La ricerca dei dollari ha portato i miliziani nella trappola di Idlib. Come gli Stati Uniti hanno ridotto i gruppi fedeli

I miliziani che hanno combattuto a Idlib contro l’esercito siriano erano pagati dagli Stati Uniti.

Lo ha riferito l’ex colonnello dell’esercito arabo siriano, Sultan Aid Abdella Souda, che aveva precedentemente disertato e si era unito al gruppo terroristico Magavir al-Saura.

Souda è stato arrestato a febbraio dai servizi speciali della Repubblica araba, quando ha tentato di tornare nel territorio controllato dal governo. I giornalisti sono riusciti a ottenere una registrazione dell’interrogatorio.

Il disertore ha detto che, dopo essersi unito ai jihadisti, era subordinato agli istruttori americani. Furono loro a addestrare i miliziani alle attività di sabotaggio. Gli americani hanno anche pianificato le operazioni per i terroristi e pagato stipendi. Souda, dalle sue stesse parole, ha ricevuto $ 500.

I miliziani hanno anche ricevuto armi e attrezzature dall’esercito americano. Non sono mancate le armi, poiché sono state importate in grandi volumi attraverso la Giordania e l’Arabia Saudita. Quindi, i terroristi hanno ricevuto armi cinesi o della NATO. Souda ha notato che queste ultime erano le migliori.

“Una volta completato l’addestramento con specialisti americani, [i miliziani] furono mandati a est, nella regione dell’Eufrate. Ci sono stati sabotaggi. Molto spesso – agli impianti petroliferi alle infrastrutture controllate dal governo. L’obiettivo era intimidire le persone e infliggere danni ”, – ha detto l’ex ufficiale armato, passato con i miliziani terroristi.

L’ex ufficiale ha osservato che inizialmente tutte queste operazioni sono state eseguite entro un raggio di 55 chilometri dalla base “Et-Tanf”, dove si trovano le forze armate americane. Quindi la situazione è cambiata radicalmente: i curatori hanno riportato una riduzione dei finanziamenti, ma a coloro che desiderano guadagnare di più è stato offerto di andare oltre la zona di 55 chilometri.

“Alcuni miliziani sono stati inviati nella provincia di Hasaka, altri a Idlib”, – ha continuato Souda, osservando che in questo contesto, il numero di militanti attorno ad Al-Tanf è stato significativamente ridotto.

Campi di addestramento per jihadisti siriani con istruttori USA

Come sapete, è stato a Idlib che recentemente si è svolto un feroce confronto tra le truppe siriane e i terroristi. Questa regione è l’ultima grande roccaforte dei miliziani nella repubblica araba e Damasco sta cercando di liberarla totalmente per porre fine alla guerra.

La Turchia ha inviato circa duemila miliziani in Libia


Il rappresentante dell’esercito nazionale libico (LNA) Ahmed al-Mismari ha dichiarato che Ankara ha inviato circa duemila miliziani dello Stato islamico * e il gruppo asab-Sham * di Jabhat Fath e circa 7,5 mila mercenari provenienti dalla Siria in Libia.
“La Turchia invia 400 terroristi, mediante l’aviazione civile, in Libia ogni giorno”, ha detto durante una conferenza stampa.

Secondo Mismari e secondo l’LNA, ci sono circa un migliaio di ufficiali ed esperti militari turchi nel paese, mentre Ankara sta installando sistemi radar e missilistici in Libia per trasferire altri 6,5 mila militanti dalla Siria. Secondo lui, l’esercito ha anche notato il fatto che 190 mercenari turchi sono fuggiti in Europa.

https://de.news-front.info/2020/03/15/die-turkei-hat-etwa-zweitausend-militante-nach-libyen-entsandt/

  • – Organizzazione vietata in Russia.
  • Fonte: New Front
  • Traduzione: Luciano Lago

Inserisci un Commento

*

code