La Russia sottolinea che l’Occidente è complice dei crimini dell’esercito ucraino contro i civili fornendogli missili a lungo raggio e sistemi missilistici.

” Fornire razzi a lungo raggio e lanciarazzi al regime di Kiev rende i nostri ex partner occidentali complici dei crimini neonazisti ucraini contro i civili “, ha affermato domenica il vice rappresentante permanente della Russia presso le Nazioni Unite (ONU), Dmitri Poliansky.

Il diplomatico russo ha definito disgustoso che la fornitura di armi sia diventata un affare redditizio per gli Stati Uniti e il Regno Unito. Allora dove sono questi famigerati valori occidentali? ”, ha chiesto.

Di recente, e nonostante gli avvertimenti della Russia, il Dipartimento della Difesa statunitense (il Pentagono) ha dato il via libera all’invio in Ucraina di un pacchetto di armi del valore di 600 milioni di dollari .

Secondo i media statunitensi, il nuovo pacchetto includerà munizioni per il sistema missilistico di artiglieria ad alta mobilità (HIMARS), sistemi anti-drone e radar anti-artiglieria, tra le altre apparecchiature militari.
Martedì, l’Ucraina ha nuovamente chiesto agli Stati Uniti di far sì che i pacchetti di aiuti militari previsti per il 2023 includano missili a lungo raggio, come i sistemi missilistici tattici dell’esercito (ATACMS), che possono essere lanciati da sistemi missilistici, l’HIMARS o i lanciarazzi multipli M270 MLRS.

Giovedì l’ambasciatore russo a Washington Anatoli Antonov ha messo in guardia il governo degli Stati Uniti dal coinvolgimento diretto nel conflitto con la Russia, con il pretesto del sostegno militare all’Ucraina.

Forze USA Ucraina

Ha specificato che se l’Ucraina riceve missili a lungo raggio o invade il territorio russo, questo sarà interpretato come uno scontro militare degli Stati Uniti con la Russia.

Da parte sua, la portavoce del ministero degli Esteri russo, María Zakárova, ha chiarito che, a fronte di un possibile invio dell’ATACMS a Kiev, “la Russia si riserva il diritto di difendere il proprio territorio con tutti i mezzi a sua disposizione. “Se gli Usa invieranno missili in Ucraina saranno parte del conflitto”.
Data questa situazione, la rete statunitense NBC News , citando venerdì due militari del Paese nordamericano, ha riferito che i comandanti militari del Pentagono si sono opposti all’idea di fornire missili a lungo raggio, noti come ATACMS, a Kiev, sostenendo che questo potrebbe provocare una risposta pericolosa da parte della Russia.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • Giorgio
    Inserito alle 09:09h, 19 Settembre Rispondi

    Incredibile che negli usa (e non solo) i più pericolosi oltranzisti guerrafondai non siano i generali del pentagono (che non sono certo degli agnellini), ma la classe politica al potere, da Bidet a Pelosi, da Blinken a Nuland e Killary ….
    mentre, una volta, erano i generali che scalpitavano mentre la politica tentennava e mediava ….
    anche questo è un segno dei tempi …

    • Tacabanda1964
      Inserito alle 19:05h, 19 Settembre Rispondi

      Un generale USA sano di mente non vuole fare per nessuna ragione al mondo una guerra persa contro la Russia !
      Un qualsiasi generale USA con un minimo di intelligenza e di preparazione tecnica militare sa benissimo che i Russi posseggono armamenti equivalenti o addirittura migliori a quelli USA perciò molestare i Russi significa imbarcarsi in una guerra persa fin dal inizio .
      Perciò nessun generale USA vuole finire sui libri di storia come colui che è stato sconfitto come Napoleone mentre stupidamente invadeva la Russia !
      Mentre i politici guerrafondai assassini di USA -UK-UE -Italiani hanno tutto da guadagnare se fanno scoppiare una guerra contro la Russia o la Cina !
      Se la guerra contro la Russia viene persa i politici Occidentali di USA-UK-UE-ITALIA NON ci rimettono NULLA !
      Se viene vinta sono degli ” EROI “!
      Se finisce in pareggio IDEM !

  • Gasparino
    Inserito alle 12:28h, 19 Settembre Rispondi

    Ma finiamola di leggere sempre le solite veline di lamentele, che sembrano fotocopie ripetitive da due mesi in quà. Continuano ad avvertire e mettere in guardia . . ma di che ? Sanno bene i paesi Europei, complici dell’USA che l’Amerika ha fatto regredire tutta l’Europa. . . e di come stanno le cose lo sanno tutti anche se stanno affamando il progresso, la industrializzazione, il commercio e il deficit monetario. Certo è che con tutta l’abbondanza di scienziati/matematici di Bruxelles, nessuno è riuscito a calcolare che continuando con le restrizioni invece di colpire la Russia han fatto fare harakiri a tutta l’Europa che paga Gas e petrolio di più da chi ” poi ” acquista gli idrocarburi per venderceli da Putin. Son passati più di tre mesi che il Cremlino si ripete a continuare a minacciare senza però dare segnali a tal proposito pensando che la bicicletta pedala da sola !

  • fulvio
    Inserito alle 19:14h, 19 Settembre Rispondi

    ma sti russi al psto di cagrsi addosso per qualche possibile razzo a lunga gettata non possono cominciare a tirare fuori le loro di armi moderne? swmbrava avesser un arsenale da fantascenza e invece fin ora hanno usato materiale obsoleto e hanno addirittura dovuto acquistare i droni da quei vermi degli iraniani … ma dov e’ la loro tecnologia militare ? a me sembra che abbiamo bluffato , e se cosi fosse il futuro sara’ tragico …