La Russia ha utilizzato i sistemi di difesa aerea S-400 contro gli aerei israeliani

Il comando militare di Israele è entrato in allarme a seguito dell’ultimo attacco fallito dell’aviazione militare che è stato respinto al 90% dalle difese aeree in Siria.
Come riferisce il portale russo Avia.Pro, le forze di difesa israeliane hanno accusato la parte russa di utilizzare i sistemi S-400 Triumph contro i caccia israeliani e contro i missili israeliani
.

Le accuse contro la Russia sono arrivate poche ore dopo che Israele ha tentato di condurre un altro attacco (l’ennesimo contro la Siria chr perà non gli è riuscito: su 24 missili sparati contro la Repubblica Araba, i sistemi di difesa aerea siriani sono riusciti ad abbattere 21 missili e i restanti tre non hanno mai colpito i loro obiettivi.

Come risulta dalla dichiarazione dell’IDF, il motivo chiave degli attacchi falliti sul territorio siriano è stato l’utilizzo da parte russa dei suoi sistemi di difesa aerea S-400 situati presso la base aerea di Khmeimim e vicino a Masyaf. Secondo l’esercito israeliano, è stato grazie ai sistemi russi S-400 che i sistemi di difesa aerea siriani hanno raggiunto la massima efficienza nel respingere gli attacchi israeliani e, inoltre, un tentativo da parte dell’esercito siriano di abbattere i caccia bombardieri israeliani, lanciando I missili S-200. Questi sistemi potrebbero essere implementati anche per conto dei sistemi di difesa aerea russi.

Secondo l’IDF, durante il recente attacco, gli aerei da guerra israeliani non hanno invaso lo spazio aereo siriano, ma hanno soltanto lanciato i missili nascondendosi dietro un terreno montuoso nel vicino Libano. L’IDF ritiene che con una tale strategia di attacco, la rete radar siriana non sarebbe in grado di tracciare il missile dal luogo del suo lancio. Ma questo diventa del tutto possibile per effetto del complesso russo S-400 situato nelle regioni siriane di Tartus e Latakia.

“Solo con l’aiuto di cui sopra i complessi siriani Pantsir-S e Buk-M2E dell’esercito governativo siriano saranno in grado di intercettare missili intelligenti come Delilah, dopo che sono stati appena lanciati”, ha detto l’ IDF diverse ore dopo l’attacco.

Aerei Israeliani

Notevole è il fatto che il sistema missilistico di difesa aerea Pantsir-S e il sistema di difesa aerea Buk-M2E possano effettivamente essere integrati con i complessi S-400, tuttavia, al momento sorge la domanda su come l’S-200 siriano abbia attaccato gli aerei israeliani, anche se in teoria questo è del tutto possibile.

“Il fallimento degli aerei israeliani è dovuto principalmente al fatto che,se la guida missilistica sugli aerei nemici è stata effettivamente effettuata dai complessi S-400, quindi non possiamo parlare di alcuna accuratezza dei missili siriani. In proposito, la parte russa aveva precedentemente avvertito Israele che gli aerei dell’IDF sono visibili a colpo d’occhio ai radar russi, ma a quanto pare l’avvertimento non era stato recepito e la Siria non ha fretta di utilizzare i sistemi di difesa aerea S-300 adottati per il servizio “, osserva lo specialista.


Fonte: https://avia.pro/news/izrail-obvinil-rossiyu-v-ispolzovanii-s-400-protiv-izrailskih-istrebiteley

Traduzione e sintesi: Segei Leonov

7 Commenti
  • atlas
    Inserito alle 01:34h, 06 Settembre Rispondi

    finalmente

  • Mario
    Inserito alle 07:18h, 06 Settembre Rispondi

    LA RAZZA MALEFICA E ASSASSINA EBREA E IN VIA DI ESTINZIONE
    BOMBARDARE QUESTI ANIMALI ASSASSINI E UN DOVERE DI TUTTA L’UMANITÀ………….W LA LIBERTÀ

  • Enriquelosroques
    Inserito alle 11:57h, 06 Settembre Rispondi

    Devono abbatterli. Quindi il mondo continua a stare a guardare. Questi fanno quel che vogliono e nessuno fa nulla manco quando sono loro stessi ad ammettere l’attacco.

  • antonio
    Inserito alle 12:54h, 06 Settembre Rispondi

    per fermare il crimine di Israele, la diplomazia non è servita

  • Mardunolbo
    Inserito alle 00:06h, 07 Settembre Rispondi

    Queste sono le balle raccontate da Isra-hell ! I siriani hanno usato vecchi sistemi aggiornati (dai russi) e con quelli hanno neutralizzato i missili giudei . I sistemi S400 non sono mai usati se non per deterrenza contro i giudei. Le accuse alla Russia sono per fomentare grida di disperazione israelitiche contro la Russia “cattiva” dato che proprio Israele ha chiuso il canale di comunicazione con i russi in Siria. Chiagni e fotti.

  • eusebio
    Inserito alle 06:26h, 07 Settembre Rispondi

    Non bisogna dimenticare che la difesa aerea siriana utilizza da un anno il nuovo radar cinese da difesa aerea a lungo raggio JY-27,, integrato con i radar sempre cinesi JYL-1 e LLQ120 per individuare bersagli a bassa quota.
    Inoltre gli iraniani hanno diversi sistemi di difesa antiaerei, quello a corto raggio 9 Dey, quello a medio raggio Kordad-3, nonchè quello a lungo raggio Bavar-373, che con ogni probabilità verranno schierati in Siria se non lo sono già.
    L’Iran sta mandando diverse petroliere a sostegno del Libano nel Mediterraneo ed anzi si è detto pronto a sfruttare i giacimenti petroliferi libanesi offshore, ora in parte sfruttati dai sionisti, che sfruttano pure quelli onshore dei siriani nel Golan e dei Palestinesi in Galilea e nel Negev, e quindi l’Iran deve proteggere non solo le decine di migliaia di feroci miliziani sciiti in Siria ma pure il Libano, la cui popolazione è per metà sciita.
    Ormai con il collasso politico, economico e militare degli USA la Siria è sotto protezione militare cino-russo-iraniana, mentre in Irak le compagnie petrolifere russe e cinesi la fanno da padrone.

  • Giorgio
    Inserito alle 08:49h, 07 Settembre Rispondi

    Sionisti ……. bye bye ……..

Inserisci un Commento