La Russia prepara le sue difese in vista di un prossimo conflitto

di Luciano Lago

La Russia e i suoi alleati della zona asiatica si sentono sospinti alla guerra e questo induce a fortificare le difese e prepararsi. Ci sono notizie allarmanti per gli USA e per la NATO.
La principale notizia è che la Russia ha iniziato a produrre in serie i suoi super bombardieri T-160-M2 “cigno bianco”, dotati di nuovi missili e nuovi motori e che la Corea del Nord, nella sfilata dell’altro giorno, ha mostrato super missili ICBM che sembrano i più grandi del mondo, carri armati molto simili al T-14 russo, cosa che significa che la Russia sta fornendo armamenti alla Corea del nord.
Le notizie sono molto preoccupanti per le forze USA e soprattutto per la UE già che questa, la Germania in particolare, dovrà contenere la sua arroganza tenendo in conto che la Russia ha già iniziato la produzione in serie dei suoi bombardieri, visto che questi aerei sono in grado, con i loro missili ipersonici di cui sono dotati, di distruggere tutta l’Europa senza neanche uscire dallo spazio aereo russo e le forze russe li hanno messi in servizio di volo continuo per tutte le 24 ore del giorno.
I bombardieri sono armi che hanno una funzione molto importante nella strategia mitare moderna e molta importanza strategica. I “cigni bianchi “sono stati in servizio per molto tempo ma, nonostante questo, continuano ad essere armi molto efficienti e risolutive in un eventuale conflitto.


Le caratteristiche di questi aerei modernizzati sono talmente elevate che rappresentano da sole una grave minaccia per tutto il territorio della Nato e quello che più preoccupa è che la Russia ha iniziato a produrre massicciamente questi aerei. Quanto prima l’aviazione russa avrà la disponibiità in forte numero di questi aerei e tale fattore farà aumentare la pressione del nuovo bombardiere aereo furtivo statunitense. Con questi aerei la Russia potrà meglio difendere i propri interessi nelle questioni internazionali.
Secondo gli analisti internazionali la decisione di mettere in produzione questi aerei in forma massiccia rappresenta una risposta alle continue provocazioni della NATO ed alla attuale situazione degradante nelle attuali circostanze di cui il responsabile è la NATO con le sue continue provocazioni sotto i confini russi.
Circa la modernizzazione dei T-160 M,si è saputo che l’impresa russa UE Kuznetsov ha ripreso la produzione in serie dei turboreattori NK 32, serie 02 e il primo lotto di questi è stato gia assemblato ed è stato trasferito per installarli sui T-160 M. (notizia della Tass) . Il lavoro per riprendere la produzione è sato realizzato su ordine del Ministero della Difesa della Federazione russa nell’ambito del programma di produzione dei bombardieri e dei loro motori.

Il nuovo missile ICBM della Nord Corea


Questo fatto ha reso molto nervoso il Pentagono che a sua volta sta lavorando in una produzione di nuovi bombardieri furtivi e il suo lavoro è accompagnato da molta pressione per il fatto che la Russia ha ottenuto successi significativi in questo settore
Di fronte al bombardiere T-160M2 , gli USA dovranno non lanciarsi in atteggiamenti troppo arroganti, visto che in precedenza la Russia è stata sempre dura nei suoi atteggiamenti ma non è mai stato un paese bellicoso e, con questi mezzi, potrà meglio proteggersi dalle mire aggressive della NATO.
Come ha detto Putin in una occasione, se ci attaccano noi moriremo ma i nostri nemici non potranno vederlo poichè saranno inceneriti prima ancora che se ne accorgano.

Basi russe in Bielorussia

Altra notizia è che la Bielorussia, sulla base della futura integrazione nella Federazione Russa, ha consegnato due basi militari nel suo territorio al Ministero delal Difesa russo e si è saputo che queste basi saranno a disposizioni delle forze aeree russe e in prossimità di queste saranno realizzati parchi residenziali di abitazioni destinate al personale militare.
Il Ministero russo ha già anunciato una sub asta per le imprese che realizzeranno i lavori di manutenzione degli alloggi per il personale.
L’altro avvenimento importante è stato quello della sfilata militare avvenuta in Corea del Nord in occasione del 75 anniversaio della fondazione del partito e, nel corso della sfilata militare, è stato mostrato il potenziale del paese che non cessa di stupire. Il culmine è stato l’apparizione dei trattori che trasportavano il nuovo missile ICBM che ha una portata di 12.800 Km. e questa è anche maggiore di quelli precedenti. La NATO e gli USA hanno dedicato molta attenzione per l’apparizione di questo missile mostro, una sorpresa comparsa nella sfilata e anche per l’apparizione dei nuovi carri armati che sembrano prodotti in Russia o per lo meno sono molto simili al tank russo e gli esperti segnalano che la sua torretta non è disabitata.
Alcuni esperti scrivono che la stretta cooperazione tra la Russia e la Corea del nord ha determinato che i coreani hanno utilizzato il carro russo per creare un nuovo tank copiato da quello russo dimostrando la tecnologia avanzata di cui dispone la Nord Corea.
Guerra nel Caucaso: la Russia scende in campo

Per quanto riguarda la guerra con Armenia, sembra che la Russia ha preso nettamente posizione a favore dell’Armenia e sta attaccando intensamente i campi di addestramento dei terroristi nel nord della Siria dove la Turchia addestra i miliziani e da dove ha trasferito centinaia di miliziani destinati all’ Azerbaijan dopo aver ricevuto la notizia del trasferimento di questi nella repubbica caucasica.
Risulta che il comando russo ha ricevuto le coordinate dei campi di addestramento e poche ore dopo gli aerei russi sono piombati a bombardare con attacchi devastanti le basi dei terroristi e l’Esercito russo sta conducendo una ricognizione avanzata degli obiettivi e, fra i dati ricevuti, ci sono quelli relativi alla localizzazione dei campi, dei centri di comando, magazzini di munizioni, centri di addestramento e altre infrastrutture- tutti obiettivi che sono stati distrutti dall’aviazione russa.
Le ostilità nel Nagorno Karabakh sono state contrassegnate dall’annientamento di centinaia di militanti, miliziani filo turchi addestrati dalla Turchia ed impiegati come mercenari nel conflitto. Vedi: https://www.almasdarnews.com/article/over-100-syrian-mercenaries-killed-fighting-for-azerbaijan-report/

Sommergibile nucleare russo

La Russia sta appoggiando l’Armenia, come sta appoggiando la Bielorussia, mantiene l’alleanza con la nord Corea e sempre più decisamente sta sostenendo la Siria e l’Iran. Mosca dimostra di non abbandonare i suoi alleati e di creare un fronte comune nello scenario euroasiatico per contrastare i piani degli USA e dell’Occidente di sobillazione di conflitti ed ingerenza intorno ai confini russi.
Le ultime azioni dell’Occidente con la messa in scena dell’avvelenamento di Navalny, il tentativo di destabilizzare la Bielorussia, il conflitto sobillato nel Caucaso e i voli dei bombardieri USA B-52 su Ucraina, paesi Baltici e Georgia hanno fatto suonare le sirene d’allarme a Mosca e la Russia ha decretato la mobilitazione totale delle sue forze, inclusi i sottomarini armati di missili ipersonici che navigano costantemente negli oceani.
Washington, Berlino e Londra dovranno tenerne contro prima di decidere un attacco alla Russia ed ai suoi alleati nel territorio di uno di questi o della stessa Federazione russa.
Gli occidentali possano essere certi che Vladimir Putin, il ministro della Difesa Sergej Šojgu, il capo di stato maggiore delle forze russe, Valery Gerasimov, hanno già predisposto il loro piano di difesa nazionale e aspettano al varco la prossima mossa della NATO.

10 Commenti

  • Arditi, a difesa del confine
    13 Ottobre 2020

    l’istituto Luce non avrebbe saputo scrivere di meglio

  • Hannibal7
    13 Ottobre 2020

    In poche parole se la Nato fa un passo falso l’Europa sarà incenerita….

  • eusebio
    13 Ottobre 2020

    L’oligarchia ebraica che controlla gli USA e il Regno Unito non ha mai perdonato a Putin di aver tirato fuori la Russia dalla condizione di colonia in cui l’aveva cacciata Eltsin, controllata sul piano economico da oligarchi ebrei con cittadinanza spesso doppia russa e israeliana come Gusinski, Kodorkovsky, Berezovsaky, Abramovic e molti altri, analoghi agli ucraini Kolomoisky, Pinchuk, Lazarenko ed altri, come non ha perdonato a Putin di essere intervenuto in Siria incenerendo decine di migliaia di mercenari wahabiti dei sionisti incaricati di massacrare decine di migliaia di siriani alawiti e cristiani e far scappare gli altri onde sgomberare il territorio per l’espansione di eretz israel.
    L’URSS era una costruzione statale schizofrenica in cui le periferie non russe con il collante della minoranza giudaica egemone nel PCUS sfruttavano il centro russo, la minoranza ebraica ex sovietica è scappata con il malloppo e si è aggregata all’oligarchia sionista egemone sull’occidente nel cercare vendetta sul valoroso popolo russo il quale ha riguadagnato l’indipendenza persa nel 1917.
    Anche la Cina è nel mirino dei disegni di vendetta degli anglosionisti per essere diventata troppo potente e progredita, oltrechè per essere alleata di ferro dell’Iran.
    Pertanto Russia e Cina nel caso Biden dovesse diventare presidente l’attacco a Cina e Russia è certo.

    • giulio
      14 Ottobre 2020

      Eusebio: “Russia e Cina nel caso Biden dovesse diventare presidente l’attacco a Cina e Russia è certo.”

      Invece se viene rieletto, il bullo trump – che si masturba la bocca come un mussolini – spargerà fiorellini sul loro cammino?
      Quello che in tanti osannate o preferite è anche peggio degli altri perchè è stato abbastanza furbo e abile a crearsi la nomea (fama) del salvatore del mondo!
      Ha continuato tutte, proprio tutte le guerre già iniziate da Obama e sta aprendo un’altra serie di fronti (vedasi bielorussia, armeni, kirghizistan…e non parliamo di iran, venezuela e corea!
      Affanculo quel gangster! spero che perda, almeno per un pò di tempo può darsi che gli altri (i fasulli “democratici” ) abbiano bisogno di tempo per organizzarsi.

  • Gaetano Aloi
    14 Ottobre 2020

    La mia permanenza in USA è stata, sempre, seguita dalla sfortuna. Vedere l’Italia (schiava) e l’impero finire in fiamme sarebbe un raggio di luce che mi sciarirebbe la discesa all’inferno.

  • MADRE NATURA
    14 Ottobre 2020

    La Russia sta appoggiando l’Armenia, come sta appoggiando la Bielorussia, mantiene l’alleanza con la nord Corea e sempre più decisamente sta sostenendo la Siria e l’Iran. …………… ……………….se è vero VI VOGLIO BENE ALL’INFINITO. GRANDE MADRE RUSSIA GRANDE SPUTNIK GRANDE ARMATA ROSSA. ….. GRAZIE PRESIDENTE VI VOGLIO BENE.

  • Giuseppe Grande
    14 Ottobre 2020

    Ricordiamo le parole di Mao: le guerre generano le rivoluzioni, la rivoluzioni impediscono le guerre.

    A mio avviso le guerre sono determinate dal fatto che nel corso degli anni si creano negli stati strutture gerarchiche sempre più oligarchiche, verticistiche e prive di partecipazione popolare critica e concreta.: anche nelle cosiddette “democrazie”,
    A soffiare sulla guerra non sono solo i centri di potere impazziti ma anche l’ideologia-cultura che si ricrea incessantemente per mettere al centro ogni edonismo-risentimento proiettato verso l’esterno da ggredire.

    Così come il darwinismo fu la base del nazismo: MA NESSUNO FINORA LO HA DETTO.
    PERCHE’ TUTTO SI FA MENO CHE STUDIARE ED ANDARE AL FONDO DELLE COSE.

    Pertanto ci sarà una nuova guerra:

  • giulio
    14 Ottobre 2020

    per quanto mi ricordi darwin parlava della sopravvivenza del più forte inteso come quello che avesse maggiore capacità di adattamento all’ambiente.
    I dinosauri (cioè i forti) sono spariti mentre le formiche sono sopravvissute!
    I nazisti, come spesso capita ai prepotenti, hanno frainteso darwin così come hanno frainteso Nietzsche per la storia del “super-uomo” che non credo che sia da intendere come “uomo forte” ma “Uomo”….un pò come quando marx parlava di “uomo nuovo”.

    “ci sarà una nuova guerra:”…
    ti sbagli, la guerra c’è già!

  • giorgio
    14 Ottobre 2020

    Mao invitava anche ad individuare la contraddizione principale nel presente momento storico, ed ora la contraddizione principale, sempre più insanabile, è tra liberismo global sionista (USA, GB, NATO, UE e altri) e socialismo nazionalista (RUSSIA, CINA, IRAN, VENEZUELA, NORD COREA, CUBA e altri) e non ci sono dubbi da quale parte stare ……

    • giulio
      14 Ottobre 2020

      Giorgio, tutto bene quello che hai scritto ma ho qualche dubbio sul fatto che la cina o la stessa russia siano paesi “socialisti”! Sono paesi con una forma particolare di capitalismo che lascia spazio anche all’intervento statale specie nei settori strategici…ma questo non è socialismo (socialismo …socializzare…rendere sociali i mezzi di produzione).
      Forse è più socialista l’iran o cuba che la cina o la russia!
      Per il resto, siamo dalla stessa parte della barricata!

Rispondi a Arditi, a difesa del confine cancella risposta

*

code