La Russia installa le sue difese sull’Artico

La Russia Installa Sistemi di Difesa Aerea S-400 nell’Artico, man mano che gli Stati Uniti Diventano più aggressivi
Di Paul Antonopoulos

L’ufficio stampa della flotta della Russia settentrionale ha riferito lunedì che è avvenuta l’installazione dell’S-400 sistemi di difesa aerea a Novaya Zemlya, nell’arcipelago russo nell’Artico.

La Russia ha intensificato le attività militari, commerciali ed esplorative nell’Artico attraverso la costruzione di strutture di trasporto e di energia e con lo sviluppo della rotta del Mare del Nord come parte del passaggio a nord-est, che collega l’Europa con l’Asia.

“Il reggimento antiaereo della flotta settentrionale russa installato sull’isola di Yuzhny nell’arcipelago di Novaya Zemlya è stato completamente adattato con i nuovi sistemi S-400”, afferma la nota.

Vale la pena ricordare che il personale militare è stato addestrato per gestire nuovi sistemi e ha già una pratica di gestione con il sistema S-300.

“I nuovi sistemi di difesa aerea estendono la zona aerea controllata dai nostri militari”, ha detto l’ufficiale di stampa della flotta russa.

L’intensificazione delle difese militari della Russia nell’Artico è stata criticata da alcuni paesi, compresi gli Stati Uniti. Tuttavia, rispondendo alle critiche, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha affermato che Mosca non ha minacciato nessuno, sottolineando che si trattava semplicemente di una garanzia di difesa.

Difese russe sull’Artico

Nel tentativo di evitare conflitti nell’Artico, le maggiori potenze della regione, in particolare Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti, hanno istituito il Consiglio artico, un forum per la cooperazione intergovernativa, con incontri ogni sei mesi di alti funzionari dell’Artico e riunioni ministeriali biennali.

La Russia ha aumentato il suo potere nella regione artica e ha stabilito il controllo sulle rotte marittime chiave, in particolare la cosiddetta rotta del Mare del Nord.

Da parte sua, la Cina sta compiendo sforzi per ottenere un ingresso nella regione, intensificando la sua presenza militare e agendo in conformità con la Belt and Road Initiative.

Distaccamento artico delle Forze Russe

Comprendendo attualmente l’importanza della regione, il Pentagono prevede di condurre esercitazioni e istituire gruppi di spedizione di marines in grado di agire in un ambiente artico, nonché di rafforzare la collaborazione con gli alleati in difesa di importanti rotte marittime nella regione.

Questo ha allarmato la Russia che ha messo una linea rossa sulla vasta zona dell’Artico che corrisponde alle sue estese coste e isole nella zona artica che sono sottoposte alla sovranità della Russia. Tale allarme spiega la decisione russa di potenziare le difese aeree e quelle della flotta artica che deve sorvegliare una zona vastissima alle soglie del Circolo Polare Artico.

Fonte: FRN

Traduzione: Sergei Leonov

3 Commenti

  • eusebio
    17 Settembre 2019

    Putin sta anche riassorbendo la Bielorussia, con un programma di riunificazione, onde garantirsi altri mandati da presidente della nuova confederazione e sta concedendo la cittadinanza russa a pressochè tutti gli ucraini, così poi se li mangia una regione alla volta.

  • lanato
    17 Settembre 2019

    “”Canada, Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Svezia e Stati Uniti, hanno istituito il Consiglio artico, “”
    praticamente l’OTANATO dell’Artico,ovviamente escludendo Russia e Cina che dovrebbero stare a guardare disarmati.

Rispondi a atlas cancella risposta

*

code