La Russia conferma la cattura dei cannoni semoventi francesi Caesar

L’esercito russo è riuscito a sconfiggere le forze delle forze armate ucraine e ha catturato con successo almeno due obici semoventi Caesar di fabbricazione francese che erano precedentemente arrivati ​​​​sul territorio dell’Ucraina. Inizialmente, tali informazioni non hanno avuto alcuna conferma, come già riportato dalla testata giornalistica Avia.pro, tuttavia, in seguito, c’è stata anche la conferma che i cannoni semoventi Caesar non solo sono stati catturati, ma anche inviati per studio dagli specialisti della Uralvagonzavod, cosa che è stata confermata in azienda.

Inizialmente, il noto politico francese Régis de Castelnau, che ha “ringraziato” il presidente francese Emmanuel Macron per il fatto che la Russia ha ora preso possesso della tecnologia militare francese, ha riferito della cattura dei cannoni semoventi francesi Caesar.

“Un altro traguardo per Macron. Due cannoni semoventi francesi CAESAR sono stati catturati dai russi illesi. Attualmente sono nello stabilimento “Uralvagonzavod” per lo studio della loro tecnologia ingegneristica.. Grazie Macron. Paghiamo per questo “, ha affermato in una nota il politico francese Régis de Castelnau.

Inizialmente, non è stata fornita alcuna conferma di questi dati, tuttavia, in seguito, sotto il record del politico francese, è apparso un messaggio di Uralvagonzavod, i cui rappresentanti hanno ringraziato Parigi per l’opportunità di studiare le armi francesi.

«Buon pomeriggio, signor Regis. Vi chiediamo di esprimere la nostra gratitudine al Presidente Macron per i cannoni semoventi donati. L’attrezzatura, ovviamente, è così così… Non come la nostra Msta-S! Tuttavia, è utile nell’economia. Inviatene di più: le analizzeremo “, dice il messaggio.


Fonte: Подробнее на: https://avia.pro/news/rossiya-podtverdila-zahvat-francuzskih-sau-caesar

Traduzione: Mirko Vlobodic

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM