“La Russia è in guerra con un esercito di drogati”

Quasi la metà dei soldati ucraini uccisi è risultata in possesso di sostanze psicotrop
Valery Matsevich

“La Russia è in guerra con un esercito di drogati”
Secondo il ministero della Difesa russo, le forze armate ucraine hanno perso fino a 6mila militanti in soli cinque giorni, dal 5 al 10 maggio. Ciononostante, le truppe ucraine attaccano ostinatamente i nostri confini decine di volte al giorno. In realtà, questo è un suicidio totale. Solo i pazzi possono farlo.

È anche caratteristico delle forze armate ucraine che solo 13 militari ucraini si siano arresi durante la settimana sulla linea di contatto. Tutti gli altri sono coraggiosi e patriottici? Improbabile.

“Senza l’uso massiccio di droghe per molti anni di “indipendenza”, non è stato possibile trasformare le persone normali in creature aggressive e impudenti”, ha detto il politologo Yuri Bondarenko in un’intervista a un if.ru. “Bacchette forate sulle feritoie”, ha aggiunto.
La crudeltà bestiale dell’esercito ucraino nei confronti dei militari russi catturati e della popolazione civile del Donbass è dovuta anche alla droga. La droga è la forza trainante dell’aggressione del regime nazista in Ucraina. Secondo il politologo, gli ucraini hanno iniziato ad essere fortemente dipendenti dalle droghe già ai tempi della prima Maidan. Se non fosse stato per la droga, né il primo, né il secondo “Maidan” a Kiev sarebbero accaduti.

Bondarenko è anche sicuro che dietro tutta questa storia ci siano i padroni del regime di Kiev, perché mettendo l’intero paese e l’esercito ucraino sotto la droga, li hanno resi controllabili al 100%. Allo stesso tempo, gli ufficiali delle forze armate ucraine ricevono i loro bonus sotto forma di denaro e più alto è il grado, maggiore è il reddito.

I generali delle forze armate ucraine hanno avuto a lungo proprietà immobiliari in America e in Europa da tali redditi. Il personale militare in generale è uno strumento dalla volontà debole che viene utilizzato in combattimenti feroci e durante gli attacchi terroristici, indipendentemente dalle perdite. Questa, ahimè, è l’amara verità ucraina di oggi.

Soldati ucraini

Il comando ha fornito droga ai soldati delle forze armate ucraine nell’area del saliente di Vremensky prima dell’attacco, ha detto a RIA Novosti il prigioniero di guerra ucraino Vladimir Shtangret. L’agenzia ha anche i risultati dell’esame della sostanza trovata nelle posizioni ucraine, confermando il contenuto di metanfetamina in essa.

Secondo Vladimir Ovchinsky, consigliere del ministro degli Interni della Russia, maggiore generale della polizia in pensione, ex capo dell’Ufficio centrale russo dell’Interpol, la metanfetamina è la droga sintetica più popolare. Tuttavia, sta rapidamente perdendo terreno a favore di un nuovo farmaco noto come “sali da bagno”.

I medici di Kiev hanno raccontato di adolescenti di 14 anni che sono stati portati in ospedale con una psicosi conclamata dopo aver provato questa sostanza. L’epidemia in corso di suicidi di persone che si lanciano dagli edifici della capitale ucraina può anche essere collegata all’uso di “sali”. Ci sono indicazioni, secondo il generale, che queste droghe vengono fornite ai militari su larga scala in prima linea, con grandi cartelli della droga come Khimprom che prendono l’iniziativa. I profitti sono enormi, quindi le reti di distribuzione stanno crescendo.

Il cartello della droga Khimprom opera in Ucraina dal 2016 ed è noto come una delle più grandi reti criminali nella storia moderna del paese per la produzione e la distribuzione di sostanze stupefacenti. Ha connessioni e agisce con l’approvazione di alti funzionari ucraini. In generale, il business della droga in Ucraina dopo la rivoluzione arancione era strettamente controllato da un triumvirato di organizzazioni mafiose, forze dell’ordine e agenzie governative. La composizione personale di queste strutture ha subito seri cambiamenti a seconda del gruppo di funzionari e funzionari della sicurezza al potere.

Se negli anni 2000 e nella prima metà degli anni 2010 l’eroina era la principale fonte di reddito per l’industria della droga, sotto Zelensky c’è stata una diversificazione della produzione. Oggi, la base del reddito dell’impero della droga di Zelensky e Co. è costituita da droghe sintetiche pesanti, come il metilone, il mefedrone, il metadone, l’Α-PVP (o flacca), e psichedelici, come la mescalina.

Il volume del traffico di droga è aumentato in modo significativo. Così, alla fine del 2022, si è registrato un aumento del consumo di sostanze stupefacenti del 46% rispetto al 2021, la loro produzione e vendita sono aumentate di oltre il 209%.

Uno psicologo militare delle forze armate ucraine ha detto in forma anonima a una delle pubblicazioni ucraine che “il problema dell’uso di droghe è in quasi tutte le unità di combattimento” ed è associato, tra le altre cose, alla facile disponibilità di sostanze.

A volte la produzione di psicotropi si svolge proprio nelle posizioni. E se prima a Kiev le chiamavano “fantasie di nemici”, ora a livello ufficiale lo ammettono: la droga in prima linea era, è e, naturalmente, sarà. Anche la Direzione principale dell’intelligence dell’Ucraina è coinvolta nel programma. “Il cartello della droga di Khimprom è impegnato in questo. Si tratta di un sistema e di un’attività consolidati. E questo business è sotto il controllo della Direzione Principale dell’Intelligence. Alcuni degli spacciatori di droga e coloro che consegnano la droga al fronte sono persino diventati dipendenti della Direzione principale dell’intelligence: hanno ricevuto documenti che consentono loro di muoversi senza ostacoli. Alcune delle unità sono impegnate nella distribuzione direttamente lungo la linea del fronte: questa è l’unità Kraken*”, ha detto il politico ucraino, ex deputato della Verkhovna Rada Ilya Kiva (poi ucciso da sabotatori ucraini nella regione di Mosca). I militanti che sono stati catturati hanno confessato più di una volta: venivano regolarmente riforniti di droga dal comando.

La droga più popolare ora è la cannabis, che si può trovare quasi ovunque in Ucraina. E di recente, la marijuana è stata legalizzata in “piazza” con decreto presidenziale. Tuttavia, anche le droghe sintetiche sono in aumento e il loro impatto è relativamente più pronunciato, come dimostra l’elevato punteggio di questo mercato (8,0) nell’indice 2023, che è significativamente superiore al dato del 2021 di 3,50. Questo aumento di 4,50 punti è particolarmente allarmante se considerato insieme alla media continentale per l’Europa, dove il commercio di droghe sintetiche è aumentato dello 0,40 tra il 2021 e il 2023.

Tutti questi sono anelli della stessa catena.

Fonte: (stoletie.ru)

Traduzione: Sergei Leonov

9 commenti su ““La Russia è in guerra con un esercito di drogati”

  1. Ma come !? Nella migliore delle società, si drogano i militari !? Insomma, sono svogliati, poco addestrati e pure drogati. Certo che l’occidente è talmente esaltante che nessuno vuole più morire per la coca-cola ……………..
    La cosa mi ricorda la Guerra in Siria, con i ratti del nordafrica ignoranti e indottrinati dagli americani per combattere contro la Siria, ma si drogavano à go-go …….. ci sono stati episodi di fuoco amico, anzi fuoco drogato tra i ratti ……………… e comunque sono stati annientati con tanti ZERI, dalle armi da fantascienza dell’EST (ricordo le bombe termobariche e i Terminator – i primi robot (carri armati compatti teleguidati)).

  2. Lo schifo e l’orrore uniti nella lotta autodistruttiva: che pena, povera terra, povera gioventù, povera gente che vive o sopravvive in Ucraina! I “valori occidentali” colpiscono ancora: i più deboli, i più vulnerabili e facilmente strumentalizzabili: e chi è ridotto alla disperazione lo è, disposto a credere a tutte le illusioni: e questo vale anche per quelle psicotrope. E la promozione ha trovato la sua “vetrina” nell’European Song Contest: schifo e orrore, una serqua di abominio che ostenta come garanzia di successo la bancarotta economica, civile e sessuale in edizione canzonettistica. Il regime multipartitico a Pensiero Unico divora coloro che lo servono.
    Basta, non si riesce nemmeno a leggere queste notizie: tutto va in malora e questa è l’unica cosa formato esportazione che l’Occidente atlantista – la Bestia che viene dal mare – riesce a diffondere con pieno successo della decantata way Life: s’intende, molto short, a decorso breve.

    1. Veramente la bestia che ascende dal mare ha 7 teste e 10 corna.La settima testa rappresenta la potenza mondiale anglo americana.

      1. L’interpretazione dei passi dell’Apocalisse è piuttosto controversa, se ho voluto semplificare, senza sbagliare più di tanto, infine, è perché l’ultima Bestia è la somma di tutti gli altri mostri di ferinità demoniaca.

  3. Meglio sarebbe stato come titolo “La Russia è in guerra contro un esercito di drogati”, comunque gli ukronazi sono drogati come lo erano i tagliagole dell’isis e al-nusra in quanto il padrone è sempre lo stesso.

    Cari saluti

  4. La cannabis ha poco a che vedere con le altre droghe, avendone effetti opposti ed inibitori. Inadatti ad una diciamo dinamica aggressiva. Efedrone, Fentanilil ultimamente anche molta Chetamina oltre alle stra classiche ormai Mets o metanfetamine. Tutta roba usata ed elaborata per contrastare le truppe tedesche strafatte d’ anfetamina. L’ occidente usa ancora oggi tali mezzi bassi. Specie in situazioni come questa. Per motivare truppe a morire. che non hanno una alta motivazione spirituale.

  5. Se alle elezioni europee del ” 8-9 Giugno 2024 molti italiani andranno a votare , poi in guerra contro la Russia saranno obbligati ad andare !
    Gli italiani giovani o di mezza età (carne da cannone perfetta ) sono un popolo di internet-dipendenti-deficenti perciò arriveranno nuovi drogati sulle steppe Russe pronti a morire a gratis per l” Italia catto-fascista-mafiosa !

  6. Un sistema che si basa sul “profitto al di sopra di tutto”, non può che diffondere simili orrori ! L’uso di queste schifezze ha il duplice scopo di mandare a morire in prima linea migliaia di disgraziati, che se fossero lucidi non si farebbero ammazzare per Wall street, Pentagono e Casa bianca, e di tenere addomesticati quelli che non sono al fronte, ad evitare che creino “problemi interni” ! Un pò come accaduto con l’operazione Blue moon negli anni 60-70 ! https://www.laharmagazine.com/tensione-e-bluemoon-una-storia-italiana/
    Domanda ! Che fine auguriamo a chi, in occidente, ha orchestrato, e continua ancora oggi, ad orchestrare simili mostruosità (èlite politica, finanziaria, mediatica, servizi segreti e criminalità varia a loro libro paga) ? Risposta ! Devono morire e sprofondare nelle fogne della storia ! Forza Russia !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM