"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia invia una diffida a Washington a muovere un attacco contro la Corea del Nord

Il ministro degli Esteri russo, Sergej Lavrov, ha manifestato la posizione contraria e critica di Mosca riguardo le recenti azioni svolte dagli Stati Uniti nei confronti della Corea del Nord e del suo bizzarro presidente, Kim Jong-un: “I passi recenti di Washington sembrano deliberatamente diretti a provocare Pyongyang e spingerla ad azioni dure. Adesso gli americani hanno dichiarato che in dicembre si terranno esercitazioni militari massicce, straordinarie; l’impressione è che tutto sia stato fatto apposta per far perdere la calma a Kim e spingerlo a una nuova azione spericolata”.

Da Mosca c’è una opposizione totale alla politica di provocazione intrapresa da Trump nei confronti di Pyongyang , anche perché la strategia è tutto tranne che coerente:
“E’ triste, ma gli americani devono, prima di tutto, spiegare a tutti noi quello che vogliono. Se vogliono trovare una scusa per la distruzione della Corea del Nord, che lo dicano direttamente, e se c’è la conferma dalla leadership americana superiore”, ha dichairato Lavrov.
Il ministro ha sottolineato che Mosca è nettamente contraria all’appello americano di interrompere qualsiasi contatto con la Corea del Nord, ma ha anche dichiarato che le possibilità di sanzioni per fare pressione su Pyongyang si sono esaurite.

Nelle ultime ore, dopo le recenti dichiarazioni rilasciate dall’ambasciatore Usa alle Nazioni Unite, Nikki Haley, che aveva minacciato la distruzione totale della Nord Corea, è intervenuto il segretario del Consiglio di sicurezza Nikolai Patrushev il quale ha riferito ai media che “ La Russia non permetterà azioni militari contro la Corea del Nord”.

Il Presidente della Nord Corea Kim Jong

Nota: dalle ultime prese di posizione del ministro russo Lavrov e del rappresentante russo all’ONU, si capisce che Mosca ha deciso di frapporsi ad una eventuale decisione unilaterale di Washington di azioni unilaterali contro la Corea del Nord, visto che queste produrrebbero effetti indesiderati anche sul territorio russo, data la contiguità della penisola di Corea.
Nella confusa e contradditoria gestione della crisi fatta da Washington, dove non si conprende chi veramente comanda e chi decida, Mosca ha lanciato la sua diffida, che si unisce a quella già fatta dalla Cina, gli USA non potranno non tenerne conto. Da queste premesse si capisce che la Corea del Nord non sarà un’altra Libia.

Fonti: RT Actualidad     Sputnik Mundo

Traduzioe e nota: Luciano Lago

*

code

  1. The roman 2 settimane fa

    Cosa vuole davvero la ” leadership superiore” ?. L’ intervento di Lavrov squarcia il velo dell’ ipocrisia e punta diretto al punto. Prossimamente si arrivera’ a chiedere direttamente a Netanyau ? L’America in stato convulsivo ha ormai perso ogni sembianza di superpotenza ed e’ ridotta ad una patetica caricatura , un golem schizofrenico pronto per il sacrificio finale. E’ PROPRIO CIO’ CHE VOGLIONO LE ELITES GLOBALISTE. Schiantare l’America in una guerra mondiale , disfarsi di qualche centinaio di milioni di useless eaters occidentali, trasformsre il mondo in un immenso bazar multietnico ed implementare finalmente un ordine mondiale unico con al vertice l”oligarchia finanziaria e l’intellighentsia ebraica. Tutto il resto e’ aris fritta.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. nessuno 2 settimane fa

      Capire cosa vogliono gli u$a e suoi belanti complici è difficile, come si fa ad
      analizzare il pensiero o il comportamento dei “pazzi”? Convivere con i “pazzi”
      ameri-cani è impossibile, sono inaffidabili e spudorati bugiardi.
      Fino a quando potrà reggere questa situazione?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio 2 settimane fa

    Tradotto: avete rotto il cazzo ameri cani demmerda. Questa è una riga molto pericolosa da attraversare, siamo arrivati al dunque, tutti i giocatori sono pronti a scannarsi, o meglio a scannarci in quanto saremo noi poveri cristi ad andarci di mezzo.. tutto questo per la gloria dei giudei e per la terza volta in poco più di cent’anni…chissà se anche gli uomini delle antiche civiltà sono spariti con lo stesso livello di coglionaggine…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Animaligebbia 2 settimane fa

      Non credo che ci sara’ una guerra da quelle parti; si tratta di un paese armato fino ai denti e gli americani non sono disposti a rischiare.In poche ore potrebbero cancellare la fotta del Pacifico e i professionisti della distruzione in casa altrui non hanno mai fatto una guerra senza avere il dominio dell’aria, e ultimo,ma non ultimo,la Corea non confina con israele.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Mario Rossi 2 settimane fa

    Ha ragione animaligebbia!! da un pò che lo ripeto, nessuna guerra in corea. Gacciano tutte le esercitazioni che vogliono , il coreano basso e grasso non si scompone neanche visto che ha tutte le tecnologie più avanzate di distruzione di massa, glie le hanno vendute anche gli americani e quindi lo sanno cosa vuol dire andare a rompergli i coglioni sul serio. Tutta fuffa, adatta a mascherare altre cose. Non ho ancora capito quali, ma vuoi vedere che invece dell’estremo oriente i problemi sono veramente nella vecchia europa pronta ad essere scuoiata ben bene? Occhio!!!!! l’ho già detto, noi guardiamo altrove mentre già a casa nostra, uno dei paesi più ricchi al mondo, si sta preparando un banchetto coi fiocchi!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace