La ribellione popolare in Cile investe il festival di Viña del Mar

Cile. La rabbia popolare rovina il Festival di Viña del Mar alla borghesia cilena / incidenti multipli, auto bruciate, lapidando il principale hotel della città / duro colpo per Piñera (video)

Sommario latinoamericano, 23 febbraio 2020

Come era già stato annunciato dai comitati oppositori e dai combattenti popolari, il Festival di Viña del Mar (la San Remo el Cile), così emblematico per la borghesia e il governo, è crollato. Fondamentalmente perché nella situazione di grave crisi sociale che sta attraversando il Paese, questo Festival, secondo molti di quelli che si esibiscono nelle strade, “è uno spreco e uno sperpero di denaro, quando non c’è assistenza sanitaria , istruzione o alloggio per la popolazione”.

Ecco perché le strade di Viña del Mar sono diventate un campo di battaglia, con i poliziotti armati superati dalla rabbia popolare e il grande Hotel O’Higgins, dove molti ospiti stranieri alloggiano, oggetto di lancio di pietre, gasato e trasformato in una pozza d’acqua tossica rilasciata dalle autobotti.

Nelle strade, macchine in fiamme, barricate e ovunque, lo slogan del momento: «Piñera conchitumadre, assassino proprio come Pinochet». La rabbia della rivolta popolare contro il governo neoliberista del Cile è sempre più forte.

Il Cile è ancora sveglio !! Il Cile non rinuncia alla lotta.

Fonte: Resumen Latinoamericano http://www.resumenlatinoamericano.org/2020/02/23/chile-la-ira-popular-le-arruina-el-festival-de-vina-del-mar-a-la-burguesia-chilena-multiples-incidentes-coches-quemados-apedrean-el-hotel-principal-de-la-ciudad-golpe-duro-para-pinera/

Traduzione: Lisandro Alvarado

Inserisci un Commento

*

code