La risposta dell’Impero cinese alla guerra sanitaria occidentale

Di Robert Bibeau .
La guerra alla salute continua in Occidente mentre viene debellata a Est.

La Cina imperiale (1,4 miliardi di persone) è uscita dalla trappola della “pandemia” di Covid-19 e ha ripreso il suo tasso di crescita del 4,8% annuo come indicato L’ originalità di questo articolo sta la crisi sanitaria ed economica globale del Covid-19 – Prestazioni che non sono vicine all’asse delle potenze occidentali invischiate nell’isteria pandemica che esse stesse hanno provocato come indica questo articolo: domani, dopo il COVID-19 e il contenimento, previsto il massacro economico e sociale –

Le Nuove Vie della Seta… la nuova frontiera cinese

Mentre le potenze imperiali occidentali si impantanano in questa guerra per la salute, che finalmente si è rivoltata contro di loro, la Cina imperiale si vendica accelerando la costruzione delle ” Nuove Vie della Seta “, un vasto insieme di infrastrutture di comunicazione. Ferrovia, strada, porto, internazionale satellitare. Un gigantesco progetto da più di mille miliardi di dollari di investimenti produttivi sviluppato in più di vent’anni e per collegare l’officina cinese (850 milioni di lavoratori) al mercato europeo (500 milioni di consumatori) attraverso l’Asia Centrale e l’Oceano Indiano (10.000 chilometri di strade, ferrovie e corsie marittime).

via della seta

Questo megaprogetto di investimenti produttivi – più importante del Piano Marshall a suo tempo – costituisce la risposta dell’Impero cinese trionfante ai suoi detrattori dell’Alleanza Atlantica indebitati, deindustrializzati, dequalificati, invischiati nell’isteria pandemica e accumulando ogni anno un titanico deficit commerciale nei confronti dei suoi concorrenti asiatici (Cina, Giappone, Corea, Taiwan, India).

Il primo video mostra le prime costruzioni stradali lungo un tratto di cinquemila chilometri tra la città cinese di Chongqing (31 milioni di h.) E la città di Almaty in Kazakistan, verso Amsterdam in Olanda, passando per Mosca e Berlino . La linea ferroviaria tra Chongqing (Cina) e l’Europa è già stata completata.

La risposta delle potenze occidentali

Le potenze dell’Alleanza Atlantica, indebitate e paralizzate sotto una folle reclusione e un coprifuoco restrittivo, non sono in grado di proporre un progetto di strutturazione in competizione, e sono agitate alla periferia del Medio Impero alla ricerca di una lite sullo Xinjiang. , Tibet , Hong Kong , Taiwan e le isole Paracel e Spratley . Il secondo video presenta questo miscuglio mediatico dei ricchi imperialisti atlantici: (1)

Le condizioni della rivolta popolare

Il proletariato internazionale deve continuare la sua resistenza contro l’isteria pandemica e le misure regressive di repressione sociale che mirano a sottometterlo sia nelle sue attività produttive – sul lavoro – che nelle sue attività sociali, Telelavoro: tra regressione sociale e aggressione salariale contro i lavoratori – . Attraverso questa contorta isteria pandemica, il grande capitale mondiale (sezione occidentale) sta preparando le condizioni per il suo confronto omicida con il grande capitale della grande sezione orientale per la condivisione dei mercati mondiali su cui l’impero cinese ora impone la sua egemonia.

Questa guerra commerciale, trasformata in una guerra per la salute, crea le circostanze per una guerra militare che prepara le condizioni per un’insurrezione popolare: le condizioni oggettive per l’insurrezione sono soddisfatte –

Fonte: https://les7duquebec.net/

Traduzione: Luciano Lago

1 Commento
  • atlas
    Inserito alle 11:19h, 05 Marzo Rispondi

    tu democratico vuoi distruggere il Socialismo dell’istruzione e sanità pubblica gratuita ? Inventati il covid

Inserisci un Commento