La Russia deve pensare a livello globale, ma prima combattere a livello locale se vuole prendere le decisioni

Sebbene Russia, Cina e gli altri paesi abbiano molto di cui parlare, hanno anche molto da fare.
di Declan HAYES

L’obiettivo strategico della NATO è conquistare la Russia e utilizzare le sue risorse per dettare condizioni economiche a una Cina evirata. Se la NATO riuscirà a rompere il muro occidentale della Russia e a imbottigliare il Mar Cinese Meridionale, sarà sulla buona strada per vincere questa guerra globale, anche perché quelle due vittorie avranno una risonanza a livello globale.

È per accelerare quella vittoria che il dittatore francese Macron sta minacciando di alzare massicciamente la posta in Ucraina ed è il motivo per cui gli Stati Uniti hanno i cani rabbiosi dei paesi baltici che abbaiano a dirotto con le loro piccole teste rabbiose. Lungi dall’essere una spina nel fianco della Russia, i suoi confini occidentali stanno rapidamente diventando un problema che necessita di una risposta importante per essere risolto.

Questa risposta deve arrivare dalle canne dei cannoni, dei missili e dei droni russi.

Anche se Putin, Lavrov e gli altri devono essere diventati rauchi mentre cercano di parlare a bassa voce e di tenere i grossi bastoni nel fodero, parlare non ha funzionato e non funzionerà finché i pezzi grossi della Russia non si uniranno alla conversazione.

Diamo un’occhiata ad alcuni fatti.

Il Vaticano e tutti gli altri utili idioti della NATO insistono incessantemente che l’Ucraina non ha provocato la Russia. Va bene, ma lasciamo che il Vaticano spieghi, in un semplice inglese, italiano o russo, perché così tanti russofoni sono stati assassinati nelle Terre di Confine prima che intervenisse la Russia e, già che ci sono, lasciamo che ci diano una cifra approssimativa (al milione più vicina) su quanti russofoni, suore e preti compresi, dovrebbero essere assassinati prima che le forze armate russe si imbarchino.

Poi, lasciamo che spieghino perché i sostenitori della NATO dell’Ucraina hanno costruito così tante formidabili fortificazioni a breve distanza dalle principali città delle Terre di Confine e perché così tanti “combattenti per la libertà” catturati dalla Russia a Mariupol erano coperti dalla testa ai piedi di tatuaggi nazisti. Lasciate che ci dicano anche quale ruolo ha giocato l’ideologia nazista nelle menti distorte dei patrioti di Borderlands.

Poi lasciamo che ci raccontino cosa è successo all’Accordo di Minsk. Che ci spieghino in russo, inglese o italiano perché Francia e Germania non solo hanno rinnegato quell’accordo ma non hanno mai avuto alcuna intenzione di onorarlo.

E poi ci sono atrocità come Bucha. Lasciamo che ci spieghino un passo alla volta per determinare chi è stato. E chi ha fatto Nord Stream. E perché la Germania, che è passata da colomba della pace a falco della guerra in un batter d’occhio, non si è preoccupata di vedere la sua futura prosperità distrutta da quel monumentale atto di terrorismo.

Che bello? Chi trae vantaggio da tutta quella criminalità e dai laboratori biologici e dai centri truffa che i partner commerciali di Hunter e Joe Biden gestivano nelle Borderlands? Siamo tutti orecchi.

Mentre la Russia attende le risposte a queste e a un milione di altre domande pertinenti, Russia, Cina, Yemen e Iran dovrebbero impegnarsi a costruire le proprie fabbriche di fatti e a pubblicare le loro scoperte in russo, inglese, italiano o in qualsiasi altra lingua di loro gradimento.

Potrebbero iniziare chiedendo al londinese Robert Stuart di dettagliare il suo lavoro sulle false affermazioni della BBC sugli attacchi chimici in Siria da parte degli eroi dell’esercito arabo siriano. Poiché la confutazione forense delle accuse della BBC da parte di Stuart è lo smascheramento più completo di qualsiasi false flag che abbia mai visto, dovrebbe essere presente in tutti i corsi universitari rilevanti in Yemen, Russia, Cina e Iran come modello su come affrontare bugie come quelle di Bucha e Minsk. .

La Russia e i paesi alleati devono sfruttare le loro facoltà competenti per sfornare tali fatti su tali singolarità, dal presunto rapimento di bambini da parte dell’arcinemico della NATO Putin, ai buddisti e musulmani russi che si scatenano nelle Terre di Confine solo per il gusto di farlo.

Forze russe aviotrasportate

Avendo creato le loro fabbriche di fatti, questi alleati devono affrontare il problema di trasmettere tali fatti al mondo. La triste realtà è che quasi tutti i residenti russi e iraniani non riescono nemmeno a immaginare quanto sia pervasiva la censura nell’ambito della NATO. È un osso duro da spezzare, presupponendo che valga la pena spezzarla in primo luogo.

Tutto questo ci porta a un recente editoriale dell’SCF, in cui si lamentava che la NATO avesse messo la museruola all’ex marine americano Scott Ritter (e, come spiega Defense Politics Asia , molti altri). Ritter, come lui stesso spiega , era un frutto a portata di mano e, sebbene facesse parte di questo frutteto che conteneva tre contributori dell’SCF (Crooke, Escobar e van der Ende) oltre ad alcuni evidenti truffatori nordamericani, l’obiettivo principale della NATO era il giudice Andrew Napolitano. , che è un intervistatore di livello mondiale.

Il problema con inglesi come Russell Brand e yankee come Napolitano e Tucker Carlson è che, poiché sono bravi nel loro lavoro, potrebbero aprire gli occhi degli altri sui crimini in corso della NATO. Lo stesso vale per gli eurodeputati uscenti Clare Daly e Mick Wallace, che sono stati chiamati con tutti i nomi del mondo per non essere pienamente d’accordo con tutti i vari genocidi che la NATO sta attualmente conducendo.

Ma i confini occidentali della Russia non sono un dibattito dell’Unione di Oxford o dell’UE. È un campo di sterminio, che la NATO sta usando per incassare centinaia di miliardi di dollari in risorse russe e per usarle come trampolino di lancio per bombardare Mosca, San Pietroburgo e tutte le altre città russe, la cui stessa esistenza sconvolge la loro sensibilità.

Sebbene Dmitry Medvedev abbia spiegato fino a che punto la Russia è disposta a spingersi per proteggere il suo fianco occidentale, la sua dichiarazione è necessariamente priva di dettagli su ciò che la Russia può e deve fare non solo nelle zone di confine ma anche più lontano.

La prima cosa che la Russia deve fare è decidere una divisione del lavoro con Cina, Iran, Corea del Nord, Yemen e attori non governativi in ​​Asia occidentale, Africa e Micronesia. Il problema principale qui è che non solo le alleanze tra eguali o quasi eguali sono veicoli difficili da mettere in atto, ma ciò è palesemente ovvio quando gli obiettivi strategici dei paesi sono divergenti come lo sono quelli di Cina, India, Russia e altri.

Esercitazioni russe e cinesi

Fatte salve queste avvertenze, Russia e Cina dovrebbero incaricare la Corea del Nord di aumentare massicciamente la produzione di armi, e la Russia dovrebbe considerare di unirsi alla marina cinese per superare Zamboanga e magari fare esercitazioni di fuoco al largo delle neo-colonie francesi di Mayottte , Bougainville , Comore , Nuova Caledonia , Madagascar e forse emulando la NATO donando di nascosto manpad, giochi di ruolo e droni, solo per scopi difensivi, ai combattenti per la libertà moderati Kanak , così come agli Houthi e altri con un cane in questo e in altri combattimenti simili.

Anche se non desidero vedere la Cina e/o la Russia aumentare le tensioni a Mindanao e nelle Isole Sulu , la NATO, mentre si prepara per le Olimpiadi di Parigi e le elezioni presidenziali americane di novembre, sta offrendo loro poche altre opzioni praticabili per sostenere la loro causa. Sebbene la Cina pensi di poter resistere a questa situazione facendo poco più che intimidire il popolo delle Filippine, è come il maiale compiaciuto nel mattatoio che non riesce a vedere che sarà il prossimo ad essere sgozzato.

Se il modus operandi della Russia è quello di combattere localmente nelle terre di confine e pensare a livello globale, quello della Cina è che si rifiuta di mettersi al comando, sotto forma dell’Esercito popolare di liberazione cinese. E, anche se la Cina è stata a lungo in conversazioni con la Russia, questo è tutto, come mostra il recente articolo di Finian Cunningham sul Myanmar , conversioni, tutte rumore e furia, che significano molto poco.

Se la Cina non si sporca le mani per mantenere libere la Birmania e le sue rotte marittime adiacenti, cosa farà oltre a vendere le sue schifezze al mondo? Forse si aspettano che la Russia salvi il Myanmar. Chi c’entra con questi imperscrutabili burloni?

Sebbene Russia, Cina e gli altri paesi abbiano molto di cui parlare, hanno anche molto da fare. Anche se la Cina è ancora il gigante addormentato che Napoleone sosteneva fosse , sembra che sia ancora disposta a sonnecchiare finché non verrà il suo turno. Anche se nessuno si aspetta che la Cina scuota il mondo fuori dal campo e partecipi alle Olimpiadi di Parigi, potrebbe almeno aiutare la Russia a ridimensionare il piccolo Napoleone Macron indirizzando la sua marina lontano dal Sulus e verso obiettivi francesi, tedeschi e ANZAC più meritevoli. che fungono da copertura per l’aggressione americana dalle terre di confine della Russia al confine instabile che la Cina condivide con il Myanmar e poi verso le piccole repubbliche insulari e i domini francesi che punteggiano il Pacifico meridionale, così come altri futuri campi di battaglia dove la bandiera francese sventola ancora desolata.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

7 commenti su “La Russia deve pensare a livello globale, ma prima combattere a livello locale se vuole prendere le decisioni

  1. Certo che la Cina deve svegliarsi e prendere le armi contro l’impero del male assoluto e i suoi servi.

    I cinesi devono decidere, finalmente, se sono Uomini o commercianti, perché se non decideranno in fretta per il meglio (Uomini, naturalmente) si troveranno, forse da soli, a dover affrontare le orde dell’impero del male come commercianti …

    Cari saluti

  2. Forse qualcuno si sta rendendo conto che la Cina è equidistante da Russia e USA e non aiuterà nessuno anzi aspettano che Russia e USA si compatta o disanta ragione, così fra i 2 litiganti la può spuntare, mai fidarsi dei Cinesi. Sono loro che vogliono conquistare il potere mondiale con il minor sforzo possibile, gli altri attori Iran Corea del nord non hanno né numeri né peso, spero solo che i Russi in 2/3 mesi facciano alzare bandiera bianca all’Ucraina, basta cincischiare ora davvero ci vogliono i fatti quelli veri e definitivi.

  3. Niente da dire su quanto scritto dall’ autore, concordo in pieno. Ma a mio avviso fa’ bene lo Zar ad essere cauto a legnare i cagnolini bavosi europoidi. Non e’ nell’ interesse della Russia. Putin nel vertice di questi giorni del mondo libero, ha augurato all’ Italia, che alla fine del conflitto con Kiev, una ripresa dei rapporti commerciali privilegiati tra Mosca e Roma. I russi non vogliono davvero attaccare o punire gl’ europei. Vuole vincere l’ Svo e riprendersi la Piccola Russia.

  4. Beh l’ immobilismo cinese e’ finito da un pezzo. Basta seguire un po’ di blog militari per esserne al corrente. Da una dozzina d’ anni scavano basi militari sotterranee come termiti. Ne’ hanno costruite d’ interne, nella zona caucasica, e di marine nel Mar giallo e nel mar cinese meridionale. A mio avviso chi la pensa un entità a se stante erra. I cinesi hanno chiari gl’ intenti americani e non li permetteranno. Un mese fa’, per la prima volta nella storia. Xi e Putin hanno stretto accordi di cooperazione ed assistenza militare tra i due paesi, non solo con erciali Non si trattava di uno spot elettorale ma di fatti, sono un alleanza di superpotenze. L’ unica differenza da Mosca e’, che quest’ ultima era già stata trascinata in una guerra civile contro i banderisti nel 2014. La Cina è come una tigre che aspetta il momento giusto, ma fidatevi che non dormono. E sanno bene chi e’ il vero nemico comune. Ecco perché la frustrazione americana, nonostante i tentativi per dividerle sono più unite che mai.

  5. Secondo me non c’è da aspettarsi che Europa Usa Uk comincino a ragionare ed ammettere di aver da tempo attentato alla esistenza della Russia come nazione indipendente lo dimostrano le guerre assecondate dalla nato ai suoi confini già prima che in Ucraina ad esempio in Siria. Georgia e ai confini con l’Asia e all’occupazione
    dei paesi facenti parte un tempo del patto di Varsavia con basi militari Nato dopo la caduta del muro di Berlino.
    Non ci si può aspettare onesta intellettuale e ragionevolezza dai politici alla testa dei governi occidentali poiché stanno dimostrando di voler andare fino in fondo nel loro insano desiderio di sopraffare la Russia per impadronirsi delle sue ricchezze e risorse mascherano tutto questo come volontà di difendere un paese aggredito, lUcraina,che invece sono loro stessi che hanno in tempi non sospetti rifornito di armi e con un colpo di stato condotto in una guerra civile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM