La Russia accusa gli Stati Uniti di addestrare i terroristi dell’Isis a combattere l’esercito siriano

BEIRUT, LIBANO – La Russia ha accusato ancora una volta la Coalizione guidata dagli Stati Uniti di reclutare membri dello Stato Islamico (ISIS / Daesh) per unirsi a gruppi miliziani che combattono contro il governo siriano.

Secondo il capo del centro di coordinamento russo-siriano per il ritorno dei rifugiati, gli istruttori statunitensi stanno addestrando circa 30 detenuti dello Stato Islamico dal campo di Al-Hawl in Siria con lo scopo di reclutarli in formazioni armate illegali.

I prigionieri hanno seguito un corso di formazione speciale di due mesi sotto la guida di istruttori statunitensi, ha detto Mikhail Mizintsev in apertura della Conferenza internazionale di Damasco sul ritorno dei rifugiati.

“Coloro che traggono vantaggio da questa situazione dovrebbero comprendere la saggezza del proverbio: quelli che seminano il vento raccoglieranno la tempesta”, ha avvertito Mizintsev.

Istruttori USA addestrano miliziani takfiri

Il campo di Al-Hawl si trova nel nord della Siria controllato dalle forze democratiche siriane arabo-curde (SDF). Secondo varie stime, il campo ospita 65.000-70.000 rifugiati, per lo più donne e bambini delle famiglie dei militanti Daesh.

Siria e Russia hanno ripetutamente espresso preoccupazione per la difficile situazione di coloro che vivono nel campo situato nell’area occupata dalle forze sostenute dagli Stati Uniti.

Fonte: Al Masdar News

Traduzione: L.Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento