"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia utilizza i bombardieri strategici per colpire i terroristi in Siria

Bombardieri strategici russi hanno attaccato con missili da crociera le posizioni del Daesh e del Fronte Al-Nusra nelle province siriane di Idlib e Deir Ezzor.

Secondo il Ministero russo della difesa, gli attacchi sono avvenuti in zone sicure lontane dalle aree civili e dalle forze speciali statunitensi.

“Gli attacchi contro le posizioni di Daesh a Deir Ezzor sono diretti a sostenere l’offensiva di successo dell’esercito siriano per sconfiggere l’ultima roccaforte del terrorismo, si vuole sottolineare in particolare che tutti i bersagli attaccati erano fuori di aree popolate e lontano da posizioni delle Truppe speciali statunitensi e dei combattenti della FDS (Forze democratiche siriane, sostenute dagli Stati Uniti) “, ha detto il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov.

Il portavce russo ha infatti fatto riferimento alle denunce di SDS, sostenute dagli Stati Uniti, che hanno accusato lunedì la Russia di bombardare le loro posizioni nei pressi della città di Deir Ezzor. La Russia ha già negato tali accuse.
In ogni caso, secondo il portavoce militare, i bombardamenti mirati di un gruppo di bombardieri strategici russi Tupolev Tu-95MS hanno distrutto un certo numero di posti di comando, concentrazioni di truppe e squadre terroristiche militari, nonché i loro depositi di munizioni. Vedi: HispanTv

Konashenkov ha anche spiegato che i bombardieri sono decollati dall’aeroporto di Engels in Russia, hanno attraversato l’Iran e l’Iraq e hanno lanciato missili da crociera Kh-101 contro obiettivi terroristici in quelle province in Siria.

Aerei Russi decollano da base in Siria

Durante la loro missione di combattimento, i bombardieri russi sono stati scortati da diversi caccia Su-30 e Su-35 situati presso l’ aeroporto russo Hmeimim nella provincia siriana di Latakia. I dati di controllo oggettivi hanno confermato la distruzione degli obiettivi assegnati, ha concluso il generale russo.

La Russia ha effettuato dal 2015 massicce operazioni militari in Siria contro i gruppi estremisti come l’ISIS (Daesh, in arabo). Nei giorni scorsi, l’aviazione militare russa ha intensificato i suoi attacchi aerei come azioni di sostegno delle operazioni delle forze governative siriane .

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: L. Lago

*

code

  1. Fatima 4 settimane fa

    In risposta all’uccisione del generale Asapov e di altri valorosi militari russi (e siriani) ad opera dei doppiogiochisti e traditori USA e annessi mercenari.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tania 4 settimane fa

    Odio profondamente la guerra, ma non la legittima difesa, che è sacrosanta, se i presidenti americani si svegliano la mattina e dicono al mondo che quel capo di Stato di quel tale paese si deve DIMETTERE SUBITO, ordine perentorio, ecco che scatta in automatico la legittima difesa degli abitanti e del capo di quello Stato. Punto.
    E meno male che c’è la Russia, altrimenti davvero sarebbe un pianeta in mano ad un unico governo.
    Già noi con la UE/UEM abbiamo un assaggio di che razza di roba è. Ci mandano letterine di rimprovero e piene di ordini contro gli italiani, ma mai nessuna missiva contro le MAFIE e governi non eletti dal popolo, ma guarda che fatto strano.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. nessuno 4 settimane fa

    Lontano dalle forze speciali usa, se ho ben capito, basterebbe piazzare alcuni soldati
    o mezzi militari usa vicino alle postazioni dei terroristi per impedirne la distruzione,
    guai a ferirne uno anche di striscio, gli ameri-Cani potrebbero incazzarsi e rispondere,
    mica sono pazienti e calmi loro, è un po’ tardino per adottare questa tattica che sembrerebbe
    sia messa in opera come da foto che rilevano la presenza di mezzi militari usa nelle basi
    terroristiche, tattica determinata anche vista la non reazione Russa alle numerose provocazioni
    precedenti, in parole povere: pensano che la Russia abbia paura e non bombardi dove ci
    sono loro…Hanno ragione? Hanno torto? Solo il tempo lo dirà..?.

    Rispondi Mi piace Non mi piace