La Russia ha accusato gli USA di aver traferito elementi del gruppo terrorista dell’ISIS (Daesh) nel nord dell’Afghanistan

Le forze speciali statunitensi sono coinvolte nel trasferimento di elementi del Daesh nelle regioni del nord dell’Afghanistan con l’obiettivo di destabilizzare la situazione delle frontiere della Comuità degli Stati Indipendenti (CEI), ha riferito Serguei Beseda, il capo del Dipartimento delle Relazioni Internazionali del Servizio Federale di Sicurezza della Federazione Russa (FSB).
“Abbiamo ricevuto informazioni dettagliate sulla partecipazione dei servizi speciali degli USA nelle operazioni di trasferimento dei terroristi del Daesh nelle aree del nord dell’Afghanistan per destabilizzare la situazione nelle frontiere del sud della CEI e successivamente nell’Asia Centrale”, ha dichiarato Beseda, citato dall’agenzia Sputnik.
A questo proposito, un alto funzionario del Centro contro il Terrorismo della CEI aveva avvisato già da alcuni mesi che le agenzie di sicurezza ed i servizi di intelligence dei paesi della CEI devono garantire la sicurezza dei propri paesi contro le infiltrazioni di terroristi dall’esterno.
Questa non è la prima volta che gli USA sono stati accusati di offrire diverse forme di appoggio al Daesh ed a altri gruppi terroristi che operano nella regione.
Nel 2018 il generale Mohammad Hossein Baqeri, capo di stato maggiore dell’Esercito iraniano, ha accusato gli USA di trasportare terroristi del Daesh in Afghanistan dopo la loro sconfitta in Siria ed in Iraq per mantenere la tensione nella regione e creare un pretesto per estendere la loro presenza militare in quell’area.

Terroristi ISIS


Pochi giorni fa, un funzionario del governo della provincia del Beluchistan, in Pakistan, anche lui ha dichiarato che il gruppo terrorista di Al Qaeda stava cercando di formare un fronte unito con il Daesh nella regione.

Nota: Le accuse russe contro gli USA di aver trasferito i terroristi dalla Siria in Asia, tra Afghanistan e Pakistan, sono state ripetute più volte ed indicate come parte di una strategia di destabilizzazione in Asia che Washington persegue attraverso la CIA ed in collaborazione con i servizi di intelligence dell’Arabia Saudita. Da notare che i media occidentali hanno sempre occultato queste notizie.

Fonte: Al Manar – Press Tv

Traduzione: Luciano Lago

3 Commenti

  • La soluzione
    24 Settembre 2019

    Certo che l’america c’è la mette tutta. Onore alla Russia e Cina che hanno tanta pazienza con questi guerrafondai. La pazienza finirà. Il cancro va estirpato e la soluzione mi dispiace dirlo è lincenirimento con armi nucleari di tutto gli STATI UNITI. Si tratta di stati uniti della guerra, menzogna, ricatti, e soprusi per un egemonia folle.

  • Mardunolbo
    24 Settembre 2019

    Sono stati chiamati , a ragion veduta, Serpenti Uniti ! Io ho adottato perchè mi sembra ben azzeccato il nome…

  • vlado cremisi
    25 Settembre 2019

    Il sud CEI inteso come Tagikistan, molto molto probabile

Inserisci un Commento

*

code