La richiesta degli Stati Uniti per un processo di pace nel conflitto in Ucraina non è altro che ipocrisia


La portavoce del ministero degli Esteri russo ha fatto il commento a due giorni dall’attacco al ponte di Crimea. Tale richiesta per un processo di pace nel conflitto in Ucraina non è altro che ipocrisia che maschera gli sforzi per causare una sconfitta strategica alla Russia, ha affermato lunedì la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova .

In questo modo la portavoce ha commentato le dichiarazioni del coordinatore delle comunicazioni strategiche del Consiglio di sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby , recentemente concesse all’Abc.
“Un rappresentante del Consiglio di sicurezza nazionale, che, tra l’altro, ha rifiutato di commentare l’attacco al ponte di Crimea, ha detto in un’intervista a un importante canale televisivo americano che la Russia sta ostacolando i colloqui di pace. Questa retorica arriva attraverso un ampio processo di consegne di armi su vasta scala al regime ucraino filo-nazista, che Washington apparentemente non vuole fermare nonostante le buffonate del suo cliente a Kiev”, ha scritto.

Zakharova ha osservato che “dietro questi falsi appelli alla pace, non c’è altro che ipocrisia e un tentativo mal camuffato di continuare a combattere” per infliggere alla Russia “una ‘ sconfitta strategica ‘”.

Ha anche sottolineato che quanto più Washington promuoverà l’atteggiamento bellicoso di Kiev, ” incoraggiando gli attacchi terroristici dei sabotatori ucraini, tanto più difficile sarà trovare una soluzione diplomatica”.

Sabato mattina presto, un camion è esploso sul ponte di Crimea, che collega la penisola con la Russia continentale. L’esplosione ha provocato diversi morti e ha provocato l’incendio di sette serbatoi di carburante di un treno. Attualmente è stata ripristinata la viabilità sulla struttura.
Il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato domenica che i servizi speciali dell’Ucraina sono gli autori e i responsabili dell’attacco terroristico al ponte.
Lunedì, le forze russe hanno effettuato un massiccio attacco con armi ad alta precisione a lungo raggio in Ucraina contro obiettivi energetici, militari e di comunicazione. Putin ha avvertito che se Kiev continua a compiere “attacchi terroristici” contro il territorio russo, ” la risposta ancora piu’ sarà dura “.

Fonte: RT Actualidad
Traduzione: Luciano Lago

Nessun commento

Inserisci un Commento