La Russia promette la sua rappresaglia alle minacce provenienti da possibili basi del Regno Unito


La Russia ha avvertito la Gran Bretagna che ripagherà qualsiasi minaccia contro i suoi interessi nei Caraibi e nel Sud-Est asiatico, le due regioni dove Londra dovrebbe creare nuove basi militari permanenti dopo aver lasciato l’Unione Europea.

Il ministro della Difesa britannico Gavin Williamson aveva dichiarato alla fine di dicembre che le forze armate britanniche stavano lavorando a piani per costruire almeno due nuove basi oltreoceano “entro i prossimi due anni”.

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha detto venerdì che mentre il Regno Unito ha il diritto di prendere in considerazione tali piani, Mosca non esiterà a reagire contro le minacce poste dall’espansione militare di Londra.

“Nel caso di misure che rappresentano una minaccia per la sicurezza della Russia o quella dei suoi alleati, il nostro Paese si riserva il diritto di adottare misure di ritorsione appropriate”, ha avvertito.

Zakharova ha descritto i commenti di Williamson come “controproducenti”, avvertendo che i piani militari del Regno Unito potrebbero causare instabilità considerando lo stato attuale degli affari mondiali.

“Le dichiarazioni del segretario alla difesa del Regno Unito in favore di un’ulteriore militarizzazione della politica britannica causano almeno sconcerto”, ha detto il diplomatico.

Williamson deve ancora specificare dove possono essere costruite le basi. Tuttavia, citando fonti militari senza nome, The Telegraph ha detto che potrebbero essere costruite a Singapore e nel Brunei.

Maria Zakarowa portavoce Russia

Il ministro della Difesa britannico afferma che Brexit consentirebbe alla Gran Bretagna di aumentare la sua presenza militare all’estero.
Il Regno Unito ha da tempo intensificato le tensioni con la Russia su quella che ha descritto l’anno scorso come una crescente minaccia proveniente da Mosca. Ha anche mostrato interesse nel sostenere l’Ucraina in una situazione di stallo con la Russia sulla penisola di Crimea.

A novembre, Londra avvertì Mosca di non utilizzare la sua crescente presenza militare nel Mar d’Azov, una rotta oceanica strategica collegata al Mar Nero dal stretto stretto di Kerch, dove la Russia ha costruito un ponte per collegare la penisola di Crimea con la terraferma.

I legami tra la Russia e il resto dell’Europa si sono deteriorati dal febbraio 2014, quando la Crimea è rientrata in Russia dopo un referendum.

Possibili tensioni con la Cina

Tensioni sono possibili con Pechino sia a Singapore, che ospita già un impianto di riparazione navale britannico, sia nel Brunei, dove è di stanza un battaglione di soldati britannici, vicino alle acque strategiche del Mar Cinese Meridionale, per lo più rivendicato da Pechino.

Il Brunei è anche uno dei paesi che contestano le rivendicazioni territoriali della Cina sul mare. Gli altri includono Malesia, Filippine, Vietnam e Taiwan, con cui gli Stati Uniti si sono schierati per sfidare la sovranità di Pechino.

Si prevede che la Cina considererà il nuovo piano britannico come una minaccia strategica per la sua sovranità, qualcosa che gli Stati Uniti hanno fatto negli ultimi anni espandendo la propria presenza militare nella regione.

Gli analisti dicono che il piano di espansione militare è la risposta di Londra a un possibile declino della sua influenza in seguito alla Brexit.

È probabile che indurre il governo del primo ministro Theresa May il caso di aumentare le relazioni militari con gli Stati Uniti, che è anche una sfida alla sovranità cinese nelle acque, Mark Valencia, analista presso l’Istituto Nazionale per la Cina meridionale Studi del Mare, ha detto a Sud China Morning Post.

Questi ha spiegato che gli sforzi della Gran Bretagna per sfidare la Cina nella regione erano una mossa ambiziosa con conseguenze per cui il Regno Unito non sarebbe preparato.

Pechino dice che ha presentato “proteste” con Washington dopo una nave della marina americana navigato vicino alle isole del Mar Cinese Meridionale contestate.
All’inizio di questa settimana, i militari cinesi hanno avvisato aerei da guerra e navi per mettere in guardia contro una nave da guerra americana che ha navigato vicino alla catena Xisha Island, chiamata Paracel dai rivali di Pechino.

La Cina ha costantemente avvertito Washington che gli incontri militari ravvicinati tra le forze aeree e navali dei due paesi della regione potrebbero facilmente innescare errori di calcolo o addirittura incidenti in mare o in aria.

Fonte: Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • redfifer
    12 Gennaio 2019

    Quando si ha la schiena diritta, non la si abbassa perché qualcuno ha abbassato l’arco, semmai si abbatte l’arco!

    Questa è la giusta risposta della Russia del “grande Putin” ai giochi ormai empirici del Regno Unito dalla sola “infamia”

  • redfifer
    12 Gennaio 2019

    Quando si ha la schiena diritta, non la si abbassa perché qualcuno ha abbassato l’arco, semmai si abbatte l’arco!

    Questa è la giusta risposta della Russia del “grande Putin” ai giochi ormai empirici del Regno Unito dalla sola “infamia”

    • atlas
      12 Gennaio 2019

      la Maria Zakarowa vale da sola tutte le femminucce inglesi messe assieme

  • atlas
    12 Gennaio 2019

    l’anglosassone è sempre un nemico

    dal Sultano del Brunei ? Quello che ha 365 stanze con una femmina per ogni giorno dell’anno ? Diventeranno con lui gl’inglesi anche loro i più grandi parassiti del Borneo ?

  • Idea3online
    12 Gennaio 2019

    Il riscaldamento climatico indotto principalmente dall’Occidente(la Russia segue alla grande), gioca a favore dell’Oriente principalmente della Russia, ed a sfavore di tutto l’Occidente. In agricoltura il primato verrà ottenuto dall’URSS. Che dire il CAOS in Oriente si è trasformato in vantaggio per la Russia e la Cina…..l’Occidente ha voluto giocare ad ESSERE, cioè essere Dio, ed alla fine inizia a rendersi conto che la Storia ha cambiato posizione ed soffia a vantaggio della Russia. Non resta all’Occidente che riporre tutte le speranze sull’Anticristo, ed sulle sue ottime strategie militari e politiche, ma Dio non starà a guardare….le Forze extraterrestri o Principati invisibili che guidano le Nazioni in ansia totale perchè i sigilli dell’Apocalisse in fase di apertura.

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code