"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La “Santa Alleanza” accelera i preparativi per la guerra con l’Iran

di  Luciano Lago

Gli ultimi attacchi missilistici in ordine di tempo, effettuati dall’aviazione israeliana contro la Siria, incluso quello della scorsa notte registrato ad Hama sul deposito della 47a brigata dell’esercito siriano (e su obiettivi nei pressi di Aleppo), dimostrano quanto avevamo già da tempo previsto, che Israele continua a provocare per trascinare gli USA in una guerra aperta, il cui obiettivo finale è l’Iran.

Non per caso l’ultimo attacco è avvenuto proprio mentre il segretario di Stato, Mike Pompeo (ex direttore della CIA) si trova in un giro fra le capitali degli stretti alleati degli USA, Arabia Saudita e Israele, per consultazioni che hanno per oggetto la prossima offensiva contro la Siria e l’Iran in programma a brevissima scadenza, secondo l’agenda definita dai neocon che dettano la linea al presidente Donald Trump.

Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, il trio della nuova “Santa Alleanza” non si sono rassegnati alla sconfitta sul terreno dei gruppi mercenari, addestrati, finanziati ed armati dalla stessa Alleanza, ed hanno provveduto ad elaborare un piano d’azione alternativo, il “piano B” che prevede un intervento diretto delle forze dell’Alleanza, a cui si sono uniti i francesi e probabilmente anche le forze del Regno Unito che stanno inviando propri reparti nel nord della Siria. Una volta bruciate le “loro pedine” sul terreno di guerra (i gruppi jihadisti), annientati dalle forze russe e siriane, a questo punto si muovono i “pezzi grossi” della scacchiera geostrategica, le “torri e gli alfieri”.

In questo caso a muoversi direttamente sono le truppe ed i potenti mezzi della Santa Alleanza, una forza di invasione che, secondo il presidente francese Macron, “dovrà preparare l’assetto della nuova Siria”. Una dichiarazione in linea con il neocolonialismo della elite finanziaria al potere in Francia.
Il presidente Trump avrebbe voluto, sembra, disimpegnarsi consentendo un ritiro delle truppe USA dalla Siira, consapevole dei rischi che si aprono di uno scontro diretto con la Russia e l’Iran. I suoi consiglieri tuttavia, in particolare il super falco Johna Bolton ed il genero ultra sionista Jared Kushner, glielo hanno impedito. Anche l’ipotesi, accarezzata da Washington, di sostituire le truppe USA con una forza interaraba sunnita e far scontrare arabi, curdi ed iraniani fra di loro, sembra fallita a causa del netto rifiuto del governo egiziano e di quello giordano che hanno già abbastanze grane proprie per andarsi ad invischiare nella palude della guerra in Siria.

Il sogno degli USA di far combattere gli altri per i propri interessi diventa quindi di difficile realizzazione.
Un fatto è certo: Israele è l’attore che ha maggiore interesse al prolungamento indefinto della guerra in Siria e muove affinchè il paese arabo confinante rimanga in uno stato di caos permanente e conta di arrivare ad uno scontro finale con l’Iran da combattere fino “all’ultimo marine americano”. I sionisti sono convinti di far combattere una guerra con l’Iran agli Stati Uniti a loro posto. Gli Stati Uniti a loro volta stanno spingendo a livelli record l’arruolamento di mercenari che affiancano le truppe regolari.

Forze speciali iraniane

L’obiettivo principale di Israele è quello di creare altre provocazioni, stuzzicare le forze iraniane presenti in Siria con attacchi improvvisi per determinarne la reazione e coinvolgere gli Stati Uniti ad una guerra a tutto campo con l’Iran.. L’obiettivo subordinato è anche quello di spingere l’Europa a cambiare posizione sul trattato del nucleare con l’Iran (JPCOA ) e creare il pretesto di conflitto bellico con Teheran per l’annullamento del trattato anche da parte dei paesi europei, in questo momento recalcitranti. Naturalmente gli israeliani saranno abilissimi come sempre a recitare la parte degli “aggrediti” ed a gettare ogni responsabilità su Teheran e sul governo di Damasco.

La reazione di Teheran non tarderà ad arrivare, visto che ha subito perdite dei suoi consiglieri militari negli ultimi due attacchi missilistici effettuati da Israele e l’ultima dichiarazione in proposito della “guida suprema” dell’ Iran, Alí Jameneí, è significativa . Jamenei ha detto che “è finito il tempo per Israele di attaccarci e di fuggire. Ai loro attacchi risponderemo con altri attacchi”.

La Russia, presente con le sue forze e con i suoi uomini in Siria, non sembra probabile che possa tollerare altri attacchi senza reagire e lo stesso Putin è oggetto di critiche da vari esponenti dell’ala nazionalista russa che gli rimproverano di essere “troppo morbido” con l’Occidente e di essersi affidato ad una interpretazione eccessivamente legalistica, ormai fuori dal tempo visto che gli USA ed i loro alleati intendono soltanto il linguaggio della forza.
Non si prepara nulla di buono quindi in Siria e incombe un nuovo conflitto dagli esiti iprevedibili.

P.S. Aggiornamento ultim’ora. – Netanyahu ha comunicato solennemente,  in conferenza stampa questa sera, che Israele ha finalmente trovato la prova delle “armi di distruzione di massa in possesso dell’Iran. Tutto pronto quindi per l’attacco contro Teheran.

*

code

  1. La soluzione 3 settimane fa

    Penso che Israele questa volta subirà parecchi danni. Sarebbe anche giusto ad essere punita PWR i suoi crimini commessi piangendo si sempre la vittima. I nazisti hanno commesso un crimine nei suoi riguardi e vero. Ma ora Israele in tutti questi anni hanno superato i nazisti stessi. La lezione non e servita a nulla e per questo piangeranno la loro disfatta. Iran ha ingannato il mondo sul nucleare, ma Israele non e da meno con minimo di 200 testate nucleari nascoste. Mi sembra che l’asino rimprovera il mulo. In sintesi scagli la prima pietra chi non ha peccato.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. claudio 3 settimane fa

      No, NON È VERO.. I tedeschi NON COMMISERO NESSUN CRIMINE CONTRO I GIUDEI, INFORMATI.. E non venirmi a ripetere la lezioncina che hai imparato in seconda media, grazie..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. playblack 3 settimane fa

    L’ultimo uomo contro il tempo.savitri devi.diffondete!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Horus 3 settimane fa

    Se vanno avanti cosi i sionisti si ritrovano a celebrare un brutto 70mo anniversario.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Fabio franceschini 3 settimane fa

    In effetti le “prove” dell’atomica iraniana arrivano a fagiuolo. Sono davvero curioso di vedere come andrà a finire .i prossimi giorni potrebbero essere molto caldi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Davo 3 settimane fa

    che vengano pure i maiali noecon americasionisti la terra siriana berrà il loro sangue marcio .

    Rispondi Mi piace Non mi piace