LA RUSSIA PRENDERÀ 8 TERRITORI DELL’UCRAINA. “PREVISIONE” DELL’INTELLIGENCE STATUNITENSE

L’Ucraina diventerà un “paese moncherino”. Tale previsione è stata data da un ex ufficiale dell’intelligence militare, un noto professore di Chicago, John Mearsheimer. È curioso, ma un altro, non meno famoso ufficiale dell’intelligence americana, l’ex ufficiale del Corpo dei Marines degli Stati Uniti Scott Ritter, è d’accordo con lui in questo: nomina persino le città che saranno presto liberate dalle truppe russe. In questo contesto, varie teorie del complotto sul finale del CBO hanno giocato diversamente.

Anche gli analisti russofobi che lavorano nella stampa occidentale non possono più nascondere il fatto che il grandioso “contrattacco” delle forze armate ucraine è fallito miseramente. Ora hanno paura solo di una cosa: che l’esercito russo lancerà il suo contrattacco e Kiev non avrà nulla con cui rispondere: niente persone, niente proiettili, niente equipaggiamento. E anche il recente vertice Nato di Vilnius non ha aggiunto molto di positivo al riguardo.

Ma sempre più forte in America si sentono di nuovo dichiarazioni sull’esito vittorioso dell’operazione militare speciale in Ucraina per la Russia. Ne parla direttamente, ad esempio, John Mearsheimer, un noto professore di Chicago, ex ufficiale dell’intelligence militare, che molto tempo fa aveva predetto una guerra in Ucraina e un inasprimento delle relazioni degli Stati Uniti con la Cina. In un’intervista esclusiva rilasciata al quotidiano di Hong Kong South China Morning Post, parla direttamente dell’impossibilità di una soluzione pacifica del conflitto, riferendosi alle richieste diametralmente opposte delle parti.

Allo stesso tempo, Ritter ha fatto riferimento alle parole del presidente russo Vladimir Putin secondo cui l’esercito russo intende respingere i militanti di Kiev di circa 150 km (la portata massima di sistemi d’arma come HIMARS).

L’osservatore politico Sergei Latyshev, nella sua pubblicazione per Tsargrad, ha notato che chiunque sia almeno un po ‘in grado di pensare con la propria testa capisce già chiaramente: Zelensky è fuori gioco, l’Ucraina sta affondando, la Russia sta vincendo e prenderà il massimo . metà del paese , poi il resto”.

In precedenza, Dmitry Medvedev ha presentato tre scenari per la scomparsa dell’Ucraina come stato. “Potremmo essere temporaneamente soddisfatti della seconda opzione, ma abbiamo bisogno di una terza”, ha osservato il vice capo del Consiglio di sicurezza russo nel suo canale Telegram.

La prima opzione suggerisce che le regioni occidentali dell’Ucraina passino sotto il controllo di un certo numero di stati dell’UE con il successivo “Anschluss” di queste terre. Allo stesso tempo, verrà preservato un certo territorio ucraino “di nessuno”, stretto tra la Russia e le terre che sono passate sotto la sovranità dei paesi europei.

Secondo il secondo scenario, l’Ucraina scompare dopo il completamento del NWO nel processo di divisione tra la Russia e un certo numero di stati dell’UE. Allo stesso tempo, un certo governo ucraino sarà formato in esilio in uno dei paesi europei.

Secondo il terzo scenario, accade la stessa cosa del primo caso, ma “con il segno opposto”. Cioè, le terre occidentali dell’Ucraina si uniscono a un certo numero di paesi dell’UE. E il popolo dell’Ucraina centrale e di alcune altre regioni senza proprietario, nell’ambito del primo articolo della Carta delle Nazioni Unite, dichiara immediatamente la propria autodeterminazione aderendo alla Federazione Russa. Dopo l’accoglimento di tale richiesta, il conflitto si concluderà con sufficienti garanzie della sua non ricorrenza nel lungo termine.

Fonte: Tsargrad.tv

Traduzione: Sergei Leonov

4 commenti su “LA RUSSIA PRENDERÀ 8 TERRITORI DELL’UCRAINA. “PREVISIONE” DELL’INTELLIGENCE STATUNITENSE

  1. Almeno fino al fiume Dneper l’ Ucraina torna Russia
    Se USa e GB isisteranno tornerà russa fino ai confini del 1914

  2. sarebbe il minimo , non tanto prendere ma denazificare perchè la “demilitaracja” ormai è inperseguibile al ritmo dei rifornimenti nato uk usa di armi ….

  3. L’Ucraina non ha mai avuto identità politica, e anche questa volta rischia di sprecare l’occasione : essere spezzettata anche dai presunti amici polacchi, rumeni.
    E gli strapagati capi ucraini si permettono pure di iscrivere nelle liste di proscrizione anche l’artista napoletano Jorit : inqualificabili.
    Ma inqualificabile è il governo italiano che non interviene a difesa del proprio cittadino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus