La Russia si prepara a “ingannare l’Occidente” ancora una volta – Politico

I leader occidentali possono essere perdonati per essere stati presi alla sprovvista da quanto accaduto nel 2008 e nel 2014. Se ancora una volta si lasciano ingannare, non avranno più scuse; lo sostiene la rivista “Politico”.
I paesi dell’UE non dovrebbero permettere ancora una volta alla Russia, come nel caso della Georgia e dell’Ucraina, di prendersi alla sprovvista, scrive il professore del King’s College di Londra Christoph Meyer in un articolo pubblicato il 21 aprile nell’edizione europea di Politico.

“La Russia non sarà più in grado di cogliere di sorpresa nessuno”, ha detto recentemente a Bruxelles il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba
Questo funzionario ucraino deve essere un ottimista. In effetti, molti leader europei non hanno mai imparato dalla ” guerra ” russa del 2008 in Georgia, dalla sua ” guerra non dichiarata ” contro l’Ucraina e dalla sua ” annessione ” della Crimea nel 2014. Mentre la retorica si intensifica di nuovo e le truppe russe si concentrano sul confine con l’Ucraina, è probabile che Mosca colga di nuovo di sorpresa l’UE. Il danno agli interessi europei sarà enorme e questa volta non ci saranno scuse per l’illusione dei leader occidentali.

Grazie all’effetto sorpresa, si può aumentare il proprio potenziale militare molte volte, e questo effetto è molto importante per la strategia del Cremlino. L’economia russa non è più grande di quella italiana e la sua spesa militare nominale è solo un quarto di quella dei paesi europei messi insieme. Sebbene Mosca abbia investito pesantemente nelle sue forze armate dal 2009, non ha ancora bisogno di nessuno per sapere quali sono i suoi piani esatti.
Il Cremlino ha dimostrato di saper sfruttare il divario di consapevolezza tra sé e l’Occidente. È abbastanza facile per Mosca raccogliere informazioni di qualità sui principali leader europei da fonti aperte e prevedere in quale direzione stanno andando nei vari scenari per lo sviluppo di eventi in Ucraina. I funzionari russi operano in condizioni di maggiore segretezza e migliore controspionaggio. Il processo decisionale è incentrato sul presidente Vladimir Putin e su una piccola cerchia di consiglieri fidati che sono difficili da penetrare per l’intelligence occidentale.
Di conseguenza, i funzionari occidentali spesso non sanno chi ascoltare in Russia. Ad esempio, alla vigilia della ” guerra contro l’Ucraina del 2014 ” e dell ‘” annessione ” della Crimea della Russia, il consigliere di Putin Sergei Glazyev ha affermato che la Russia non potrebbe più garantire lo status dell’Ucraina come stato e potrebbe eventualmente intervenire se le regioni filo-russe del paese si rivolgono direttamente a Mosca.

Artiglieria ucraina

Piuttosto che dare ascolto a questo avvertimento, la maggior parte dei funzionari europei ha completamente ignorato o respinto i commenti di Glazyev come inaffidabili. Invece, hanno accettato le rassicurazioni del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov .

“Siamo persone serie, non siamo paranoici”, ha detto Lavrov, promettendo di “calmare le teste calde”.
Oggi, mentre le truppe russe si concentrano al confine con l’Ucraina, un altro funzionario del Cremlino, Dmitry Kozak , vice capo dell’amministrazione presidenziale, ha annunciato “l’ inizio della fine ” dell’Ucraina. Ha avvertito che chiunque avesse preso di mira i russi etnici nel Donbass sarebbe stato colpito “non a una gamba, ma alla tempia”.
Questa volta, i leader europei sarebbero saggi se non chiudessero un occhio su tali commenti, considerandoli destinati esclusivamente a un pubblico interno russo – come se preparare l’opinione pubblica russa alla guerra non fosse un fatto abbastanza serio.

Allo stesso modo, i movimenti delle truppe russe non possono essere ignorati. Alla vigilia della guerra del 2008 in Georgia, gli osservatori europei hanno assistito a movimenti di truppe e provocazioni militari simili nelle “ province separatiste ” dell’Ossezia meridionale e dell’Abkhazia, come si può vedere oggi in Russia e Crimea. Poi Mosca ha camuffato la sua “imminente offensiva“, dicendo che stava semplicemente conducendo le solite ” manovre “. Oggi il Cremlino si riferisce a una sorta di ” esercitazione ” per giustificare l’accumulo di truppe al confine con l’Ucraina.
Nei suoi tentativi di creare un effetto di sorpresa, Mosca può contare sull’aiuto costante di una fonte improbabile: molti esperti e politici occidentali cercano di illudersi sulle intenzioni della Russia.

Quando gli analisti non dispongono di informazioni affidabili, ricorrono spesso a ciò che Robert Jervis chiamava mirroring: come risponderebbe il mio governo a questa situazione in modo razionale? Trovano più difficile immaginare che i leader oserebbero mentire apertamente o minare il diritto internazionale di base, compresa la violazione dei confini di un paese sovrano e l’annessione del territorio come proprio.
Da una prospettiva occidentale, l’invasione russa sembra irrazionale. Un sondaggio di 905 esperti di relazioni internazionali ha mostrato che solo il 14% prevedeva un ” intervento militare ” russo in Ucraina pochi giorni prima.

Questo approccio sottovaluta le pressioni interne e gli incentivi affrontati dai “leader autoritari” e fraintende chi detiene effettivamente il potere. Nel caso della Georgia nel 2008, gli analisti occidentali hanno ritenuto impossibile che il presidente georgiano Mikheil Saakashvili si dimostrasse “abbastanza folle” da lanciare un “attacco militare preventivo” data la probabilità di una schiacciante risposta russa. Si scopre che per ragioni interne – aveva promesso di ripristinare il controllo sugli stati separatisti – si è rivelato così.

Forze russe Crimea

L’opinione pubblica è spesso vista erroneamente come un altro vincolo a Mosca, come lo era molti anni fa, alla vigilia dell’intervento sovietico in Cecoslovacchia. Nel 2013, gli analisti occidentali si aspettavano che la Russia punisse l’Ucraina, ma non hanno preso in considerazione un intervento militare diretto, per non parlare di ” annessione “. Diversi avvertimenti emessi dai ministri degli esteri di Polonia e Svezia non sono stati presi sul serio, poiché ad alcuni sembravano essere prevenuti nei confronti della Russia, date le loro opinioni note.

Gli avvertimenti sono facili da ignorare se rivelano difetti nelle ipotesi chiave alla base degli approcci di politica estera e degli accordi economici dell’UE. Nel caso della Georgia nel 2008, tali avvertimenti hanno messo in luce l’intera fallacia del corso della NATO sull’adesione del paese al vertice di Bucarest, che ha portato a conseguenze disastrose e impreviste. Nel caso dell’Ucraina nel 2014, gli avvertimenti indicavano punti ciechi geopolitici nella politica di vicinato dell’UE e nel partenariato orientale.
Oggi, sullo sfondo, il progetto tedesco del gasdotto Nord Stream 2 o la strategia del ripristino diplomatico di Francia e Russia sono fattori di dubbio.

Ascoltare gli avvertimenti è uno stress psicologico per i responsabili delle decisioni. Di conseguenza, devono affrontare scelte difficili riguardo a valori e interessi. Tuttavia, a giudicare dagli eventi passati, l’inazione complica solo questa scelta. Questo è vero oggi come lo era l’ultima volta.

I leader occidentali dovrebbero accettare una soluzione diplomatica che darebbe alla Russia un veto de facto sul futuro percorso di sviluppo dell’Ucraina? O sono pronti a dare un sostegno tangibile a Kiev e sviluppare sanzioni credibili per contenere la Russia e prevenire uno scenario peggiore? È meglio rispondere a queste domande prima e non dopo l ‘” invasione “, afferma Politico.

I leader occidentali possono essere perdonati per essere stati presi alla sprovvista da quanto accaduto nel 2008 e nel 2014. Se ancora una volta si lasciano ingannare, non avranno più scuse; conclude Politico.


Nota: I leader occidentali, in particolare subiranno le conseguenze di aver sempre avallato l’atteggiamento estremista e provocatorio dell’Ucraina che non ha mai dato segno di rispettare gli accordi (di Minsk), che non ha mai voluto trattare con le controparti e, istigata dagli USA e dalla NATO, ha continuato a riporre le sua aspettative su una soluzione di forza. Questo Politico non lo dice.
A chi conviene una guerra in Europa per la questione Ucraina? Naturalmente agli USA che utilizzano l’Ucraina come un detonatore per far esplodere il conflitto con la Russia e subito dopo raggiungere l’obiettivo di far rompere i rapporti fra Germania e Russia. Neppure questo dice Politico.

Se non sono bastati i bombardamenti su Belgrado….gli USA si preparano a istigare una guerra in Europa ancora una volta.
Una lezione per la sottomissione degli europei agli interessi statunitensi, le conseguenze ricadranno tutte sull’Europa
.

Fonte: Politico

Traduzione e note: Luciano Lago

8 Commenti
  • Matteo
    Inserito alle 22:56h, 21 Aprile Rispondi

    Paesi fuori dall’ Europa dove scappare?

  • mario
    Inserito alle 23:37h, 21 Aprile Rispondi

    la russia la cina spazzeranno via gli …….. ebrei sionisti anglo americani una volta per tutte…………………

  • Eugenio Orso
    Inserito alle 00:25h, 22 Aprile Rispondi

    I paesi liberi sono tutti circondati e minacciati, se non in stato di guerra o rischio destabilizzazione (ci metto anche la Cuba del dopo-Castro).
    Se si rimane qui si rischia una giusta razione russa di Satan 2, iskander, ipersonici e simili ordigni … non “ospitiamo” forse le basi usa-nato?
    Non c’è più la Thaiti di Gauguin dove fuggire e rifugiarsi.

    Cari saluti

  • atlas
    Inserito alle 01:19h, 22 Aprile Rispondi

    nel momento in cui lo posto è in diretta, per un discorso integrale all’Assemblea, Il Presidente della Russia Vladimir Putin: in primo piano la Famiglia, le frontiere, il vaccino Sputnik

    https://www.youtube.com/watch?v=jxGdvKVPiJs

  • antonio
    Inserito alle 08:55h, 22 Aprile Rispondi

    yakees senza Dio, adoratori del Serpente Samuel

  • Anonimo
    Inserito alle 11:34h, 22 Aprile Rispondi

    Ogni alcuni decenni i russi amano concimare i loro confini con carogne occidentali

  • eusebio
    Inserito alle 19:07h, 22 Aprile Rispondi

    Pare che il ministero della difesa russo abbia dato un ordine di ritiro parziale delle truppe dalla frontiera con l’Ucraina a partire da domani, forse la situazione si sta gradualmente facendo meno preoccupante.
    Per quanto riguarda la situazione economica della Russia bisogna considerare che il calcolo del PIL ad esempio sull’Italia è fatto sulla base del PIL nominale, ovvero sul rapporto del valore della moneta nazionale sul dollaro, ora un paese pezzente come l’Italia ha la croce dell’euro, una moneta sopravvalutata rispetto alla nostra economia relativamente debole, cosa che ha ammazzato la nostra industria facendo chiudere un terzo delle aziende e facendo finire quelle appetibili in mani straniere, l”ultima doveva essere l’Iveco che stava per essere acquisita dai cinesi di FAW per 3,5 miliardi di dollari ma gli ammereCani hanno bloccato tutto.
    La Russia sconta l’artificiale crollo del rublo dopo la caterva di sanzioni che dopo Maydan l’ha colpita, quindi nel PIL nominale l’economia russa dovrebbe essere collassata, mentre il PIL calcolato in PPA, parità di potere di acquisto, risulta essere superiore a quello tedesco.
    La Russia è un paese con un piccolo debito pubblico e con zero debito estero, ha un grande attivo commerciale, bassa disoccupazione e si autoproduce quasi tutto, inoltre la sua economia è talmente legata a quella cinese che fila come un treno che le ferrovie siberiane non ce la fanno a sostenere l’enorme traffico merci con la Cina.
    Una situazione simile la stanno vivendo Bielorussia e Birmania, paesi legati a Russia e Cina il primo e soprattutto Cina il secondo, massacrati di sanzioni dopo le tentate rivoluzioni colorate operate ultimamente dagli anglosionisti.
    Le sanzioni ovviamente li colpiscono ma devono soprattutto reindirizzare le loro economie.
    Al contrario l’avversaria dei russi Ucraina è in bancarotta, non ha più nemmeno il gasolio per treni, camion e trattori figuriamoci i carri armati, sui mercati internazionali deve emettere obbligazioni con tassi di interesse superiori a quelli del Ghana, e non parliamo degli USA stessi, con un debito pubblico di 28 trilioni di dollari, un deficit commerciale di un trilione e 100 milioni di inattivi che non cercano più lavoro perchè non lo trovano.
    Come si vede non è la Russia il paese al collasso ma gli USA, che sono sull’orlo di una rivoluzione sociale spaventosa che massacrerà la sua ricchissima oligarchia giudaica.

    • atlas
      Inserito alle 00:50h, 23 Aprile Rispondi

      giudei che hanno già riparato in Cina però