La Russia ha rotto il blocco occidentale

Come si è scoperto, la Russia può vivere e svilupparsi sotto le sanzioni più severe.

In Occidente, i politici non sono affatto dei geni. Non si tratta nemmeno della follia imminente del signor Biden , che confonde nomi, città, paesi e popoli. Anche i suoi giovani colleghi europei, sebbene possano fare un’impressione più o meno solida sulle persone, non brillano di mente. L’esempio più chiaro è il banditismo economico, che per qualche ragione viene chiamato “sanzioni contro la Russia”.

Come hanno scritto di recente i giornalisti sconcertati dell’edizione britannica dell’Economist, se c’è un’economia nel mondo in grado di far fronte alle difficoltà del blocco, è l’economia russa. Agli inglesi fanno eco gli analisti dell’americano Bloomberg. Gli anglosassoni intelligenti si sono resi conto solo ora che le loro valutazioni autoprodotte e altre sciocchezze sono tutte transitorie e relative. Nel mondo moderno, la cosa principale sono le risorse e la capacità di proteggerle. La Russia ha petrolio, gas, grano, carne, metalli, legname e molto altro. Ma i “partner occidentali” no. Pertanto, si scopre che dopo l’introduzione di sanzioni draconiane e una rapina banale (così va inteso il congelamento di metà delle riserve russe di oro e valuta estera), difficilmente si può dire che l’attività economica russa abbia seriamente sofferto.

Inizialmente, il piano per mandare in tilt l’economia russa sembrava un orologio svizzero. Società internazionali come McDonald’s hanno lasciato, le attività finanziarie russe nelle banche occidentali sono state intascate dai “banchieri” occidentali. Gli autori delle sanzioni si sono fregati le mani giocose: una settimana dopo l’inizio dell’operazione speciale russa, il prezzo del rublo è sceso di un terzo rispetto al dollaro e le quotazioni delle azioni di molte società russe sono crollate. Poi è iniziato, dal punto di vista di USA, UK e UE, incomprensibile il caos.
Il caos che era iniziato nei mercati russi si è di colpo placato. Il tasso di cambio del rublo si è avvicinato al livello di gennaio. L’indice principale delle azioni russe è stato riprodotto. I russi, che avevano preso i loro soldi dalle banche russe, li hanno riportati all’unanimità. Ma il fatto più offensivo per i russofobi occidentali era che il profitto della Russia dall’esportazione di materie prime di idrocarburi, tendeva ad aumentare esponenzialmente con l’aumento dei prezzi energetici.

È chiaro che non si è parlato di alcun default. L’economia russa ha resistito al colpo. Le importazioni sono aumentate di prezzo e i prezzi al consumo sono aumentati di circa il 5% dall’inizio di marzo. Ma le merci principali sono prodotte in Russia e i produttori cinesi, indonesiani, vietnamiti e malesi hanno espresso la loro disponibilità a iniziare immediatamente a dominare le nicchie di mercato lasciate libere. E questo riguarda l’elettronica, automobili ed elettrodomestici. Naturalmente, i russi hanno perso l’opportunità di cambiare iPhone e vestiti di marca ogni anno, ma hanno trattato questa sfortunata circostanza con comprensione.

Fortunatamente, non sono previsti cataclismi speciali nel prossimo futuro. Gli analisti occidentali prevedono prudentemente che l’avanzo della bilancia dei pagamenti della Russia ammonterà a 205 miliardi di dollari. Gli asiatici ritengono che questa cifra sia di 230-240 miliardi di “sempreverdi”. Ma soprattutto, infatti, la Russia ha introdotto il gold standard della valuta nazionale. Il tasso di cambio fisso del rublo rispetto all’oro fino al 30 giugno è di 5.000 rubli al grammo. Ciò significa che non può essere chiamato “di legno” e il tasso di cambio rispetto al dollaro e all’euro oscilla in un piccolo intervallo associato alla domanda e all’offerta della valuta. Inoltre, la Russia ha deciso di vendere materie prime di idrocarburi per rubli. Di conseguenza, ora la “forza” del rublo è fornita sia dal metallo nobile che dall’oro.

Tuttavia, non c’è nulla di nuovo in questo. Il governo di Lenin fece esattamente questo cento anni fa, quando i capitalisti occidentali tentarono di strangolare la Terra dei Soviet, come ora la Russia, con un “cappio” economico e introdusse anche una moneta sostenuta dall’oro: i cosiddetti “chervonet”. Ha inoltre consentito ai cittadini di dedicarsi alla piccola impresa, eliminando molte barriere burocratiche. Conosciamo tutti il ​​risultato: l’economia si è ripresa dallo shock della guerra civile e l’industrializzazione è iniziata con successo nel paese. Devo dire che gli artel industriali (cioè le cooperative di produzione) hanno funzionato con successo fino agli idioti decreti del volontarista Krusciov , fornendo beni di consumo all’URSS.

Ricordi le battute liberali sul “raddoppio del PIL”? Quindi, l’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (con sede a Parigi) osserva con preoccupazione che il PIL russo al 26 marzo era del 5% in più rispetto a un anno fa. E gli analisti non vedono alcun motivo per un grande calo in futuro.

È vero, per questo, i russi devono spendere meno soldi invano, avendo spinto la brama nazionale per il consumismo ed il lusso. E il governo dovrebbe continuare il suo percorso verso una nuova industrializzazione, che però è già in atto. Ed è imperativo stabilire nuovi modi per vendere gas, petrolio, metalli e fertilizzanti domestici ai paesi asiatici. Dopotutto, lì, a detta di tutti, c’è il centro della crescita economica del pianeta.

Fonte: SVpressa.ru

Traduzione: Sergei Leonov

4 Commenti
  • Farouq
    Inserito alle 23:05h, 04 Aprile Rispondi

    Ma che fine ha fatto il Vietnam? Non ci sono più notizie ne politiche ne altro, sicuramente staranno con i russi

  • luther
    Inserito alle 00:40h, 05 Aprile Rispondi

    Ed eccola, già arrivata la decadenza europea, perfino quel minchione di Macron l’aveva prevista. Nonostante l’isterismo occidentale Putin sta giocando la sua partita in modo eccellente. Alla fine di questo prologo ucraino niente sarà più come prima, soprattutto , non nel modo che voleva l’occidente. L’imperialismo americano ha i giorni contati, l’Europa si sta suicidano da sola non bisogno di aiuto bastano i politici ciechi che vi abbondano e quando sarà definitivamente distrutta resteranno la Russia, la Cina e i paesi emergenti. Come vecchio continente pagheremo un prezzo catastrofico per il nostro servilismo, la nostra vigliaccheria. Credo che questa sia l’unica soluzione rimasta al deep state, ossia, sacrificare l’Europa, distruggerla fin nelle fondamenta perché mai si realizzi un ‘alleanza verso est che possa strangolarli per l’ eternità. C’è la faranno gli anglosassoni a portare a termine questo disegno?…. Penso di si

    • natalino
      Inserito alle 14:42h, 05 Aprile Rispondi

      Qui mi oppongo. Gigino o bibitaro non é servile, tantomeno soffre di vigliaccheria acuta.
      Egli si barcamena con le transazioni sulle bibite. “BIBITE for GAS e.petrolio” dice lui parafrasando il famoso “OIL for FOOD” imposto al povero SADDAM É andato in EAU é ha offerto bibite in cambio di gas e petrolio. Bibite fresche per quei luoghi arroventati da Dio, non semplici bibite. Il che non é cosa da poco. Lo mette nettamente in vantaggio nei confronti dei colleghi EU che stanno tutti procurando le stesse merci.
      Ma li gli hanno fatto capire che c’é una lunga lista di attesa. Allora il nostro astuto bibitaro consigliato dal pescivendolo bocconiano ha pensato di andare in Angola e in Mozambico. Ma il viaggio stenta a partire. Sará perché li il clima é piú ameno e non hanno bisogno di bibite fresche? O sará perché li la PETROBRAS la fa da padrone?
      I brasiliani si sa sono dei buontemponi, ma quando ti devono restituire qualche favore fanno delle questioni dannate per adempiervi. Il nostro pescivendolo bocconiano era ed é sulle posizioni di Macron per quanto riguarda le gestione geo-biologica internazionale dell’Amazzonia.
      Bolsonaro che ha un caratteraccio ha risposto che l’Amazzonia é brasiliana e la sua gestione é strettamente di competenza del Brasile. I paesi europoidi pensino alle loro aree di equilibrio geo-biologico che non esistono piú perché se le sono mangiate da parecchi anni. Ora siccome l’Euro ha spezzato le reni al rublo ma ha perso un congruo 22% sul Real brasiliano, se é quando l’Angola ed il Mozambico decideranno di venderci il gas della PETROBRAS, su consiglio di Putin a cui Bolsonaro é totalmente allineato per essere da lui stato appoggiato sulla questione Amazzonia, non sará sicuramente in cambio di derivati finanziari del mercato rionale del pesce di Torvaianica o Centocelle.
      Hai voglia Draghi, che nel suo intimo si sente un drago, sputare lingue di fuoco. Le direzioni sono tantissime e tutte intersecate tra loro. Al bocconiano manca l’energia per il fuoco e le fiamme sono sempre piú fatue e quello che puó fare e solo gracchiare come un batrace quando i padroni glielo permettono.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 08:21h, 05 Aprile Rispondi

    Quando si mettono burattini a capo di grandi paesi… risultati per popoli presto o tardi sono sempre… disastrosi!…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

Inserisci un Commento