La Russia congela i beni della banca JP Morgan Chase sul suo territorio

di Bertrand Hédouin

Ciao, cari amici!

Notizie molto interessanti.

Per assicurarmi che tu capisca di cosa si tratta, sto apportando alcuni rapidi aggiornamenti.

Abbiamo certamente tutti sentito dire che la Banca Centrale (russa), come le banche centrali di tutto il mondo, opera all’interno del mondo unipolare americano formattato dal 1991 nell’interesse della Federal Reserve statunitense, la Fed.

La Fed è, per così dire, la banca centrale degli Stati Uniti d’America. È quella che stampa il dollaro (per capirci).

Fin qui tutto è coerente: il dollaro è la principale valuta del mondo, cioè tutte le banche devono attenersi alle regole del suo creatore.

Sapendo questo, molte persone si chiedono cosa possa impedire a Putin di nazionalizzare la banca centrale russa, vale a dire rimandare la Fed statunitense dove dovrebbe essere e spingere la Banca centrale (russa) a operare nell’interesse della Russia.

Molti esperti hanno risposto alla domanda, come, ad esempio, lo storico Andrei Fursov, il quale ha affermato che se Putin cercasse di nazionalizzare la Banca Centrale Russa, di fatto non farebbe altro che dichiarare guerra ai clan familiari più influenti del mondo a cui appartiene la Fed.

«Dovete sapere che nazionalizzare la Banca centrale russa equivale a dichiarare guerra alle 20 famiglie che governano il mondo”.

Ascoltiamo ancora le parole dell’economista Valentin Katassonov:

«Se Putin cerca di riformare la Banca Centrale Russa in una banca responsabile del rifinanziamento o del finanziamento del settore reale dell’economia, posso assicurarvi che potrebbero esserci nuovi eventi di Maidan che sono difficili da immaginare”.

Ho già dedicato molti video al tema dei “padroni del denaro”, ma ve lo ricorderò brevemente per chi non li avesse seguiti.

La valuta più importante al mondo è il dollaro USA.

Con questa valuta è possibile acquistare praticamente qualsiasi cosa al mondo.

La cosa più sorprendente è che il dollaro viene stampato senza limiti da questa istituzione privata, la Fed.

Non c’è istituzione che possa limitare la stampa del biglietto verde.

Naturalmente, la FED, sebbene sia una struttura privata, lavora a stretto contatto con il governo federale degli Stati Uniti.

C’è una sorta di simbiosi tra loro.

Il governo degli Stati Uniti stampa le cosiddette obbligazioni e la Fed stampa i dollari e li ricompra.

È così che, tra le altre cose, il bilancio degli Stati Uniti consente loro di combattere guerre e mantenere il proprio paese.

Più in generale, stampano carta con la quale tutto il mondo compra beni reali.

In un video racconto la storia di questo grande inganno globale.

Provate a guardarlo.

Molto istruttivo, interessante.

In questo video, attingendo al lavoro di rispettati ricercatori come Robert G. Kirby e Eustace Mullins, ho passato in rassegna chi possedeva la stessa Fed degli Stati Uniti.

Come ha detto prima Fursov, si tratta di clan familiari che tutti, in linea di principio, conoscono.

Sono gli Schiff, i Warburg, i Lehman, i Moze, i Morgan, i Rothschild, i Rockefeller, naturalmente, e pochi altri.

Ma non sono direttamente azionisti della Fed, la possiedono, infatti, attraverso l’intermediazione delle più grandi banche commerciali del mondo sotto il loro giogo.

In linea di principio, puoi trovare queste informazioni sul sito web della Fed, ma con questa strana formulazione: “Le banche commerciali che sono membri del Federal Reserve System detengono azioni della banca di riserva della loro regione”.

Quindi, la Fed è una società per azioni, i suoi azionisti sono grandi banche private.

Ma continua dicendo che “possedere azioni della Fed è molto diverso dal possedere azioni di una società privata.

Le Reserve Bank non sono fatte per fare profitti”.

In linea di principio, è davvero possibile per i proprietari della FED lavorare, non per ottenere profitti, ma per ottenere potere.

Hanno già così tanti soldi che possono stampare enormi quantità di valuta, trilioni di dollari.

Inoltre, queste persone possiedono le aziende che creano ciò che rende possibile possedere le altre grandi aziende del mondo: il denaro.

Parleremo ora dei fatti rivelati.

Pertanto, è stato sottolineato in precedenza che la Fed degli Stati Uniti acquista le obbligazioni del governo degli Stati Uniti e che, in questo modo, lo stato ha i soldi per soddisfare le esigenze del suo bilancio.

Ora, vedremo come i clan familiari che possiedono la FED fanno soldi.

Nel 2011, per la prima volta nella sua storia, la Fed è stata sottoposta a revisione.

Era il controllo dell’azienda da parte delle autorità americane.

Questo evento è stato reso possibile dalla crisi finanziaria del 2008.

La cosa più interessante è che l’audit ha rivelato che la Fed aveva semplicemente stampato e distribuito alle più grandi banche del mondo più di 16 trilioni di dollari

E non si tratta di agevolazioni creditizie.

Esiste un documento che presenta i risultati dell’audit.

Così, la FED si accaparra discretamente, per così dire, 16 trilioni di dollari che poi distribuisce alle più grandi banche del mondo.

Si tratta di tre volte il budget annuale degli Stati Uniti negli ultimi tempi.

È possibile visualizzare l’elenco di queste banche sullo schermo.

Si tratta principalmente di banche americane, ma anche di banche inglesi, svizzere, tedesche, francesi e belghe.

Federal Reserve USA, Edificio

Questo audit ha quindi sostanzialmente confermato l’indagine di Kirby e Mullins che indicava che la Fed apparteneva ai clan familiari menzionati in precedenza.

Che aspetto ha lo schema disegnato? Gli azionisti della FED sono queste stesse banche, ma queste banche appartengono a questi clan familiari come i Rothschild e i Rockefeller.

Se hanno bisogno di denaro per soddisfare i loro bisogni, ordinano alla Fed di stamparlo, come ha chiaramente dimostrato l’audit della Federal Reserve statunitense.

I risultati dell’audit sono a disposizione di tutti.

Ora siamo tornati al punto di partenza, ovvero la nazionalizzazione della Banca centrale russa.

In effetti, cosa significa “nazionalizzare la Banca Centrale”?

Ciò significa sferrare un colpo diretto alla Federal Reserve degli Stati Uniti, cioè distruggere questa pietra filosofale appartenente ai membri dei clan familiari più influenti della Terra.

Ovviamente stanno facendo di tutto per preservare questa posizione.

Ecco perché Putin sta procedendo con cautela.

Possiamo notare che ogni volta, prima di agire, cerca sempre di negoziare, ma le élite occidentali non sono ovviamente più in grado di negoziare in vista del loro sistema che sta per esplodere.

Dopotutto, niente dura per sempre.

Così, il sistema del dollaro sta volgendo al termine.

E coloro che hanno approfittato di questo sistema stanno, in un certo senso, morendo perché si rifiutano di cambiare.

Sono sempre più incoerenti nelle loro decisioni, stanno perdendo le forze che potevano ancora usare prima.

La Russia, d’altra parte, sta solo approfittando di questa situazione.

Questo è il motivo per cui considero molto importante la decisione della Russia di congelare i beni di JPMorgan Chase, la più grande banca statunitense.

Sì, la Russia si oppone al più importante corpo di potere.

La banca JP Morgan Chase è la banca più importante dell’Occidente collettivo.

Sono naturalmente i fondatori della Fed americana.

In effetti, John Pierpont Morgan, da cui la banca prende il nome, è stato anche uno dei fondatori della Federal Reserve degli Stati Uniti nel 1913.

Fu nella sua tenuta di Jekyll Island che i più influenti finanzieri americani si riunirono per creare la Federal Reserve.

Ecco cosa ha scritto il fondatore della rivista Forbes, Charles Forbes, a proposito di questo incontro: “Immaginate un intero gruppo di banchieri di alto livello che sgattaiolano fuori da New York nella carrozza di un treno nel buio della notte, partendo per il sud a centinaia di miglia di distanza per occuparsi di un affare segreto su un’isola dove non c’era nessuno tranne pochi servitori, e vivendo lì per un’intera settimana nella più stretta privacy a tal punto che nessuno dei partecipanti si chiamasse per nome in modo che i servitori non potessero riconoscerli e quindi raccontare al mondo di questa spedizione più strana e segreta nella storia della finanza americana”.

Tutto questo avveniva nella proprietà dell’oligarca americano JP Morgan che in seguito avrebbe rappresentato, tra l’altro, una dinastia pirata.

A proposito, è a questa dinastia Morgan che apparteneva il famoso Titanic.

C’è una versione cospiratoria secondo cui la nave è stata deliberatamente affondata con persone a bordo che avrebbero potuto impedire la creazione di questa organizzazione erculea.

Per quanto riguarda il congelamento dei beni della più grande banca occidentale, si tratta, ovviamente, di una misura in risposta al congelamento dei nostri beni (russi).

Vale a dire, l’Occidente ha prima congelato i beni russi, ed è stato in seguito a questo che la Russia ha poi deciso di congelare i beni di questa banca.

Tuttavia, le azioni della Russia tendono a infastidire JP Morgan, che ha deciso di citare in giudizio la banca russa VTB, che è l’iniziatore del congelamento.

Secondo la banca occidentale, si dovrebbe tenere presto a New York.

Interessante, vero? In ogni caso, la situazione è un po’ come quando un subordinato si oppone al suo superiore.

Negli ultimi trent’anni, infatti, la Russia ha fatto parte dell’impero occidentale, una sorta di periferia, una nuova colonia che si sottomette definitivamente all’Occidente.

All’interno dell’élite russa, le banche nominavano, per così dire, i loro borgomastri, i loro supervisori in Russia.

Prima c’è stato Anatoly Chubaïs, poi Herman Gref.

Ma, cari amici, i tempi stanno cambiando, le vecchie regole stanno smettendo di funzionare, il sistema sta crollando.

Ed è in questa situazione, come sempre nella storia, che la Russia inizia a rafforzarsi.

Questa è stata la nostra storia oggi, gente.

Per ora è tutto.

*
La Russia ha iniziato la lotta contro la Fed statunitense

Fonte: Reseau International

Traduzione: Gerard Trousson

9 commenti su “La Russia congela i beni della banca JP Morgan Chase sul suo territorio

  1. Allora, la Federal Reserve non ha niente di FEDERALE ! E’ privata e rapina il proprio Popolo con il trucco del debito fasullo: in cambio del lavoro delle ricchezze prodotte dagli americani, stampa carta verde di costo zero. Questa è l’usura che sta facendo morire l’occidente. Meno male. Quando dico che sono idioti … c.v.d. . In tempi moderni Kennedy si riprese la sovranità monetaria, ho una banconota fatta stampare da lui nel 1963 con la dicitura il alto della banconota di 2 dollari con l’effigie di Jefferson “United States Note” al posto della solita “Federal Reserve Note”, i dollari di Kennedy venivano coperti dall’argento. Poi fu assassinato.
    Che la Banca Centrale Russa sia sotto qualche forma di controllo esterno …. non ci credo proprio. Lo era al momento dell’interregno tra il crollo dell’URSS e l’avvento dello Zar. Detto questo, i poveri banchieri-usurai-mercanti-da-4-soldi sono sull’orlo della fossa che si sono scavati da soli, imbecilli !

  2. I simboli del potere anglo americano, come la sede della Fed ritratta in foto, imploderanno da soli o sarà necessaria un’arma ipersonica per spianarli ? La fine del sistema di rapina, imperialista, iper liberista, globalista, guerrafondaio e nichilista rappresentato dalla Fed e dalle sue succursali bancarie e governative dell’intero occidente, è sicura, è in dubbio non se finirà, ma soltanto quando e in che modo ! Russia (e paesi resistenti) libereranno il mondo, e l’occidente stesso, dalla dittatura mortale made in USA-UK-NATO-UE-SIONISTI !

  3. Magnifico! Fate venire la strizza a questo strozzini: facile campare possedendo la più potente industria al mondo, la zecca americana e il bene da esportazione, praticamente, senza concorrenti, il dollaro americano. Se il controllo sulla moneta si allenta, chi tiene il mondo per la gola affogherà nel debito pubblico americano: che accade presto, prima di subito!

  4. È assurdo la banca centrale russa non è del popolo russo ma dei privati tutto questo crea problemi enormi bisogna nazionalizzare e pure subito. dormono.

    1. Veramente, Benedetto, la realtà e’ all’ opposto di ciò che dici. La banca russa appartiene allo stato, russo.

  5. Linee dell’ articolo buone. Ma un paio di passaggi troppo semplicistico ed imprecisi. La Fed è comunque la banca centrale statunitense e come tale non può stampare e basta. Manca un tassello. Le famiglie sioniste, tra cui Musk, non sono padrone della Fed in realtà. Gl’ Unici sono i Rothschild nel consiglio amministrativo della banca. Essi invece insieme controllano l’ FMI, Istituito nel dopoguerra. E tramite tale fondi che hanno ampliato le obbligazioni da farsi pagare, fondi ottenuti ‘prestando capitale a paesi indebitati’. Le obbligazioni nazionali non basterebbero. Una compravendita di debito estero con il quale s’ espongono stampando dollari per tale importi e relativi interessi. Bloccando così l’ effetto svalutazione della moneta. Poi non è chiaro sulla nazionalizzazione della banca centrale russa, che a me risulta già fatta da Putin. Non sarebbe possibile per i Brics de dollarizzarsi sennò. Quello della JP Morgan è stato un esproprio avvenuto già il mese scorso a Mosca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM