La Russia si avvicina al riconoscimento delle repubbliche di Donetsk e Lugansk dopo le elezioni nel Donbass

Pravda : Mosca ha rafforzato la sua posizione a Lugansk e nella Repubblica popolare di Donetsk (LDNR) domenica 11 novembre. Ora ci sono autorità legittime nelle repubbliche, con le quali la Russia può attuare il progetto di integrazione economica del Donbass.

I rappresentanti dei paesi occidentali e dell’Ucraina hanno rilasciato una dichiarazione congiunta all’ONU, in cui hanno affermato di non riconoscere le elezioni. Questo era prevedibile e poco interessante. Tutti capiscono che le elezioni nelle repubbliche separatiste sono diventate un vero passo avanti verso il riconoscimento dell’indipendenza delle Repubbliche popolari di Luhansk e Donetsk da parte della Federazione russa.


Mosca ha più volte ricordato che la Russia era solo un garante degli accordi di Minsk. Kiev si mostra riluttante a metterli in atto e tenta persino di uccidere coloro che hanno firmato i documenti.

Dopo l’assassinio di Alexander Zakharchenko , capo della Repubblica popolare di Donetsk, il Cremlino aveva perso la pazienza. Mosca alla fine ha accettato di far tenere le elezioni nei territori separatisti l’11 novembre, anche se la Russia aveva precedentemente declinato tale opportunità nel 2015 e nel 2016 su richiesta dei “partner” del formato Normandy.

L’affluenza alle elezioni è stata superiore al 70%. Funzionari del Cremlino hanno detto che potevano “capire” le aspirazioni dei residenti delle repubbliche. Si può leggere tra le righe qui che l’integrazione economica della Russia con la regione è inevitabile. Il popolo del Donbass ha meritato la propria sovranità e Mosca può vederlo.

L’integrazione economica con la Repubblica popolare di Luhansk è stata lanciata nel 2017. La gestione esterna è stata introdotta in un certo numero di società strategiche delle repubbliche nel 2017. Una società separata – Vneshtorgservis – è stata registrata per assumere il controllo di tutte le società che formano le città che lavorano nelle industrie metallurgiche, del carbone e chimiche.

Nel 2017, 14 aziende hanno ripreso il loro lavoro nella Repubblica popolare di Donetsk. I loro prodotti sono stati esportati in 15 paesi del mondo, con la Russia come principale importatore – 87,5%. La Russia rappresenta anche un terzo delle esportazioni di prodotti di ingegneria meccanica.

L’introduzione della gestione esterna nelle società di Lugansk che erano affiliate all’Ucraina, ha permesso di salvare oltre 60.000 posti di lavoro, ha detto il capo della Repubblica popolare di Lugansk, Leonid Pasechnik. Nel 2018, la repubblica ha in programma di lanciare altre nove società industriali, tra cui lo Stakhanov, l’impianto di ferroleghe, l’impianto di tubi di Luhansk, lo stabilimento Krasnoluchsky, l’impianto di perforazione di Bryankovo ​​e lo stabilimento Kirov Blacksmith, ha scritto Rhythm of Eurasia.

È degno di nota che il Presidente Putin ha firmato un decreto che approva il nuovo concetto di politica migratoria statale per il 2019-2025. La politica semplificherà l’acquisizione della cittadinanza russa per i russi nel Donbas. Dopo la distribuzione dei passaporti, la situazione si svilupperà secondo lo scenario dell’integrazione dell’Ossezia meridionale e dell’Abkhazia. È degno di nota che l’Ungheria segue una pratica simile che distribuisce passaporti agli ungheresi in Transcarpazia.

In cinque anni, Donbass sarà di fatto integrato con la Russia economicamente. L’integrazione legale è un processo lungo, ma si accelererà con il crollo dell’Ucraina o con la sua trasformazione filo-russa, se questo sarà mai possibile.

Denis Pushilin ha ottenuto il 61 percento dei voti nelle elezioni del capo della Repubblica popolare di Donetsk, mentre Leonid Pasechnik ha ottenuto il sostegno del 68 percento a Luhansk.

Potremmo suggerire che Putin riconoscerà l’indipendenza delle Repubbliche Popolari di Donetsk e di Lugansk per attivare la loro rapida integrazione economica con la Russia se l’Occidente continua a esercitare pressioni sulle sanzioni contro la Russia.

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti

  • Idea3online
    17 Novembre 2018

    Questione di tempo, l’Ucraina non ha legami storici con l’Occidente, se non i Crediti concessi dalla BCE, e dal FMI, sono denaro, culturalmente zero, perciò l’attrazione è verso la Russia, i Crediti generano Debiti, maggiori tasse per il popolo ucraino, alla fine l’Ucraina farà esattamente come il figlio prodigo…..non dovrebbe passare tanto tempo. La fame e il freddo non possono essere soddisfatti con il Debito……..la Russia può realmente aiutare l’Ucraina, il gas risolve i problemi del freddo,, una casa calda aiuta l’essere umano ad assumere meno calorie….il popolo ucraino con case più fredde sarà costretto a maggiore cibo a più calorie, più calorie del gas meno calorie da cibo…stare con la Russia è solo vantaggio per gli esseri umani dell’Ucraina. Quello che viene più facile all’Occidente è drogare gli altri Stati con Crediti/Debito da una parte ed utilizzare letteralmente la materia prima della Colombia e dell’Afghanistan dall’altra. Solo questione di Droga.

    • atlas
      18 Novembre 2018

      porcoscemo è già grasso così, ma morirà lo stesso anche se non di fame e freddo. E stessa sorte toccherà a quegli altri che hanno creduto alle lusinghe (zizzania) dei giudei/usa. Devono crepare 2 volte: prima di paura e dopo condannati.

  • Idea3online
    17 Novembre 2018

    Testo CEI2008

    Apocalisse 18:23

    Perché i tuoi mercanti erano i grandi della terra
    e tutte le nazioni dalle tue droghe furono sedotte.

    Testo CEI2008

  • atlas
    18 Novembre 2018

    questo per gli indecisi, per le menti obnubilate da anni di democrazia fallimentare. Per gl’insicuri, anche di loro stessi, per gli indeterminati: questi sono I FATTI di Putin e della Russia. Quando i vicini alla nato fanno i buffoni e poi gli spiritosi ecco che la Russia prima si prende Ossezia e Abkhazia (2008), poi la Crimea. E ora altre due Repubbliche. Senza molte chiacchere.

    All’america non rimane che fargli una guerra diretta. CHE NON SONO SICURI DI POTER VINCERE (se no l’avrebbero già fatta)

Inserisci un Commento

*

code