la ricerca di Israele per una Palestina libera dai palestinesi continua. Il sostegno degli Stati Uniti consente a Netanyahu di ignorare le pressioni internazionali

di Philip Giraldi

Il piano di Israele di espandersi in uno Stato Eretz o “Grande” che incorpori grandi porzioni delle terre dei suoi vicini inizia con l’eliminazione degli abitanti pre-1948 di un luogo un tempo noto come Palestina. Il fatto che quasi tutti coloro che si considerano palestinesi debbano essere uccisi o rimossi in altro modo è forse ridotto a un aforisma, come “Israele ha il diritto di difendersi”, per assolvere lo Stato israeliano e il suo esercito infuriato da qualsiasi colpa nel processo di pulizia etnica .

In effetti, la capacità del primo ministro Benjamin Netanyahu di evitare gravi conseguenze per il suo comportamento è notevole, e genera ulteriori atrocità che avrebbero potuto essere inimmaginabili quando i combattimenti a Gaza sono iniziati in ottobre. Al Jazeera ha riferito come Netanyahu stia ora portando avanti la formalizzazione di quello che è stato definito il “progetto coloniale”, in base al quale “l’appropriazione di tutte le terre palestinesi a cui seguirà… l’esclusione totale del popolo palestinese dalla propria patria”. Bibi ha detto in un discorso ai sostenitori che “queste sono le linee fondamentali del governo nazionale da me guidato: il popolo ebraico ha un diritto esclusivo e indiscutibile su tutte le aree della Terra di Israele. Il governo promuoverà e svilupperà gli insediamenti in tutte le parti della Terra d’Israele: in Galilea, nel Negev, nel Golan, in Giudea e in Samaria”.

Il giornalista Patrick Lawrence, scrivendo su Consortium News , ha recentemente descritto come “la ferocia di Israele nella sua determinazione a sterminare i palestinesi di Gaza – e faremmo meglio a prepararci per ciò che accadrà in seguito sulla Cisgiordania del Giordano – segna una svolta per tutta l’umanità. Nella sua discesa nella depravazione, lo Stato sionista trascina con sé l’Occidente”. In effetti, e gli Stati Uniti d’America sono la prima grande potenza ad essere ridotta allo status di una sussidiaria interamente controllata dallo Stato ebraico, incapace di promuovere i propri interessi di fronte al colosso della cosiddetta lobby israeliana e dei suoi associati. Organizzazioni ebraiche e sioniste-cristiane che hanno corrotto e controllato le politiche estere e interne americane.

Lo testimonia ciò che è accaduto nelle ultime settimane, quando la comunità internazionale si è mobilitata per porre fine al massacro e alla deliberata fame dei civili di Gaza, in gran parte indifesi. Per prima cosa c’è stata una mossa del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite da parte degli Stati Uniti, che hanno introdotto una risoluzione che chiedeva, ma non esigeva, un cessate il fuoco immediato, anche se forse temporaneo, a Gaza. Quando la risoluzione venne messa ai voti, la Russia e la Cina posero il veto. Il testo presentava diversi problemi poiché inevitabilmente cercava di dare a Israele una notevole flessibilità nella gestione della situazione. Comprendeva un avvertimento secondo cui lo sforzo per garantire un cessate il fuoco deve essere “in connessione con il rilascio di tutti gli ostaggi rimanenti”, che è una richiesta israeliana e la volontà di Israele di partecipare dipende in gran parte dalla questione degli ostaggi. La risoluzione ha permesso che i combattimenti continuassero e ha posto il controllo dell’ingresso e della distribuzione degli aiuti umanitari urgentemente necessari sotto la gestione della “sicurezza” dell’esercito israeliano. Poi è arrivata una risoluzione russa e cinese, approvata da tutti i membri del consiglio tranne gli Stati Uniti che “si sono astenuti”.

Gli Stati Uniti hanno immediatamente dichiarato la risoluzione “non vincolante” e, sebbene il documento intendesse consentire un cessate il fuoco fino alla fine del Ramadan, deve ancora essere attuato da Israele, che continua a bloccare le spedizioni di aiuti alimentari e medicinali e ha concentrato i suoi sforzi ultimi attacchi contro i pochi ospedali rimasti, uccidendo altre centinaia di abitanti di Gaza. Anche se la risoluzione richiedeva un’azione sul cessate il fuoco e l’accesso agli aiuti umanitari, Israele l’ha ignorata e così anche Washington.
Dato che solo gli Stati Uniti possono costringere Israele a cambiare rotta, il fatto che continui a finanziare Israele e a fornirgli spedizioni segrete di armi, senza le quali Netanyahu non sarebbe in grado di continuare la sua guerra, parla da sé in termini di chi controlla chi. .

E non lasciatevi ingannare dalle presunte pressioni del presidente Joe Biden su Netanyahu affinché “protegga i civili”, anche se Bibi elabora piani con il suo gabinetto di guerra per invadere la regione più meridionale di Rafah, a Gaza, dove 1,5 milioni di palestinesi hanno cercato rifugio e ora devono affrontare una morte imminente. senza via d’uscita. Biden sta rispondendo ai sondaggi d’opinione negli Stati Uniti che indicano che più della metà degli americani è contraria a ciò che Israele sta facendo a Gaza e la percentuale è in costante crescita, quindi finge di avere impulsi umanitari e una coscienza, nessuna delle due cose è vera , nel cinico tentativo di sostenere la sua possibile rielezione.

A dire il vero, sia la Casa Bianca che il Congresso, sostenuti dai media dominati dagli ebrei, sono totalmente nelle tasche di Netanyahu, cosa che lui ha ammesso pubblicamente più di una volta, dicendo che gli Stati Uniti sono “facilmente commossi” da qualcuno come lui. Ma se davvero si avesse bisogno di prove certe su chi è al comando nelle relazioni USA-Israele, basta guardare il recente progetto di legge di bilancio omnibus del governo federale di 1,2 trilioni di dollari. L’attivista Pascal Lottaz si è preso il tempo di esaminare l’intero documento di 1.012 pagine che dettaglia dove vanno i soldi e discute le sue scoperte in un podcast di 9 minuti su YouTube . Lottaz ha confermato sia l’immediato pagamento in contanti di 3,8 miliardi di dollari in “tributo” a Israele, sia il già segnalato blocco di qualsiasi finanziamento del governo federale all’Agenzia delle Nazioni Unite per il soccorso e l’occupazione di Gaza (UNRWA) per almeno un anno.

Gaza distrutta

Poiché l’UNRWA è la principale agenzia di aiuti umanitari, quest’ultimo è un divieto del tutto incoerente con il desiderio espresso da Biden di affrontare la “crescente” crisi degli aiuti umanitari per gli abitanti di Gaza che stanno affrontando la fame nel contesto di un genocidio attivo.
Il divieto avviene nonostante la continua mancanza di prove a sostegno delle affermazioni di Israele di “sostegno al terrorismo” rivolte contro l’agenzia delle Nazioni Unite e nonostante le condizioni di carestia già presenti a Gaza. Nella sua analisi del documento, Lottaz ha anche scoperto questi ed altri vantaggi specifici che coinvolgono Israele in 10 sezioni del disegno di legge.

Il disegno di legge cerca anche di proteggere Israele dalle responsabilità ai sensi del diritto internazionale esistente o nuovo e di limitare gli sforzi palestinesi di resistere o difendersi.
La legge richiede a qualsiasi organizzazione che riceve finanziamenti dagli Stati Uniti di dimostrare che sta attivamente adottando misure “per combattere i pregiudizi anti-israeliani” e proibisce qualsiasi finanziamento per sostenere lo stato palestinese a meno che non venga dimostrato che un elenco di condizioni specifiche è soddisfatta, inclusa una soddisfacente “cooperazione con Israele” e le organizzazioni di sicurezza”. Proibisce qualsiasi finanziamento all’Autorità Palestinese se alla Palestina viene concesso lo status di Stato dalle Nazioni Unite o da qualsiasi agenzia delle Nazioni Unite senza il consenso di Israele. Stranamente vieta qualsiasi sostegno alla sicurezza in Cisgiordania o Gaza a meno che non venga dimostrato che l’Autorità Palestinese sta adottando misure soddisfacenti per “porre fine alla tortura e ad altri trattamenti crudeli, inumani e degradanti dei detenuti”.

Va notato che i palestinesi, non Israele, sono tenuti a porre fine agli abusi sui detenuti, anche se è Israele che abitualmente si impegna in tali pratiche. Le sezioni dettagliate del disegno di legge che ampliano ciò che è bloccato o vietato sono le seguenti:
Il disegno di legge vieta qualsiasi finanziamento statunitense alle indagini della Commissione internazionale d’inchiesta delle Nazioni Unite sull’occupazione illegale del territorio palestinese da parte di Israele: Sez. 7848(C)(2) Nessuno dei fondi stanziati dalla presente legge può essere messo a disposizione della Commissione internazionale d’inchiesta delle Nazioni Unite sui territori palestinesi occupati, compresa Gerusalemme Est, e Israele.
Il disegno di legge taglia i fondi al Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a meno che l’organizzazione non interrompa tutte le indagini sulle violazioni dei diritti umani da parte di Israele: Sez. 7048(b)(2)(c) CONSIGLIO PER I DIRITTI UMANI DELLE NAZIONI UNITE. (1) Nessuno dei fondi stanziati dalla presente legge può essere messo a disposizione a sostegno del Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite a meno che il Segretario di Stato non determini e riferisca alle commissioni congressuali competenti che la partecipazione al Consiglio è importante per l’interesse nazionale del Stati Uniti e che tale Consiglio sta adottando misure significative per rimuovere Israele dall’elenco permanente dell’ordine del giorno e garantire l’integrità nell’elezione dei membri di tale Consiglio.
Il disegno di legge impone a qualsiasi organizzazione, dipartimento o agenzia internazionale che riceve finanziamenti dagli Stati Uniti di dimostrare che sta adottando “misure credibili per combattere i pregiudizi anti-israeliani”: SEC. 7048. (a) TRASPARENZA E RESPONSABILITÀ. Entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Segretario di Stato riferirà ai comitati sugli stanziamenti se ciascuna organizzazione, dipartimento o agenzia riceve un contributo dai fondi stanziati dalla presente legge sotto le rubriche “Contributi a progetti internazionali”. Organizzazioni” e ”Organizzazioni e programmi internazionali”:
Il disegno di legge vieta il finanziamento di qualsiasi sostegno allo Stato palestinese se non sotto la conferma del Dipartimento di Stato americano che il suo governo soddisfa determinate condizioni, tra cui quella di “cooperare con le appropriate organizzazioni israeliane e altre organizzazioni di sicurezza appropriate”.

Militari israeliani a Gaza

Il disegno di legge vieta qualsiasi sostegno all’ente radiotelevisivo palestinese: SEC. 7038. Nessuno dei fondi stanziati o altrimenti resi disponibili dalla presente legge può essere utilizzato per fornire attrezzature, supporto tecnico, servizi di consulenza o qualsiasi altra forma di assistenza alla Palestinese Broadcasting Corporation.
Il disegno di legge vieta qualsiasi finanziamento all’assistenza alla sicurezza in Cisgiordania o a Gaza a meno che il Dipartimento di Stato non riferisca sulle “misure adottate dall’Autorità Palestinese per” porre fine alla tortura e ad altri trattamenti crudeli, inumani e degradanti dei detenuti”: 7039(C) (2) ASSISTENZA DI SICUREZZA E OBBLIGO DI RENDICONTAZIONE. Nonostante qualsiasi altra disposizione di legge, nessuno dei fondi resi disponibili da questa o da precedenti leggi sugli stanziamenti, compresi i fondi resi disponibili tramite trasferimento, può essere reso disponibile per obblighi di assistenza alla sicurezza per la Cisgiordania e Gaza fino a quando il Segretario di Stato non riferirà al Commissioni per gli stanziamenti sulle misure adottate dall’Autorità Palestinese per porre fine alla tortura e ad altri trattamenti crudeli, inumani e degradanti dei detenuti, anche assicurando alla giustizia i membri delle forze di sicurezza palestinesi che commettono tali crimini.
Il disegno di legge vieta qualsiasi finanziamento all’Autorità Palestinese se la Palestina ottiene il riconoscimento dello stato da parte dell’ONU o di qualsiasi agenzia delle Nazioni Unite senza il consenso di Israele o se i palestinesi avviano un’indagine su Israele presso la Corte penale internazionale: Sec.7401(k)(2)( A)(i) Nessuno dei fondi stanziati sotto il titolo “Fondo di sostegno economico” nella presente legge può essere reso disponibile per l’assistenza all’Autorità palestinese, se dopo la data di entrata in vigore della presente legge i palestinesi ottengono lo stesso status di Stati membri o appartenenza a pieno titolo come Stato alle Nazioni Unite o a qualsiasi agenzia specializzata delle stesse al di fuori di un accordo negoziato tra Israele e i palestinesi o i palestinesi avviano un’indagine autorizzata giudizialmente dalla Corte penale internazionale (CPI), o sostengono attivamente tale indagine, che sottopone Cittadini israeliani ad un’indagine per presunti crimini contro i palestinesi.
Il disegno di legge estende le garanzie sui prestiti esistenti a Israele ai sensi della legge sugli stanziamenti supplementari in tempo di guerra di emergenza fino al 30 settembre 2029: SEC. 7034(k)(6).
Il disegno di legge concede 3,3 miliardi di dollari in “finanziamenti militari stranieri” a Israele, da erogare entro 30 giorni: 7401(d) ISRAEL. – Dei fondi stanziati da questa legge sotto il titolo “Programma di finanziamento militare straniero”, non meno di 3.300.000.000 di dollari saranno disponibili per sovvenzioni solo per Israele che saranno erogate entro 30 giorni dall’entrata in vigore della presente legge: a condizione che, nella misura in cui il governo di Israele richieda che i fondi siano utilizzati per tali scopi, le sovvenzioni rese disponibili per Israele sotto questa voce saranno disponibili, come concordato tra Stati Uniti e Israele, per sistemi d’arma avanzati, di cui non meno di 725.300.000 dollari saranno disponibili per l’acquisto in Israele di articoli e servizi per la difesa, compresi ricerca e sviluppo.
Il disegno di legge autorizza mezzo miliardo di dollari in aiuti militari a Israele per “Iron Dome” e altri sistemi di difesa missilistica : SEC. 8072. Degli importi stanziati in questa legge sotto i titoli “Approvvigionamenti, a livello di difesa” e “Ricerca, sviluppo, test e valutazione, a livello di difesa, $ 500.000.000 saranno destinati ai programmi di cooperazione israeliani.
Il disegno di legge è passato al Congresso, è convertito in legge e sta per essere firmato da Joe Biden. In altre parole, gli Stati Uniti sono già volontariamente complici di migliaia di morti oltre alla morte imminente di alcune decine di migliaia di altre persone innocenti. Biden sta finanziando la guerra di sterminio di Israele contro i palestinesi e si oppone a qualsiasi tentativo da parte dei palestinesi di difendere se stessi o i propri interessi come popolo.

I due compari, complici nel genocidio dei palestinesi

È vergognoso e il nostro governo si sta comportando in modo mostruoso, controllato da una potenza straniera che lo ha completamente corrotto. E il marciume si sta diffondendo in tutto il nostro sistema politico fino a includere la morte del nostro diritto alla libertà di parola. Solo la settimana scorsa il governatore Greg Abbott del Texas si è vantato di una nuova legislazione per reprimere il presunto antisemitismo e poiché le critiche a Israele o il comportamento degli ebrei sono definiti antisemiti è probabile che gli studenti che manifestano contro lo Stato ebraico e a sostegno di Gaza verranno espulsi dalle università e persino perseguiti. E si dice anche che la lobby israeliana negli Stati Uniti sia impegnata a raccogliere una somma di 100 milioni di dollari per finanziare la rimozione di politici e altri personaggi pubblici critici nei confronti di Israele. Questa è una cosa seria che riguarderà tutti noi. È ora di svegliare l’America!

Philip M. Giraldi, Ph.D., è direttore esecutivo del Council for the National Interest, una fondazione educativa deducibile dalle tasse 501(c)3 (numero ID federale n. 52-1739023) che persegue una politica estera statunitense più basata sugli interessi nel Medio Oriente. Il sito web è Councilforthenationalinterest.org, l’indirizzo è PO Box 2157, Purcellville VA 20134 e la sua email è inform@cnionline.org .

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

10 commenti su “la ricerca di Israele per una Palestina libera dai palestinesi continua. Il sostegno degli Stati Uniti consente a Netanyahu di ignorare le pressioni internazionali

  1. I padroni dell’America e c. continuano a sperare ………….. la speranza è l’ultima a morire, ma data la Tendenza Storica – LE SCONFITTE ETERNE . codesti genioni sperano invano………… la voce dei padroni conta sempre meno, il Mondo ha constatato la loro vulnerabilità e negatività ………………. non abbindolano più nessuno………………………… Tu chiamali, se vuoi, buoni a nulla. Ha ha ha ha ha !!!!!!!!

  2. Non ho parole sinceramente non ho parole con il denaro comprano e corrompono tutti questi maledetti marci nel profondo nei loro geni penso rimangano due soluzioni improbabili entrambe ma poi non così impossibili 1) che le persone e i popoli prendano coscienza individuale di chi è il male assoluto su questo meraviglioso pianeta 2) un meteorite possibilmente di un 50 km così per non rischiare . Un cordiale saluto e grazie per le attente info

    1. Caro LUCA, tra le due ipotesi mi piacerebbe molto si realizzasse la prima, cioè che i popoli prendano coscienza ! Ma mi accontenterei anche della seconda, con una piccola modifica, il meteorite di cui parli, entrando nella atmosfera terrestre, deve dividersi in tre enormi frammenti, diretti rispettivamente su Washington, Londra e Tel Aviv !

    2. Un sassone spaziale di 50km quasi sicuramente spazzerebbe via TUTTA la vita complessa sul pianeta. Troppino. Basterebbe di 10km così ché ad estinguersi sarebbe sicuramente solo la razza umana. Il mondo animale in parte si salverebbe, mi sembrerebbe più giusto. Saluti

  3. A prescindere con una foto di facce del genere potrei solo farci una pubblicità ai lassativi. E forse sarebbe concorrenza sleale. Intanto i fanatici di Sion hanno chiuso 30 ambasciate nel mondo per paura d’ attentati. Luridi ipocriti.

    1. Salve redazione, non riesco più ad inserire commenti. Ma solo a rispondermi questo da stamani, neanche da stamani. Esiste un motivo?

      1. Il nostro collaboratore che ci aiuta a filtrare i commenti, oggi non era disponibile.

        Scusate il ritardo.

        Saluti

        Luciano lago

        1. Salve Luciano il mio problema sembra diverso dal ritardo. Le mie risposte a me stesso od ai commenti d’ altri me le inserisce anche se in ritardo, con tanto d’ anteprima. Purtroppo non riesco a farlo per il commento libero e diretto all’ articolo. Non capisco come sia possibile. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM