La Russia critica la “natura terroristica” dell’Ucraina, dopo che Kiev ha celebrato l’esplosione avvenuta questo sabato sul ponte di Crimea.

La reazione del regime di Kiev alla distruzione delle infrastrutture civili è una testimonianza della sua natura terroristica” , ha scritto questo sabato la portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zajarova, sul suo account Telegram.

Nelle prime ore di questo sabato è scoppiato un incendio sul ponte di Kerch , che ha un tratto ferroviario e un altro che funge da autostrada.

Le autorità russe hanno reso noto che l’esplosione di un autocarro ha scatenato l’incendio di sette serbatoi di carburante di un treno diretto nella penisola di Crimea, e di conseguenza è crollata una parte del ponte, l’unico che unisce la Crimea con Russia.

Mijáil Podolyak, il consigliere del presidente dell’Ucraina, Volodímir Zelenski, non ha tardato a reagire all’incidente, avvertendo che quello che è successo è solo “l’inizio”.

“La Crimea, il ponte, l’inizio. Tutto ciò che è illegale deve essere distrutto, tutto ciò che è stato rubato deve essere restituito in Ucraina, tutto ciò che è occupato dalla Russia deve essere espulso”, ha scritto Podolyak sul suo account Twitter.

Dalla Crimea incolpano dell’esplosione i “vandali ucraini”.
Mosca, per ordine del presidente Vladimir Putin, ha avviato un’indagine governativa sull’incidente che ha provocato tre morti. A sua volta, il presidente del parlamento di Crimea, Vladimir Kontantinov, ha accusato dell’esplosione “i vandali ucraini, che finalmente sono riusciti a raggiungere il ponte di Crimea con le loro mani insanguinate”.

Sebbene Kiev non abbia rivendicato l’incendio, le autorità ucraine hanno più volte considerato il ponte un obiettivo chiave.

Ad agosto Podolyak ha bollato il ponte di Crimea come “oggetto illegale” che danneggia “l’ecologia” della penisola, quindi dovrebbe essere smantellato. “Non importa come: volontariamente o meno”, ha scritto sul suo account Twitter.

La Russia controlla “aria, terra e mare” nel ponte strategico della Crimea
Il ponte di 19 chilometri, il più lungo in Russia e in Europa, che attraversa lo stretto di Kerch, è stato inaugurato da Putin nel 2018, quattro anni dopo la decisione della Crimea di separarsi dall’Ucraina e unirsi alla Russia attraverso un referendum con oltre il 96% dei voti favorevoli.

Fonte: Hispantv

Traduzione: Luciano Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM