavano una sorta di “cartello”.
Avendo ottenuto il potere di stampare dollari, la FED aveva di fatto preso il controllo della valuta americana, anche se la Costituzione concedeva questo diritto esclusivo al popolo americano (articolo 1, sezione 8 § 5).

Tutto ciò che serviva era l’ultimo passo per liberare completamente questo potere e questo fu fatto nel 1971 quando il dollaro perse la sua convertibilità in oro. Il dollaro, divenuto moneta “fiat”, poteva allora essere creato dal nulla e finanziare il debito pubblico americano senza limiti, come fecero altre banche centrali costruite sullo stesso modello. Il dollaro, però, non era una valuta come le altre, perché aveva un altro attributo: era anche, a partire dagli accordi di Bretton Woods del 1944, la cosiddetta valuta di “riserva internazionale” con la quale si effettuavano transazioni internazionali. particolare il commercio del petrolio. È ovvio che questo doppio status “infangava” le acque e che questo consentiva alla finanza americana (e alle banche internazionali che controllavano Wall Street) di arricchirsi senza limiti perché era necessario creare sempre più dollari per soddisfare la domanda. . E poiché questi dollari potevano essere creati solo su richiesta del Tesoro degli Stati Uniti, hanno anche generato interesse in proporzione…

È quindi l’intero pianeta, o quasi, ad essere finito sotto il controllo della valuta americana. Aggiungete a ciò gli altri due pilastri della finanza globale che sono il FMI e la Banca Mondiale e avrete il sistema finanziario che gestisce il pianeta.

È curioso notare che nell’agosto 2019 le principali banche centrali hanno deciso di “uccidere il dollaro” e che alcuni lo vedono come l’atto di avvio del “grande Reset” per il quale, secondo lo stesso Klaus Schwab, si è trattato di una sorta di benedizione.

Fdederal Reserve

Le conseguenze di questa acquisizione

Già nel 1815, a Nathan Rothschild fu attribuita la frase: “Se stampo i biglietti, non mi interessa chi fa le leggi!” Questa profezia sembra essersi avverata perché questo potere esorbitante è oggi concentrato nelle mani di una piccola minoranza che può permettersi quasi tutto.

Hanno capito subito che la debolezza delle democrazie stava nella facilità di convincere, anche di fuorviare, l’opinione pubblica e che, per questo, era necessario controllare i vari mezzi di informazione. Quando hai una tale “manna celeste”, le cose diventano facili.

E tra i mezzi per controllare queste opinioni ce n’era uno che aveva enormi vantaggi, che doveva essere in grado di suscitare grandi paure collettive. Questo clima di paura si è progressivamente affermato negli ultimi decenni.

Le successive grandi paure

Citiamo solo per la cronaca quella “grande paura dell’anno Mille” che doveva vedere la fine del mondo, e passiamo al XX secolo. Nel 1938, Orson Welles aveva prodotto un programma radiofonico che commentava l’attacco a New York ispirato alla “guerra dei mondi” scritto da HG Wells.

Un’operazione simile ebbe luogo in Francia nel 1946 e aveva come tema la disgregazione incontrollata degli atomi, che generò anche un po’ di panico. In effetti, questi esperimenti hanno mostrato molto chiaramente il potere di persuasione su una folla che i “mass media” possedevano.

Ma è soprattutto alla fine degli anni Sessanta che si manifestano le grandi paure planetarie. Probabilmente hanno avuto la loro origine nell'”Iron Mountain Report”. Ricorda il buco dell’ozono, o “pioggia acida”. In generale, era necessario accreditare l’idea che l’Uomo stia distruggendo il pianeta su cui vive. Questa base doveva costituire il fondamento di un dogma religioso che si trasformò gradualmente in una vera religione.

La fede richiede il supporto della scienza

Mentre per diversi secoli le religioni, dal loro lato dogmatico, avevano sempre osservato una certa sfiducia nei confronti della scienza, e in particolare di questo lato “predittivo” che sconfina nella potenza divinatoria di Dio, la grande forza di coloro che si servono di queste paure è proprio per dar loro un aspetto scientifico teso a stabilire la veridicità delle cause dei fenomeni in gioco. ‘un esperimento “cruciale”, un fulcro che da solo permetterà di validare una teoria, non viene rispettato, l’importante è che la gente creda , almeno nella loro stragrande maggioranza, in questa teoria.

Per questo, l’aspetto scientifico, anche la firma di rinomate autorità, trasmessi dai media unanimi sono gli strumenti essenziali di persuasione. In passato, un evento riportato su un giornale non poteva che essere vero. E questo accadeva molto spesso perché gli editori non volevano in alcun modo, per etica, divulgare fake news. Erano ammesse solo deviazioni che non modificassero il significato generale delle informazioni trasmesse. Non ci siamo più e oggi non è più la realtà il criterio, ma ciò che la gente pensa è la realtà. Siamo entrati gradualmente nell’era del “racconto di storie”.
Il mondo delle tre paure

Tre minacce ci dominano oggi, e si alternano nelle notizie. C’è il terrorismo internazionale, il riscaldamento globale e la pandemia. Il primo è caratterizzato da un enorme shock nell’opinione pubblica per l’orrore dei metodi impiegati e lo stupore nel vedere persone perdere la vita senza nessun’altra giustificazione per incutere terrore. Tuttavia, ci sono stati una serie di ricadute finanziarie, in particolare nel settore della sorveglianza e della sicurezza, in particolare nei trasporti, ma questo è appena menzionato.

Poi c’è il riscaldamento globale. Che cos’è esattamente? Si prevede un riscaldamento catastrofico che sconvolgerà tutto sulla superficie del pianeta. Il ghiaccio che si scioglie inghiottirà le terre emerse e alla fine spazzerà via tutta la vita sulla terra…

La causa ? La concentrazione di anidride carbonica è scesa da 3 particelle su diecimila a 4 in pochi decenni. Anche se le molecole di questo gas possono riemettere parte dell’energia che catturano, (effetto serra) questo è ancora molto limitato ed è impossibile che questo singolo fenomeno, ad esclusione di tutti gli altri, sia all’origine di quello che viene chiamato “cambiamento climatico” Tanto più che l’inferno atteso sembra più che moderato perché, secondo le letture satellitari, la temperatura media del pianeta è aumentata solo di circa 1°C per poco più di un secolo e sembra addirittura non aumentare del tutto da una quindicina d’anni.

Infine, c’è la pandemia del virus SARS COV2. Cosa ricorderà la storia? Probabilmente il numero dei decessi ad essa attribuibili, come è sempre stato fatto con le grandi epidemie. Lascio a te il compito di ottenere i numeri, e sarai d’accordo che, rispetto all’attuale popolazione della Terra, questa epidemia è, almeno finora, una delle meno letali che ci siano.

Tuttavia, l‘estrema drammatizzazione della comunicazione planetaria significa che la paura che ispira è tale che le persone sono pronte ad accettare qualsiasi privazione della loro libertà in nome della loro sopravvivenza, che non sembra essere realmente minacciata.

I risultati di tutto questo

Partiti da una semplice idea che consisteva nel creare moneta contraffatta alla quale abbiamo dato l’apparenza di quella vera, che ha una realtà economica e la cui creazione può avvenire solo grazie alla ricchezza creata dall’Uomo, l’oligarchia finanziaria che si proponeva di governare il mondo circa 150 anni fa è quasi arrivato a destinazione.

Le tappe successive si sono dispiegate sotto i nostri occhi e chiunque si interrogasse sui meriti di queste veniva subito ostracizzato e interdetto di parlare, anche di pensare.

Non sono mancati però molti avvertimenti, anche da parte di personalità che potrebbero influenzare il corso delle cose nel mondo (de Gaulle, Eisenhower, Kennedy, Philippe de Villiers, per parlare di politiche, ma anche storici, come Carol Quigley, Pierre Hillard, Peter Dale Scott e tanti altri, per non parlare delle testimonianze scritte di tanti giornalisti e redattori, non è servito a nulla, la gente si è rifiutata di vedere cosa, però, aveva davanti agli occhi.

Diamo la parola a Nathan Rothschild, pubblicato da Stephen Mittford Goodson, nel suo libro “la storia delle banche centrali” pag. 64 (edizioni Omnia Veritas)

“La minoranza che comprende il sistema sarà così interessata ai suoi profitti o così dipendente dai suoi favori che non ci sarà mai opposizione da questa classe sociale”

Resta da vedere se il “Grande Reset”, che sembra già entrare in una fase attiva, segnerà la vittoria definitiva di questa élite globalista o se i popoli, in uno slancio salvifico, sapranno ritrovare la via della libertà che questa minoranza intende confiscare loro.

fonte: http://www.revuemetodo.org/

Traduzione: Gerard Trousson

2 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 16:43h, 01 Gennaio Rispondi

    ” Già nel 1815, a Nathan Rothschild fu attribuita la frase: “Se stampo i biglietti, non mi interessa chi fa le leggi !” ………
    Questo è uno dei motivi per cui battere moneta deve essere monopolio pubblico – statale ……..
    insieme almeno ai settori principali dell’economia …….. anche se sarei più drastico e per togliere il terreno sotto ai piedi agli squali della finanza e della speculazione ……. nazionalizzerei tutta l’economia, tranne ovviamente il piccolo commercio, ristorazione e simili ……

  • nicholas
    Inserito alle 20:30h, 02 Gennaio Rispondi

    Un articolo che fa venire in mente delle domande.
    1) Perché vorrebbero uccidere il dollaro???
    2) Perché tutto questo accanimento contro la popolazione occidentale??
    3) Come caxxo che l’elitè sono impazziti del tutto??

Inserisci un Commento