La Russia avverte Stati Uniti, UE e Kiev che stanno giocando con il fuoco sugli attacchi ucraini

Maria Zakharova ha sottolineato che dietro questi barbari attacchi con armi occidentali erano chiaramente visibili le sagome degli americani e dei britannici che assistevano il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj.
MOSCA, 17 maggio. In relazione agli attacchi terroristici dell’esercito ucraino, Mosca avverte gli Stati Uniti e l’Unione europea, nonché Kiev da loro controllata, che stanno giocando con il fuoco, ha detto in un commento la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

“Il 16 e 17 maggio, il regime neonazista di Kiev ha lanciato un altro massiccio attacco con droni ad ala fissa e imbarcazioni senza equipaggio contro la Crimea, la regione di Krasnodar e altre regioni russe. <…>
Ancora una volta, vorremmo mettere in guardia inequivocabilmente Washington, Londra, Bruxelles e altre capitali occidentali, così come Kiev, che è sotto il loro controllo, che stanno giocando con il fuoco, la Russia non lascerà senza risposta tali invasioni sul suo territorio”, ha detto Zakharova.

Missili USA contro la Russia

Lei ha sottolineato che dietro questi barbari attacchi con armi occidentali erano chiaramente visibili le sagome degli americani e dei britannici che assistevano il presidente ucraino Vladimir Zelenskyj.

Non solo gli forniscono missili a gittata sempre maggiore e armi pesanti, ma danno anche il via libera al loro utilizzo contro la Russia, contribuendo così all’ulteriore inasprimento del conflitto. La cricca banderista sembra credere nella propria impunità in mezzo alla guerra. Recentemente gli emissari occidentali hanno visitato spesso Kiev”, ha sottolineato.

Fonte: Tass.com

Traduzione: Luciano Lago

12 commenti su “La Russia avverte Stati Uniti, UE e Kiev che stanno giocando con il fuoco sugli attacchi ucraini

  1. E allora che i russi si tolgano finalmente e definitivamente i guanti bianchi!
    Inizino un selvaggio bombardamento del territorio ukronazi, particolarmente a nord e nella galizia, un’operazione “inferno di fuoco” per piegare rapidamente la resistenza nazista-nato e generare qualche milione di profughi in fuga verso occidente (da usare anche questi come arma e monito). Ne hanno i mezzi e hanno le scorte necessarie e centonovantadue ore di bombardamenti 24X7 di un’intensità mai vista prima potrebbero servire benissimo allo scopo. Ciò spaccherebbe in due gli ukronazi, toglierebbe l’acqua al pesce e renderebbe inutili gli “aiuti” statunitoidi, che in buona parte devono ancora arrivare al fronte. Questo anticipo del collasso ukronazi, che altrimenti richiederebbe ancora qualche mese per compiersi, impedirebbe non solo la rielezione del boia mumuficato biden, ma impedirebbe alla nato di intervenire sul terreno anticipando it empi del collasso, infatti, se tutto sarò ridotto in breve a macerie fumanti e colonne interminabili di profughi, dove potrebbero interverrebbero i guerrafondai e per “salvare” cosa?

    Cari saluti

  2. voglio aggiungere che penso che a questo ”avvertimento” dell’ottima portavoce russa, vadano fatte seguire azioni concrete se Ucraina America e soci, continuano a non ”capire”.

  3. Un attacco missilistico Russo contro la Capitale USA gli farebbe subito passare la voglia agli USA & NATO di attaccare la Russia !

  4. non c’è fretta come nel 1942 ci vorrano 4 anni per sottomettere l’ Occidente … in terra Ucraina … probabilmente … ora son passati solo 2 anni …è e sarà una guerra di mezzi e risore e secondariamente anche di uomini … uguale al 1914 e al 1939 … se Russia e Cina mantengono unione non c’è scampo per l’ Occidente

  5. zelensky è un impostore e crede di potere cambiare a suo favore il conflitto perché ha le armi del guerrafondaio biden: va fermato!

  6. zelensky è un impostore e crede di potere cambiare a suo favore il conflitto perché ha le armi del guerrafondaio biden: va fermato!PUBBLICATE IL MIO MESSAGGIO

  7. Saro’ monotono ma Insisto , la Russia dovrebbe fare accordi per installare missili in America latina . Solo questo potrebbe far sbroccare gli egemoni , come negli anni 60-70 , e indurli a piu’ miti consigli . Se non sara’ possibile almeno comincino ( i russi ) a prendere seriamente in considerazione questa ipotesi . Intendo dire che occorre spostare le belligeranze vicino alle loro coste . Troppo comodo fare i bulli lontano da casa loro , e’ una disparita’ evidente .

    1. Non credo sia necessario installare missili in America Latina, ci sono già i sommergibili nucleari della Federazione Russa che incrociano al largo delle coste degli Stati Uniti e che sono armati con missili ipersonici con testata nucleare che contengono già un indirizzo ben preciso e che in caso di lancio nel giro di mezz’ora distruggerebbero le maggiori città e basi militari vicino alle coste, senza che nessun sistema antimissile sia in grado di intercettarli. E poi ci sono i nuovi missili a propulsione nucleare che potrebbero colpire da qualsiasi parte in particolare da sud mentre da nord ci sono già gli ICBM siberiani. Solo dei pazzi provocatori potrebbero costringere la Russia a reagire. Dipenderà dal tipo di provocazione. I satanisti Nato sanno che se la Russia dovesse perdere la pazienza non ce ne sarebbe per nessuno. Devono solo provarci. La Russia sta combattendo la sua guerra di portata esistenziale poichè è sotto attacco. Ha tutte le ragioni per farla e chi è dalla parte della ragione ha sempre una marcia in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM