La Russia si interroga sull’opportunita’ di avere relazioni con la UE

di Karine Bechet Golovko

L’abbandono della politica estera europea è doloroso da vedere. Ma come possono paesi che hanno rinunciato alla loro sovranità nazionale a favore di un’istituzione che difende altri interessi avere una propria visione strategica su cui costruire la propria politica estera?
Quello che osserviamo, se ci fosse ancora qualche dubbio, dimostra la sua impossibilità. Tra l’utilizzo da parte di alcuni paesi delle strutture europee per guidare la lega anti-russa e le dichiarazioni vendicative della Germania verso la Russia, con cui bisognerebbe parlare “da una posizione di forza” (secondo la ministra tedesca Difesa), l’Europa si sta isolando in questo continente, in nome di un cieco americanismo, che non apporta nè gloria né la sua forza.


E la leggendaria pazienza della Russia nella politica internazionale sta cominciando a finire: Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov si chiede apertamente se sia opportuno continuare a mantenere i rapporti con l’UE, quando il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ricorda alla Germania che questa “posizione di la forza ”verso la Russia gli è già costata cara nella Storia, tanto quanto nel continente europeo. Si potrebbe aggiungere che questo è costato l’indipendenza dei paesi europei.
Le relazioni russo-europee sono nel peggiore dei casi e sarebbe bello se i paesi europei ricordassero la loro esistenza e i loro interessi strategici, che sono con e non contro la Russia.
La scorsa settimana due eventi hanno segnato le relazioni russo-europee. Innanzitutto, il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov , in visita di lavoro in Bielorussia, ha affermato che è sorta la questione dell’opportunità di per sé di lavorare con le strutture europee attualmente:
“Da parte nostra, non ci interroghiamo sul modo, usuale o no, di costruire le nostre relazioni, ma sull’opportunità di collaborare con le strutture di Bruxelles, purché funzionino così”.

Secondo Lavrov, il problema deriva dal comportamento ostile di alcuni paesi europei, comportamento che è visto favorevolmente dalle strutture europee. Inoltre, molti paesi europei sono abituati a parlare con altri paesi da una “posizione di forza”. In altre parole, tra lo svilimento dei nuovi arrivati ​​e il complesso di superiorità della vecchia Europa, avvolta in quello che era, la diplomazia europea è lontana dal suo periodo di massimo splendore.

Questa osservazione è stata illustrata direttamente dal ministro della Difesa tedesco, intervenendo al Bundestag, ha dichiarato l’importanza di discutere con la Russia una posizione di forza, se si vuole parlare di disarmo, perché la recente modernizzazione degli armamenti russi rappresentano un problema di sicurezza. Il ricorso alla “posizione di forza” è, secondo il ministro, una tradizione nazionale:
“Questa è sempre stata una buona posizione tradizionale nella politica estera tedesca e deve rimanere tale in futuro”.

Merkel e ministro Difesa si sentono “in posizione di forza”

Questa dichiarazione non ha mancato di provocare reazioni in Russia. Immediatamente il portavoce del Ministero degli Affari Esteri ha ricordato le attuali realtà della “forza” della Germania, Paese totalmente dipendente per la sua difesa dagli Stati Uniti, che occupa, dopo il Giappone, il contingente americano nel straniero più importante che immagazzina, non possiede, armi nucleari:

“Quando c’è una forza ma non è tua, non puoi controllarla e non ti è permesso usarla, e quindi hai paura di perderla, è un indizio di dipendenza. . In poche parole, in una posizione debole ”.

Il Ministero della Difesa si spinge ancora oltre e giustamente sottolinea che questa “tradizione” ha già portato a conseguenze disastrose in Europa:

“Siamo obbligati a ricordare alla signora Kramp-Karrenbauer che proprio la ‘buona tradizione’, di cui ha parlato nei giorni scorsi davanti al Bundestag, della politica estera tedesca di condurre un dialogo da una posizione di forza ha già portato a Novecento con tragiche conseguenze per il mondo intero, per la stessa Germania e per il popolo tedesco ”.

Ministro Difesa russo Shoigu

Shoigu , il ministro della Difesa russo, oltre ad offrire ai tedeschi di chiedere ai nonni cosa si prova a parlare alla Russia di una posizione di forza, ha ricordato che nel Mar Nero un nave, Armenia, affondata dall’esercito nazista nel 1941. A bordo c’erano da 6 a 10.000 profughi e feriti. Secondo Choïgou, questo è esattamente ciò che dobbiamo ricordare ai leader attuali, “soprattutto ora, quando questa nuova generazione di leader, diciamo tedeschi, inizia a darci lezioni e vuole parlarci da una posizione di forza”.

La retorica europea resta retorica ed è difficile scorgervi altro che un triste spettacolo, spesso ripetuto, di qualità media, che difficilmente maschera la debolezza dei nostri paesi europei di oggi. Tuttavia, sarebbe bene non trascurare i rischi, che debolezza e schiavitù possono sempre comportare, a forza di pungere e irritare nascondendosi dietro al fratello maggiore, in particolare quello di essere addestrati “tuo malgrado” , ma di per sé, nei conflitti, che non servono i nostri interessi strategici. Come ha scritto Gustave le Bon:
“Nella politica internazionale, ripetuti spilli e aghi alla fine portano al fuoco dei cannoni”.

Karine Bechet-Golovko

fonte: http://russiepolitics.blogspot.com
traduzione: Luciano Lago

18 Commenti
  • Antonio
    Inserito alle 21:16h, 01 Dicembre Rispondi

    Quelle due befane meglio starebbero in cucina o a fare la calza… E invece… poveri noi!

  • alessandro parenti
    Inserito alle 21:23h, 01 Dicembre Rispondi

    Una mi sembra una lesbica.

  • giulio
    Inserito alle 22:37h, 01 Dicembre Rispondi

    “Shoigu , il ministro della Difesa russo, oltre ad offrire ai tedeschi di chiedere ai nonni cosa si prova a parlare alla Russia di una posizione di forza, ha ricordato che nel Mar Nero un nave, Armenia, affondata dall’esercito nazista nel 1941”

    E poi i nazisti tedeschi e non, parlano di crimini dei comunisti!
    La russia di oggi viene dalla lotta contro quella teppaglia nazista il cui unico vero scopo era quello di sostituirsi alla potenza dominante di allora (l’inghilterra) e di distruggere ogni forma di potere sovietico, la russia appunto! e per raggiungere quest’obbiettivo aggredì vigliaccamente la russia! Meno male che c’è ancora qualcuno come questo grande generale (ora ministro della difesa) che lo ricorda ai guerrafondai e ai nazisti di ogni specie che si nascondono al punto da erigere Putin come loro eroe. I familiari stessi di putin sono morti per mano nazista…figurarsi se Putin potrà mai essere dalla parte dei nazisti!
    Purtroppo dentro il governo russo c’è ancora qualche mammalucco che invece si fa domande sulla natura dell’europa! gli ci vuole tempo per capirlo !

    • atlas
      Inserito alle 06:40h, 02 Dicembre Rispondi

      tu morirai presto

      • MADRE NATURA
        Inserito alle 10:42h, 02 Dicembre Rispondi

        La conosci la favola di cappuccetto rosso…… vattela a leggere.

      • MADRE NATURA
        Inserito alle 10:45h, 02 Dicembre Rispondi

        Quando auguri la morte a qualcuno che non se lo merita MADRE NATURA che non ha paura delle minaccie di nessuno al mondo ti mette in un LABIRINTO DI SPECCHI.

        • giulio
          Inserito alle 10:53h, 02 Dicembre Rispondi

          🙂

      • MADRE NATURA
        Inserito alle 10:51h, 02 Dicembre Rispondi

        A mani nude con uno che si comporta così neanche le ossa per i cani gli farei rimanere. NON HO PAURA DELLE TUE MINACCE ATLAS E LE COSE DILLE IN FACCIA DIRETTAMENTE IN RISPOSTA A ME È NON SOTTO BANCO facendo finta di rispondere a Giulio. Dai eccomi …..cheeee ti brucia il culo perchè ha vinto Biden……. meglio del bastardo del tuo amico schiavo degli ebrei di trumb. E se hai qualcosa altro da aggiungere vieni a dirmelo in faccia li sapete dove stò. Vi aspetto

        • rossi
          Inserito alle 16:39h, 02 Dicembre Rispondi

          non per difendere ATLAS, ma lui parla di tuttaltra cosa…. siamo in vera dittatura e in dittatura i dissidenti gli fanno fuori!!! Noi commentiamo sul web e automaticamente diveniamo possibili bersagli…. forse non aspettiamo il momento che ci provino così poi ci scateneremo… o siamo troppo narcisisti….. o non abbiamo paura della morte e sappiamo che la penna ferisce più della spada, a volte…. comunque in questa fase è necessario cercare di fare aprire gli occhi a più gente possibile…. io scrivendo mi prendo gioco dell’intelligenza artificiale che ci spia, io dalla mia parte ho 40 milioni di Dei, Gesù Cristo, la Santa Russia, i veri comunisti e i veri fascisti….. mica male EH!

    • MADRE NATURA
      Inserito alle 11:07h, 02 Dicembre Rispondi

      Ti ricordo FRATELLO che i guerrafondai più BASTARDI di questo mondo sono proprio i vostri amici ebrei di israhelll…… sono satana in persona e voi li difendete…. ho detto tutto e non c’è bisogno di aggiungere altro. Poi per quel che riguarda me …io non sono leccaculo di nessuno e tanto meno esaltatore opportunista del MIO AMATISSIMO PRESIDENTE e se avesse avuto qualcosa che non mi piaceva gliel’avrei già detto in faccia e non come voi che non avete neanche il coraggio di dirmi cose IN FACCIA. il mio ONORATO PRESIDENTE è circondato da tanta merda soprattutto di quelli che lavorano nelle testate giornalistiche che decidono dove la mattina deve sorgere il sole…. adesso ve lo dico l’ultima volta …IO NON HO PAURA DI NESSUNO e se volete farmi un attentato io sono qua sapete dove stò …. Non ho paura . Nella vita ad ogni AZIONE corrisponde una REAZIONE come nella LOGICA DELLA FISICA …….. dai… eccomi.

    • giulio
      Inserito alle 21:54h, 02 Dicembre Rispondi

      Rispondo qui al Sig. Rossi.
      Sig. Rossi, credo che Lei abbia interpretato in modo totalmente sbagliato la frase a me diretta da parte di quel Atlas mentre il sig. Madre Natura ha risposto in modo appropriato alla minaccia di quell’Atlas nei miei confronti (“tu morirai presto”)!
      Con quella frase quell’ atlas non voleva affatto preavvisarmi che potrei essere fatto fuori dal “potere” ma minaccia di farmi fuori proprio lui o qualche altro sgherro suo pari.
      Sembra che io abbia scatenato la paranoica rabbia di quel tizio nei miei riguardi sia perchè odia i “comunisti” (e io mi sono dichiarato tale …anche se non sono certo rimasto fermo al comunismo di 150 anni fa e neppure al comunismo del ’17) sia perchè ho osato criticare qualche personaggio (tipo un certo lavrov) del governo russo! Roba da non crederci ma da allora quel tizio mi ha fatto oggetto di offese di ogni tipo spesso rivolte anche a familiari, derisioni, provocazioni e ora anche minacce!
      Quello dice di amare Putin , si prostra anche ai piedi di Lavrov, ma poi, non solo si dichiara nazista (cosa incompatibile sia con un putin sia con un lavrov), ma dimentica che putin e lo stesso lavrov sono alleati dell’iran che però lui odia perchè l’iran è sciita mentre lui è sunnita (così dice) …capisce, sig. Rossi, con che razza di pazzo e confusionario provocatore ho a che fare? lui mischia un pò di tutto: Putin e Hitler, islam e cristianesimo, Lavrov lo scambia per un Molotov e a me mi scambia per un “Piddino” o per un “democratico” da “far fuori !
      Siccome è nient’altro che un frustato ex carabiniere, di quelli che hanno perso la divisa (perchè buttati fuori o perchè incentivati ad andarsene prima di essere sbattuti in galera per indegnità) ma sognano di continuare a portarla, siccome è anche un pessimo nazista frustato (di quelli che hanno solo il mito della violenza contro ebrei e comunisti) allora ha preso me a bersaglio della sua rabbia psicopatica manco io fossi la causa delle sue frustrazioni!

      • atlas
        Inserito alle 04:52h, 03 Dicembre Rispondi

        la differenza fra il sig. ‘madre natura’ e te è che lui (o lei) lo fa, pittorescamente e con simpatia, anche se a volte non capisce un cazzo, infatti non gli rispondo mai, lo prendo per quello che è, i suoi scritti li legge il mondo

        tu lo sei

        e anche a te ti legge tutto il mondo (e non vedo in giro molti apprezzamenti)

        • atlas
          Inserito alle 08:45h, 03 Dicembre Rispondi

          e siccome di politica, scusa, ma non capisci proprio un cazzo di niente, come sono io te lo spiego in 3 parole semplici semplici, anche per un trasgressivo, sovversivo, sessantottino come te, buono solo per indymedia, dove i veri Comunisti/Socialisti non ci sono

          DIO

          PATRIA

          FAMIGLIA.

          • giulio
            Inserito alle 02:49h, 05 Dicembre

            lei non ha nè famiglia nè patria (il regno di sicilia non esiste più nè esisterà mai più in futuro), nè Dio.
            Poi si decida: sarei un “democratico” oppure un “sovversivo” (definizione degna di un ex carabiniere fascista del cazzo)!
            Lei capisce di politica? di politica non ne parla quasi mai e proprio perchè non ne capisce!
            Oltre che rompere i coglioni , lei è capace solo di citare qualche scritto di altri, di fare propaganda al nazismo e al regno borbonico.
            vai a cagare, panettiere!

  • MADRE NATURA
    Inserito alle 10:36h, 02 Dicembre Rispondi

    NESSUNA RELAZIONE ………. UE ….USA…. E CINA …. vi saranno contro e avranno l’unico obbiettivo di eliminare israhelll. L’occidente farà PASSI DA GIGANTE nel progettare armi ipersoniche insieme alla CINA. Si mette malissimo. Passate parola a israhellk

  • eusebio
    Inserito alle 20:03h, 02 Dicembre Rispondi

    Non solo la Russia è seriamente minacciata dal binomio UE-NATO, sostanzialmente un’unico organismo controllato dall’impero anglosionista, sempre meno anglo e sempre più sionista (l’amministrazione Biden, sempre che arriva vivo all’insediamento, sarà piena di ebrei, e la sua vice indiana potrebbe sostituirlo presto, gli indiani sono molto apprezzati dai loro padroni ebrei, i Rothshild ne hanno messo uno a fare il cancelliere dello scacchiere nel governo britannico), anche la Cina è nel mirino della NATO, secondo un rapporto stilato da Stoltenberg (o meglio dal diplomatico americano Aaron Mitchell, russofobo e sinofobo) discusso ieri in sede NATO, secondo il quale la NATO deve prepararsi ad affrontare in modo serio la minaccia cinese.
    Va letta in questa direzione la politica panturca di Erdogan, la quale oltre ad aver trasformato l’Azerbaigian in un protettorato turco sta per vendere i suoi scalcagnati droni Bayraktar al Kazakhstan, inizio di una collaborazione economico-militare tra la Turchia e la maggiore repubblica turcofona dell’Asia centrale.
    Il Kazakhstan è per un terzo popolato da russi, la Cina è il primo partner economico del paese seguito dalla Russia, sempre più aziende cinesi investono nel paese e almeno 300000 cinesi ci lavorano, quindi difficilmente la Turchia che ha un’economia malandata e pure lei bisognosa di gas russo e investimenti cinesi può sostituire i due potenti vicini delle repubbliche dell’Asia centrale.
    Pure l’Ucraina ha ancora come primo investitore la Russia seguita dalla Cina, UE e NATO devono mettersi in testa che economicamente e militarmente sono in completo declino e devono sciogliersi, ormai servono solo la UE a farsi spennare attraverso l’euro dai banchieri giudei per mantenere in vita l’ignobile entità sionista, che dopo il fisico nucleare iraniano ha ammazzato con un drone un’altro alto ufficiale iraniano al confine tra Irak e Siria, e la NATO a minacciare invano i sanguinari nemici dei sionisti.
    Infatti a Tel Aviv di fronte alle minacce iraniane si sono attazzati al WC e stanno portando avanti la sfiducia al governo del premier sionista pluripregiudicato.

    • giulio
      Inserito alle 00:13h, 03 Dicembre Rispondi

      un alto ufficiale iraniano ucciso dai criminali sionisti?
      Io mi domando come mai quei criminali riescano sempre a colpire in siria, in iran, in libano, ovunque senza che ci sia mai una qualche reazione da parte russa!
      Navi russe che sostano nel mediterraneo, antimissili russi S300 e S400 che il non plus ultra , dispositivi avanzatissimi per la guerra elettronica ma mai nessuno di questi aerei o droni o missili dei criminali israeliani che venga abbattuto! Ma come diavolo è possibile?

    • giulio
      Inserito alle 01:07h, 03 Dicembre Rispondi

      Sig. Eusebio, guardi che in un altro articolo si dice che le autorità iraniane hanno smentito l’uccisione di un alto ufficiale iraniano ucciso dai terroristi israeliani!

Inserisci un Commento