"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La Russia avverte delle “conseguenze nefaste” che deriverebbero da un abbandono degli USA del patto nucleare

La Russia è ritornata ad avvisare circa la possibilità che Washington decida di ritirarsi dall’accordo nucleare sottoscritto dalle 6 nazioni (5+1) con l’Iran e nello stesso tempo ha affermato che qualsiasi modifica a tale accordo internazionale avrà ” conseguenze nefaste”.
“Conoscete bene l’impostazione della Russia, del presidente Vladimir Putin, circa le conseguenze nefaste di qualsiasi azione di rottura di questo accordo”, ha allertato il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, secondo quanto riferito all’agenzia Sputnik.

In una conferenza stampa svoltasi questo martedì a Mosca, Peskov ha sottolineato che è imprescindiscindibile mantenere l’accordo nucleare conosciuto come il piano Integrale di Azione Congiunta (JCPOA), “come unica base reale per conservare l’attuale situazione”.
Su questa stessa linea, Peskov ha messo l’accento sugli sforzi che ha fatto fino al momento Putin per chiarire le “gravi conseguenze” che deriverebbero dal rompere tale accordo, così come ha allertato anche la cancelliera tedesca, Angela Merkel, e come altrettanto hanno fatto il presidente francese, Emmanuel Macron e gli altri capi di stato coinvolti nel patto, ha aggiunto Peskov.

Allo stesso modo il funzionario russo ha assicurato che Mosca analizzerà le azioni degli Stati Uniti nel caso che questi optino per abbandonare il patto nucleare sottoscritto nel 2015 tra l’Iran e il Gruppo del 5+1.
Le dichiarazioni del portavoce russo di registrano a poche ore da che il presidente statunitense , Donald Trump, annunci la sua decisione di ritirarsi o meno dall’accordo nucleare con l’Iran.

Secondo varie informazioni, Trump ha ottenuto l’appoggio degli alleati europei per sanzionare l’Iran nel caso che questi cerchi di sviluppare un missile balistico intercontinentale (ICBM) come parte di un piano integrativo agli accordi sul nucleare.

Missili iraniani in bunker sotterranei

Davanti a questa possibilità, il presidente iraniano ha sottolineato oggi l’importanza per l’Iran dell’indipendenza e dell’autosufficienza per lo sviluppo del suo paese, per poi assicurare che “non importa se ci impongono un embargo o no, l’Iran si manterrà sulle sue posizioni e sulle sue forze”.
L’Iran che fino a questo momento ha rispettato i suoi impegni, assicura che accetterà soltanto un patto completo “senza una parola di più ed una di meno, oltre ad avvisare che rinizierà le sue attività nucleari se gli USA rompono il patto e varano le sanzioni.

Fonte: Hispan Tv

Traduzione: Luciano Lago

*

code

  1. Mardunolbo 3 mesi fa

    Ah, si’ ? E quali sarebbero le conseguenze nefaste ? Una nazione che ha gia’ ricevuto sanzioni per fatti non commessi, che ha gia’ ricevuto la cacciata di diplomatici con la falsa accusa di aver avvelenato una ex spia, pensa di avvertire uno stato criminale di subire “conseguenze nefaste” ?
    Mi sembra che in Russia stiano farneticando fuori dalla realta’ o stiano veramente partecipando ad un gioco internazionale in cui le parti sono gia’ programmate !
    Aggiungasi gli strani silenzi ed omissioni di avvisare gli attacchi aerei in Siria, contro forze iraniane, e si avvalora l’ipotesi che nessuno supponeva, di una incapacita’ russa a gestire una situazione di guerra in Medio Oriente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace