La Russia passerà a una strategia di guerra?

di Larry Johnson .

Due eventi degli ultimi giorni – la decisione della Lituania di bloccare il transito di rifornimenti russi a Kalinigrad e l’attacco missilistico ucraino a una piattaforma petrolifera russa nel Mar Nero – potrebbero essere il punto di svolta della Russia verso una strategia di guerra piuttosto che continuare l’operazione militare speciale. Lasciatemi spiegare.

L’operazione militare speciale, oltre agli obiettivi dichiarati di smilitarizzazione e denazificazione dell’Ucraina, aveva regole di ingaggio limitate. La Russia non ha distrutto tutte le infrastrutture e le reti di comunicazione. Internet è rimasto operativo nella maggior parte delle regioni dell’Ucraina. Le torri dei telefoni cellulari e le reti elettriche non sono state prese di mira e distrutte. Le luci sono rimaste accese in città e villaggi, comprese Leopoli e Kiev. I depositi di carburante civili e le raffinerie di petrolio sono stati difficilmente attaccati.

Gli edifici del governo ucraino, compreso il Ministero della Difesa, non sono stati ridotti in macerie. Sono ancora in piedi e le attività quotidiane continuano. La rete di trasporto civile è ancora funzionante. Alcuni trasporti ferroviari sono stati sospesi per impedire la consegna di rifornimenti militari della NATO nella parte orientale dell’Ucraina, ma i treni continuano a circolare, anche se sono alimentati a diesel.

Nonostante la propaganda occidentale secondo cui gli “orchi” russi violentano selvaggiamente, saccheggiano e uccidono civili, la verità è diversa. La Russia non ha preso di mira aree puramente civili (a differenza dell’Ucraina, che bombarda la città di Donetsk dove non c’è attività militare russa) e ha fatto pressioni sull’Ucraina affinché apra vie di fuga sicure per i civili catturati in una zona di combattimento. L’Ucraina ha bloccato molte di queste operazioni di soccorso.

La caratteristica principale dell’operazione militare speciale è la dimensione della forza militare russa dispiegata in Ucraina: solo circa 250.000 soldati russi contro un esercito ucraino e una forza di difesa territoriale di 600.000. La saggezza convenzionale tra gli strateghi militari è che un esercito attaccante dovrebbe avere un vantaggio di 3 a 1 se spera di avere successo :

“La regola 3-1 del combattimento terrestre è un aforisma militare tratto dalla ricerca operativa che afferma che una forza d’attacco deve avere un vantaggio di 3 a 1 su una forza di difesa per avere successo. Il motivo per cui la forza di attacco dovrebbe essere così grande è, ovviamente, per tenere conto delle perdite che possono verificarsi quando si attacca una posizione fortificata. Una forza d’attacco più piccola spesso corre un rischio molto maggiore non avendo abbastanza soldati per creare e sfruttare una breccia; allo stesso modo, la scelta del terreno, la copertura, il livello di prontezza, la negazione dell’area, la distanza di rifornimento, la distanza dai rinforzi e il vantaggio del terreno (morale) sono solitamente dalla parte del difensore.

La Russia ha sconvolto le idee ricevute. Sebbene in inferiorità numerica di quasi tre a uno dall’Ucraina, che stava combattendo una battaglia difensiva da posizioni fortificate, la Russia ha ottennuto rapidamente la supremazia aerea e ha paralizzato la capacità dell’Ucraina di fornire supporto aereo ravvicinato alle unità assediate. Gli aerei ad ala fissa e ad ala rotante ucraini non hanno svolto un ruolo offensivo significativo nelle operazioni ucraine.

La Russia faceva affidamento anche sulle milizie delle repubbliche di Luhansk e Donetsk e ha lasciato che sopportassero il peso maggiore della battaglia riconquistando i territori detenuti dall’esercito ucraino. Sembra che la Russia abbia svolto il ruolo di comandante di supporto mentre le forze militari di Luhansk e Donetsk erano i comandanti di supporto. In altre parole, la Russia ha fornito artiglieria, armamenti, supporto aereo e missili per supportare le operazioni militari delle repubbliche del Donbass. La Russia ha anche fornito rinforzi di truppe secondo necessità. Nonostante le affermazioni occidentali secondo cui la Russia ha subito perdite catastrofiche, non ci sono prove sui social media in Russia a sostegno di questa affermazione.

La carneficina che le forze ucraine stanno subendo sul terreno impallidirà al confronto se la Russia deciderà di togliersi i guanti e di intraprendere una guerra totale contro l’Ucraina come comandante sostenuto. Non vedrai più i servizi fotografici con politici e celebrità occidentali che camminano per le strade di Kiev.
La Russia ha diverse opzioni: può distruggere la rete elettrica ucraina o chiudere la centrale nucleare di Zaporizhia, la più grande centrale elettrica d’Europa. La Russia può anche impedire l’accesso dell’Ucraina al petrolio e distruggere le raffinerie. E la Russia può iniziare a prendere di mira le infrastrutture del governo ucraino.

Spero che non si arrivi a questo, ma Vladimir Putin ha chiarito che questa era una lotta esistenziale per la Russia e l’Occidente, con le sue parole e le sue azioni ha rafforzato quella convinzione. Un giornalista tedesco si è accorto del pericolo:

Offensiva russa

“La televisione tedesca ammette ciò che è diventato sempre più chiaro: l’Occidente nega che la Russia abbia quasi vinto il suo conflitto militare con l’Ucraina”.
“Temo che ora ci troviamo di fronte a una scomoda verità”, ha detto la scorsa settimana il giornalista Wolfram Weimer. “Ed è che la Russia ha vinto questa guerra”.
“Ora il nostro cancelliere sta lavorando con questo linguaggio modello: ‘La Russia non deve vincere questa guerra. L’Ucraina deve vincere’”, ha continuato Weimer.
“Mi chiedo solo dove ci porterà politicamente, perché in effetti la Russia ha praticamente conquistato il Donbass in pochi giorni. I guadagni di area sono enormi, sono grandi quanto l’Olanda e il Belgio messi insieme. Il collegamento terrestre con la Crimea c’è. In altre parole, come dovrebbe la Russia perdere questa guerra adesso? »

Weimer ha proseguito affermando che l’Ucraina “non ha la forza” per combattere militarmente la Russia, nonostante abbia ricevuto miliardi di dollari in armi e assistenza dall’Occidente, e che la Russia “sta vincendo anche le sanzioni internazionali”.

Viviamo in tempi storici. Il mondo che è stato creato all’indomani della seconda guerra mondiale è terminato il 24 febbraio 2022. Gli Stati Uniti non sono più in grado di dettare l’esito della situazione in Ucraina e in Europa. Quel potere ora appartiene a Vladimir Putin.

Fonte: Sonar 21

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM