La Russia avvisa dell’alta possibilità che gli USA vogliano utilizzare armi nucleari

La Russia avvisa che gli USA stanno rinforzando e modernizzando il loro arsenale nucleare davanti ad un potenziale conflitto bellico, inclusa la possibilità di uno scontro nucleare come opzione politica.
“Ci interessa segnalare che Washington non solo sta modernizzandio le sue forze nucleari ma sta anche cercando di dotarle di nuove capacità, cosa che aumenta significativamente la possibilità di un loro utilizzo.

“Sono particolarmente preoccupanti i movimenti degli USA per ampliare il raggio della armi di bassa potenza “, ha avvertito questo venerdì la portavoce della Cancelleria russa Maria Zajarova. Inoltre la Zajarova ha messo in risalto che il fatto di aumentare la gamma delle armi nucleari porta evidentemente ad un aumento della possibilità di utilizzarle.
La portavoce della diplomazia russa ha espresso il rifiuto di Mosca alla inazione di Washington nel momento di prorogare il Trattato di Riduzione delle Armi Strategiche (START) che andrà in scadenza nel 2021 e si consideraval’ultimo accordo vincolante fra Russia e USA sulle armi Nucleari, dopo la rottura dell’accordo INF sulle armi intermedie.
La Zajarova ha questionato anche il fatto che Washington consideri un conflitto nucleare come una opzione politica reale e adesso sta lavorando per creare il potenziale necessario.
Al fine di considerare queste azioni distruttive come legittime, ha proseguito la portavoce, gli USA si riferiscono alla Russia e alla Cina come minacce esterne contro la propria sicurezza.
L’accumulo incontrollato di armamenti nucleari, senza leggi che li possano limitare, non porterà da nessuna parte.

Missili Nucleari ICBM

“Una forma molto più efficace di proteggere la sicurezza nazionale è quella di realizzare una politica di controllo delle armi nucleari e stabilire collegamenti con gli altri paesi, che è esattamente quello per cui stiamo esortando gli USA a cambiare il loro atteggiamento”, ha concluso la Zajarova.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti

    • Eugenio Orso
      7 Marzo 2020

      L’emergenza del Coronavirus introduce un nuovo sistema di governo, che “dismette” la (pessima) democrazia e risulta più funzionale alla tirannia dell’élite ultra mercatista?
      In pratica, manovre militari per il controllo dei paesi sottomessi e misure drastiche contro una pandemia dalla sospetta origine, convergono per garantire il raggiungimento dell’obbiettivo di un controllo totale di popoli (socialmente disintegrati) e territori.
      Defender Europe 20 è rivolta contro la Russia e mira al ferreo controllo del vecchio continente, anche a est, mentre numerosi focolai di guerra si sono già accessi, nell’ultimo ventennio, in altre parti del mondo.
      A ben vedere, sospensione della stessa democrazia (serva del mercato), controllo militare del territorio e accerchiamento della Russia, vanno a braccetto.
      Si prevengono, così, rivolte sociali in Europa, che mettano in pericolo il potere dell’élite finanz-globalista-giudaica, e/o possibili cambi di governo sgraditi (all’élite) e si impedisce che paesi europei liberati, in prospettiva futura (ma quali, l’Italia sottomessa), sviluppino strette relazioni con la massima potenza libera dell’Europa, cioè la Russia, o facciano accordi con la Cina.
      Il coronavirus cade nel momento giusto, con la nato in mani elitiste super attiva e la sua componente turca che fa il lavoro sporco in Siria e in Libia, mentre nel Donbass, contro i patrioti russi, combattono i mercenari salafiti e wahabiti, ivi trasportati per essere “messi in linea” contro i russi.
      Per quanto riguarda l’isolamento di singoli, è risaputo che è una caratteristica del liberismo selvaggio, che mira a distruggere aspetti di solidarietà comunitaria e di classe.
      Engels, passeggiando per Londra, comprese le trasformazioni imposte all’uomo dal capitalismo di allora, che nel 1845 ne costituiva la punta più avanzata. Isolati nel loro interesse personale, dediti al suo perseguimento egoistico – isolamento ed egoismo, come sappiamo, ben si sposano con l’individuo liberale e ne definiscono i lineamenti – i londinesi non si avvedevano di quella che Engels stesso definì la decomposizione dell’umanità in monadi.
      Oggi, con l’isolamento imposto grazie al provvidenziale Coronavirus, il nuovo capitalismo finanziario fa un altro passo in avanti, proprio qui, da noi, nella engelsiana decomposizione dell’umanità in monadi.

      Cari saluti

    • Monk
      7 Marzo 2020

      Basta con questo fighetto radical chic con il ditino alzato, la mena con concetti banali che tutti i dissidenti conoscono e vorrebbe fondare un partito, il servo mainstream

      • atlas
        7 Marzo 2020

        monk sei la brutta copia di max: attento a giocare a scacchi perchè non ti fotti la regina, ti accorgerai di quanto sei misero intellettualmente solo quando il Re ti ha infilato il cavallo nel culo

  • Sandro
    7 Marzo 2020

    Premessa:
    Come suol dirsi “non c’è nulla di nuovo sotto il sole”.
    Ora, segue una affermazione apparentemente sconnessa con l’argomento in esame, ma che assumerà un significato coerente con quanto in appresso. “Un uomo in salute, dopo aver copulato anche con la donna più avvenente del mondo, altro non desidera che togliersela quanto prima da torno”.
    Tornando in tema, nel video proposto da Atlas, Diego Fusaro, nella sua intervista, aggiunge quanto segue: ”……la Costituzione italiana è di fatto sospesa, dacché……. sono vietate in nome di quello che il Ministero ha apertamente appellato l’allontanamento sociale tra le persone………………dissoluzione programmatica dei legami sociali……….”
    Eugenio Orso, ha aggiunto nel suo intervento, in linea al pensiero del Fusaro che “…………l’isolamento di singoli, è risaputo che è una caratteristica ………….. che mira a distruggere aspetti di solidarietà comunitaria e di classe.” Eugenio ricorda altresì che “……….. Isolati nel loro interesse personale, ………………..i londinesi – e non solo (n.d.r.) – non si avvedevano di quella che Engels stesso definì la decomposizione dell’umanità in monadi.”

    Bene, ciò anticipato, nel 1990, in attesa di essere sbattuto fuori di casa da un pubblico dipendente con mansioni di presidente di un tribunale “civile” per via di una richiesta di separazione personale non sempre seguita da motivazione, in quanto la medesima è offerta, se l’attrice è di buon umore, per gentile concessione della richiedente, essendo la medesima – di fatto – facoltativa, feci osservare al mio legale che la giornata designata era particolarmente sfortunata per l’enorme calca di gente che si intratteneva ben al di fuori della sala di attesa della sezione del tribunale riservata al disbrigo formale per l’allontanamento di uno dei genitori – di norma il padre – dai propri figli. “Sig. Sandro – rispose l’avvocato – oggi non è un giorno particolare , questa folla è parte della norma”.

    Perché quella folla ha invaso per decenni fin a tutt’oggi gli androni dei tribunali è presto detto. Come è vero quanto asserito in premessa, in merito a ciò che desidera un uomo subito dopo aver copulato, vero è, anche, – non per malvagità ma per natura – che una donna, una volta ottenuto dal maschio designato la tanto agognata prole e il mantenimento di se stessa – a prescindere – a carico del medesimo, altro non desidera che liberarsi dal non più utile ingombro, ancor più se le viene garantito il godimento esclusivo della dimora dell’inseminatore.- sempre che il seme è del proprietario della casa sottratta-gli. Questo è quanto impartisce non tanto il nuovo diritto di famiglia, ma l’interpretazione del medesimo da parte di non pochi pubblici dipendenti designati allo scopo..

    Quanto è avvenuto nei decenni precedenti, non è avvenuto per caso, in spregio alla Costituzione. Costituzione, di fatto non (ora) sospesa, come suggerisce il caro Fusaro, ma mai applicata. Mai applicata, senza “alzate di scudi” da chi di dovere , al solo scopo di preparare un terreno proficuo per quanto si sta delineando. Finisco con una domanda: “Cosa c’è di meglio che sfasciare pretestuosamente centinaia di migliaia di famiglie e,dunque, l’intera società, facendo leva sulla psiche della donna per addivenire all’ “…..allontanamento sociale tra le persone…..” e alla “……..dissoluzione programmatica dei legami sociali……….”? Altro che “corona”, al confronto questo poveraccio, fabbricato o no, altro non che una recluta oltre tutto a tempo determinato.

Inserisci un Commento

*

code