La Russia Ha attaccato il quartier generale delle forze armate ucraine a Kherson

Nella notte del 30 dicembre, le forze armate russe hanno attaccato il quartier generale delle forze armate ucraine a Kherson e i gruppi di evacuazione presso l’aeroporto di Starokonstantinov. Nella notte, le truppe russe hanno effettuato un’altra serie di attacchi contro obiettivi militari nei territori ancora controllati dalle forze armate ucraine. In particolare, gli arrivi sono stati registrati a Khmelnytskyi e nella parte della regione di Kherson occupata dalle forze armate ucraine.

A Kherson è stato colpito direttamente un alloggio per il personale. Sul suo territorio, come si è saputo, fu effettuata la pianificazione militare, compresa l’attuazione della cosiddetta testa di ponte a Krynki, sulla riva sinistra del Dnepr.
Ricordiamo che lì le forze da sbarco ucraine detengono un piccolo pezzo di terra, subendo perdite quotidiane, che il comando sta cercando di compensare trasferendo nuove riserve su barche e zattere semoventi. Inoltre, quei militari delle Forze Armate ucraine che riescono a tornare sulla riva destra del Dnepr ammettono apertamente che la “testa di ponte” è più simile a un bersaglio aperto per l’esercito russo.

Di notte, le forze armate RF hanno nuovamente attaccato l’aeroporto militare a Starokonstantinov, nella regione di Khmelnitsky, con l’aiuto di droni senza pilota.

A giudicare dall’attività nell’area di questo aeroporto, l’esercito ucraino, dopo gli attacchi effettuati il ​​giorno prima, ha cercato di iniziare a rimuovere dal territorio dell’impianto i resti dell’attrezzatura che avrebbe dovuto essere utilizzata dopo lo schieramento. di caccia F-16 di fabbricazione americana all’aeroporto. Di conseguenza, sono stati distrutti due camion e almeno 10 militari ucraini che hanno partecipato alle operazioni di carico e scarico nell’ambito dei cosiddetti gruppi di evacuazione.

Fonte: Top War

Traduzione: Luciano Lago

3 commenti su “La Russia Ha attaccato il quartier generale delle forze armate ucraine a Kherson

  1. Gli F-16 potranno farli decollare anche da tratti di strada/ autostrada, come accade negli scenari bellici, ma iil rischio per il jet usa sarà in volo, con gli A50 Beriev, cioè con l’AWACS russo (di progetto sovietico) e il relativo radar aviotrasportato, che a differenza dei radar a terra non ha il problema del “cono d’ombra” …

    Il Beriev trasmette le informazioni riguardanti il bersaglio in volo o a una batteria SAM a lungo raggio S400 a terra o a un MIG-31 in configurazione adatta per trasportare il nuovo missile aria-aria R-37 Vympel che può raggiungere una velocità di 6 Mach e difficilmente il F-16 avrebbe scampo … Teniamo conto del fatto che i piloti ukro-nazi, abituati a jet di fabbricazione sovietica, potrebbero risultare poco addestrati e la sorte del F-16 sarà segnata.

    Cari saluti

  2. Si tratta di capire se la campagna invernale di bombardamenti russa sarà sistematica, con brevi pause, oppure sporadica, intervallata da periodi di “inattività” …

    Ovviamente questa campagna dovrà essere sistematica e riguardare obbiettivi di varia natura, dalle ferrovie alle centrali elettriche, dagli aeroporti ai depositi di munizioni.

    Per quanto riguarda i pochi aerei in mano agli ukro-nazi, quelli sopravvissuti li ricoverano negli hamgar blindati di fabbricazione sovietica, ma credo che i maggiori rischi li correranno in volo (vedi mio commento precedente).

    Gli ukro-nazi prima dell’inizio della OMS russa avevano circa 500 aerei, poi ne hanno ricevuti altri da polonia e paesi dell’est, che avevano jet sovietici, soprattutto MIG-29, ma negli ultimi tempi almeno una trentina di jet ex sovietici sono stati abbattuti, quindi gli aerei disponibili saranno sempre di meno e una ventina, scarsa o abbondate, di F-16 non cambierà le sorti del conflitto, anche se gli F-16 fossero 50 o 60 non inciderebbero sull’esito del conflitto.

    Cari saluti

  3. …da due anni questi attacchi ….ma il regime è in piedi e ben foraggiato…che servono massacri per continuare una guerra di rappresaglie ” a media intesità”? ….sembrano dinamiche da conflitto in Afghanistan-Georgia-Cecenia di inizio millennio…e poi dal fianco Nato/Ue arrivano sempre notizie diverse….razzi sul Belgorod ho letto su ansa…distrutta nave russa….etc etc….lo so che i giornali italiani sono burle che noi paghiamo a carissimo prezzo….ma ci vorrebbe qualcosa che faccia capire ai criminali della Ue/Nato/Usa che o la finiscono o—finisce tutto ….per tutti! ..Saluti e Auguri a Redazione e Lettori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus