La Russia testa i sistemi di difesa aerea della Crimea mentre l’Ucraina assieme alla NATO e agli Stati Uniti tengono esercitazioni nel Mar Nero



La Russia ha testato la prontezza dei suoi sistemi di difesa aerea in Crimea, la penisola che ha annesso all’Ucraina nel 2014, mentre l’Ucraina e i paesi della NATO svolgevano esercitazioni militari nel Mar Nero, secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa Interfax.

L’esercitazione Sea Breeze, iniziata lunedì, segue un aumento delle tensioni tra la NATO e Mosca, che la scorsa settimana ha dichiarato di aver sparato colpi di avvertimento e sganciato bombe sul percorso di una nave da guerra britannica per cacciarla fuori dalle acque del Mar Nero al largo della costa di Crimea.
La flotta russa del Mar Nero è stata citata da Interfax per aver dispiegato circa 20 aerei da guerra ed elicotteri, inclusi bombardieri Su-24M, nonché sistemi missilistici terra-aria S-400 e Pantsir nei test di prontezza.

Mosca considera la Crimea parte integrante della Russia, ma la penisola non è ancora riconosciuta a livello internazionale come territorio russo.
“La flotta del Mar Nero sta facendo una serie di cose per monitorare le azioni delle navi della NATO e di altri paesi che prendono parte a Sea Breeze 2021”, ha affermato Interfax citando il National Defense Management Center in una dichiarazione separata.

Esercitazione NATO sul Mar Nero

Mosca ha chiesto la cancellazione delle esercitazioni militari Sea Breeze prima che iniziassero e il ministero della Difesa russo ha affermato che reagirà se necessario per proteggere la sicurezza nazionale.
Secondo le informazioni fornite martedì dal portavoce della flotta russa del Mar Nero, Alexei Rulyov, le forze russe hanno svolto un addestramento per il rilevamento dei bersagli per testare la prontezza dei sistemi S-400 schierati in Crimea.

Citato dall’agenzia di stampa locale Interfax , Rulyov ha precisato che, durante il test, i caccia Su-24, Su-27 e Su-30SM, così come gli elicotteri Mi-8 e Ka-27, sono stati utilizzati come bersagli simulati per le unità .difesa aerea.

Il sistema S-400, in servizio operativo nell’esercito russo dal 2007, ha una portata fino a 400 chilometri e può distruggere bersagli a un’altezza fino a 30 chilometri.

Esercitazioni NATO Sea Brezes nel Mar Nero

Secondo gli esperti militari, l’S-400 è tra i cinque tipi di armi russe in grado di distruggere la linea offensiva delle forze armate ucraine nell’ipotetico caso di una guerra tra i due paesi.
Sea Breeze 2021 durerà due settimane e coinvolgerà circa 5.000 militari della NATO e di altri alleati, e circa 30 navi e 40 aerei. Parteciperanno il cacciatorpediniere missilistico statunitense USS Ross e il Corpo dei Marines degli Stati Uniti.
Tutti questi eventi si verificano mentre le tensioni tra Russia e Occidente hanno raggiunto livelli senza precedenti per vari motivi, come la situazione in Ucraina e l’annessione della penisola strategica di Crimea alla Russia , tra gli altri.
Mosca denuncia l’espansione della NATO vicino ai suoi confini e vede dietro di sé i tentativi di destabilizzare la regione e incitare la Russia a rispondere .
Le autorità russe avvertono che le provocazioni militari ai suoi confini, compreso il Mar Nero, avranno conseguenze disastrose e che il Paese eurasiatico difenderà la sua integrità territoriale.
La scorsa settimana la Russia ha messo in guardia la Gran Bretagna e gli Stati Uniti dal “tentare il destino” inviando navi da guerra nel Mar Nero e ha affermato che avrebbe difeso i propri confini usando tutti i mezzi possibili, inclusa la forza militare.

Fonti: Reuters – Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM