"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia dispone di prove inconfutabili circa la” messa in scena” dell’attacco chimico

LAVROV: prove irrefutabili sull’l’attacco chimico di Douma che è stato una messa in scena organizzata da servizi segreti di una potenza esterna.
La Russia possiede dati indiscutibili sul fatto che l’attacco chimico Douma del 7 aprile in Siria è stato organizzato da servizi speciali di un paese straniero, che non ha nominato ma che ha qualificato come “in prima linea nella campagna russofoba”, ha riferito il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov il 13 aprile.

Inoltre Lavrov ha affermato che Mosca dispone di prove irrefutabili di questo fatto e che le autorità della Russia e della Siria non hanno alcun dubbio che esiste una campagna propagandistica contro entrambi i paesi.

“La missione dell’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche [OPCW] è partita in Siria non così rapidamente e senza abbondante entusiasmo, ma sotto la pressione nostra e siriana. Arriverà a Damasco la mattina del 14 aprile “, ha detto Lavrov. “Ci aspettiamo che la missione proceda senza ritardo a Douma, dove gli specialisti russi che hanno visitato questo posto non hanno trovato alcuna conferma dell’uso di armi chimiche”.

Lavrov ha sottolineato che Russia ha “i dati inconfutabili che questo [attacco chimico] è stata una  messa in scena”.
” Risulta che sono stati coinvolti in questo evento organizzato i servizi segreti di un paese, che ora sta cercando di essere nelle prime file della campagna russofoba, “, ha sottolineato Lavrov.

Allo stesso tempo il cancelliere russo ha avvertito circa le forti ripercussioni che avrebbe un intervento militare occidentale in Siria ed ha ricordato che “questo potrebbe provocare l’effetto di nuove ondate di migranti verso l’Europa” oltre a creare il rischio di un confronto militare diretto fra la Russia e l’Occidente.
“Si tratta di effetti che non necessitiamo nè noi nè i nostri vicini europei ma che potrebbero rallegrare coloro che sono protetti da un oceano”, ha affermato Lavrov riferendosi agli Stati Uniti.

Donald Trump a New York

Negli ultimi giorni gli Stati Uniti avevano minacciato di un imminente operazione militare contro la Siria, in risposta ad un presunto attacco con armi chimiche effettuato lo scorso Sabato a Douma, di cui Washington accusa, senza alcuna prova, il Governo siriano. Damasco da parte sua respinge totalmente le accuse e segnala come autori di questo i ribelli appoggiati dall’Occidente.

Di fronte alle minacce di attacco, la Russia e la Siria hanno meso le loro forze armate in massima allerta e Mosca ha avvisato che distruggerà i missili che saranno lanciati contro obiettivi nel paese arabo e si riserva di colpire anche le piattaforme da cui saranno lanciati.

Il 7 aprile, media e militanti filo-militanti hanno accusato il governo siriano di condurre un attacco chimico alla città di Douma . Siria e Russia hanno respinto le richieste. Tuttavia, gli Stati Uniti e i loro alleati hanno ulteriormente spinto la storia senza alcuna prova tanto da provocare un’escalation su larga scala nella regione.

Fonti:   Hispan Tv

South Front

Traduzione e sintesi: Luciano Lago

*

code

  1. Eugenio Orso 3 mesi fa

    Lavrov dovrebbe dire chiaramente di quale stato-canaglia si tratta.
    Inoltre, l’organizzazione criminale mercenaria chiamata “elmetti bianchi”, sempre in mezzo in questi frangenti, da quali stati-canaglia è finanziata e rifornita?

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. dolphin 3 mesi fa

      E considerando di che pasta sono fatti, dovrebbero operare dietro autorizzazione del paese che li ospita dopo verifica accurata delle loro credenziali e reali intenzioni umanitarie ad aiutare il prossimo, al minimo comportamento sospetto fuori dalle balle.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Woland 3 mesi fa

      Se ha parlato di “prove irrefutabili” c’è da pensare che abbia un asso nella manica, tipo dei prigionieri del MI6 .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. atlas 3 mesi fa

      Coinvolgimento del Regno Unito
      “In questo momento, il Ministero della Difesa russo ha altre prove che indicano la partecipazione diretta del Regno Unito nell’organizzazione di tale provocazione nel Ghuta orientale“, osservava Konashenkov, aggiungendo che tra il 3 aprile e il 6 aprile Londra fece pressioni sui rappresentanti del cosiddetto gruppo degli elmetti bianchi per l’attuazione della provocazione. Separatamente, disse che il Centro di riconciliazione russo insieme alle autorità siriane concludevano un’operazione umanitaria nel sobborgo di Damasco del Ghuta orientale. “170152 persone sono state evacuate dalla zona, tra cui 63117 militanti e famigliari“, dichiarava Konashenkov. Tutti gli insediamenti del Ghuta orientale sono attualmente sotto il controllo delle forze governative siriane. La polizia militare russa veniva dispiegata nell’area per monitorare la situazione e mantenere la legge. “Con la situazione in questo sobborgo di Damasco che mostra stabilizzazione, i civili tornano a casa. Oggi sono circa 63000. In altre parole, più della metà dei residenti già evacuati sono tornati a casa“, sottolineava Konashenkov.

      qui c’è tutto

      https://aurorasito.wordpress.com/2018/04/13/mosca-ha-le-prove-che-la-false-flag-a-duma-era-opera-del-regno-unito/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Manente 3 mesi fa

    Il primo sospettato è Macron, la seconda Teresa May. Che l’attacco chimico ci sia stato o che si sia trattato di una provocazione montata ad arte, il capo del Paese responsabile nel migliore dei casi può dire addio alla sua carriera politica !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. leopardo 3 mesi fa

    In genere, lo cricca piú specializzata in questo genere di azioni, é il Mossad. Compito facilitato dal fatto che, in tutto il pianeta,
    ogni ebreo costituisce un punto d´appoggio per ogni azione criminale. Nel caso specifico, lo escludo. Israele confina con un
    territorio estremamante caldo e rischiare di fare un passo errato, significa entrare in conflitto contro un esercito vero, assuefatto
    al combattimento piú aspro. Chi invece , da qualche tempo, pesca nel torbido, é quella povera demente della May, accompagnata
    da quell´altro suo ministro degli esteri, una pulce avvinazzata e nevrastenica che peró osa aggredire regolarmente e in modo
    scomposto, l´orso russo.
    Ecco, questa coppia di scemuniti é la prima candidata nella conduzione di giochi sporchi, sia relativi alla storia dell´avvelenamento
    dell´ex spia cosí come della farsa del gas nervino gettato sulla popolazione e di cui non é stata trovata traccia.
    C´é da aspettarsi che entrambi vengano rimossi dai loro incarichi in quanto sobillatori e criminali di guerra.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Citodacal 3 mesi fa

    Pare che il Ministro della Difesa russo abbia dichiarato di aver raccolto evidenze in merito a pressioni esercitate dalla Gran Bretagna sui White Helmets, perché si prodigassero per realizzare la messinscena già programmata da tempo (notizia su Televideo e Ansa).

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. atlas 3 mesi fa

      non solo il Ministro degli esteri Lavrov ne parla, anche altri traggono conclusioni

      Un amico personale di Putin e filmografo che si chiama Vladimir Soloviev, in un altro dibattito tv, ha detto: “l’Occidente ha inviato un chiaro messaggio al presidente che abbiamo appena rieletto: noi faremo dei tuoi prossimi sei anni di presidenza, sei anni di crisi costanti, sei anni d’inferno. Faranno peggiorare la nostra economia. Ma i russi devono capire che avere un salario di 20 mila rubli (300 dollari) è meglio che avere 20 milioni di morti come nella seconda guerra mondiale. E’ un piccolo prezzo da pagare, per essere una delle ultime nazioni sovrane nel mondo. A lungo termine, è meglio per la Russia troncare la dipendenza dalle importazioni, mercati e tecnologie occidentali.
      “Sul piano politico e militare, bisogna che la Russia adotti gli stessi metodi che l’America usa contro di noi, le “guerre per procura” o armando le milizie nazistoidi contro il Donbass. Deve armare tutti i paesi e i popoli che l’America considera nemici: S-400 all’Iran, a Hezbollah, armare i talebani, la Corea del Nord. “I neocon capiscono solo il linguaggio della forza”. Inutile denunciare l’illegalità e la illegittimità delle azioni occidentali, invocare il diritto internazionale.
      “Occorre rivedere le relazioni troppo cordiali con Israele. Israele e Stati Uniti hanno scelto questo momento per umiliare la Russia. Putin deve prendere serie e concreti passi per bloccarle.
      “E’ tempo che la vecchia classe di politici si ritiri. Il ministro degli esteri Lavrov ha espresso il desiderio di andare a riposo, dopo dieci anni al servizio, a volte brillante, della Russia. Putin dovrebbe sostituiro con un giovane energico che smetta di chiamare i paesi dell’Ovest “i nostri partner”, come fa Lavrov in ogni occasione:”

      https://www.maurizioblondet.it/la-russia-sindurisce/

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. atlas 3 mesi fa

        sono solo molto isterici, anche qui si leggono cose interessanti

        La stampa occidentale spiega l’isteria della leadership inglese in modo abbastanza accurato. Dopo che i terroristi del Faylaq al-Rahman giustiziarono 17 mercenari stranieri, soprattutto inglesi, che tentarono di ostacolare l’accordo degli “inconciliabili” con le famiglie in partenza per Idlib. Poco prima di lasciare Jubar per Idlib, Londra si rivolse alla Russia attraverso l’Oman sulla liberazione dei prigionieri. Ma dopo che l’esercito russo rispose che doveva essere organizzato dalla leadership siriana, gli inglesi divennero isterici. E una nuova provocazione si ebbe in pochissimo tempo, questa volta in Siria, col presunto gas lacrimogeno usato dall’esercito siriano nell’ultima roccaforte terroristica, la città di Duma. A dire il vero, c’era un’altra versione sulla stampa, secondo cui i terroristi fecero esplodere un bidone di cloro tra la folla di civili, in agonia per la totale sconfitta. Allo stesso tempo, i terroristi del Jaysh al-Islam iniziarono a lasciare Duma nel Ghuta orientale.

        https://aurorasito.wordpress.com/2018/04/13/siria-listeria-occidentale-sul-proprio-fallimento/

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. claudio 3 mesi fa

    Nell’articolo riguardante la completa liberazione del goutha ho pubblicato un link dove si può vedere il video completo del finto attentato chimico.. dateci un’occhiata..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Horus 3 mesi fa

    http://www.voltairenet.org/article200672.html
    Il Regno Unito e’ stato nominato.
    Dio salvi (almeno) la regina.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Tania 3 mesi fa

    Interrogazione in classe.

    Ma chi ha un interesse così furibondo da dover addirittura mettere in pericolo il mondo intero?
    Chi vuole impossessarsi della Siria a costo di scatenare la 3° guerra mondiale? Chi è il farabutto?
    Cosa ci sarà di tanto importante in Siria da dover mettere in piedi questa tragedia?

    A questa domanda per primi rispondono gli alunni Israele, USA, UK, Francia.

    A breve sarà convocato il loro babbo : SATANA, che il direttore gli vuole parlare…

    Rispondi Mi piace Non mi piace