La retorica dei diritti umani alle Nazioni Unite non è abbastanza per combattere il blocco degli Stati Uniti su Cuba


di Ramona Wadi

L’ultimo inasprimento delle sanzioni statunitensi su Cuba che hanno portato a una crisi di carburante nel paese, espone l’inutilità della diplomazia delle Nazioni Unite quando si tratta di sostenere le proprie definizioni di diritto internazionale. Dal 1962, Cuba è stata colpita da un blocco economico che ha paralizzato le sue possibilità di commercio e sviluppo. Tuttavia, l’influenza degli Stati Uniti all’interno della comunità internazionale continua a ridicolizzare il concetto di diritti umani e indipendenza.

Il ministro degli Esteri cubano, Bruno Rodriguez Parilla, ha recentemente descritto il blocco degli Stati Uniti a Cuba come genocidio. Le multe imposte dagli Stati Uniti alle navi che raggiungono Cuba hanno causato una carenza, portando il governo cubano ad annunciare misure di contrasto che hanno influenzato la vita quotidiana delle persone.

Nel frattempo, ulteriori restrizioni finanziarie imposte dagli Stati Uniti a Cuba sono state descritte dal segretario al Tesoro americano Steve Mnuchin per ritenere “il regime cubano responsabile della sua oppressione del popolo cubano e il sostegno di altre dittature in tutta la regione, come il regime illegale di Maduro”. Le sanzioni, ha dichiarato Mnuchin, “stanno frenando i cattivi comportamenti del governo cubano, pur continuando a sostenere la popolazione di lunga sofferenza di Cuba”.

Non importa che il popolo cubano abbia sofferto dopo l’imposizione del blocco e il conseguente tentativo di interferenza sotto le sembianze dell’USAID, che recentemente ha cercato di danneggiare la reputazione di Cuba prendendo di mira il suo programma sanitario internazionale, nonostante il fatto che i medici cubani siano stati al timone nel fornire l’assistenza necessaria nella regione e nel mondo.

Indubbiamente, gli Stati Uniti stanno tentando di danneggiare le relazioni tra Venezuela e Cuba nel tentativo di portare entrambi i paesi sull’orlo della resa politica. Di conseguenza l’intervento degli Stati Uniti in Venezuela ha colpito Cuba, il che ha influito sulla fornitura di petrolio a Cuba. Per gli Stati Uniti, il bonus sarebbe una presenza permanente di influenza in entrambi i paesi, sottoponendo il popolo alla sottomissione perpetua.

Secondo Rodriguez, Cuba ha subito perdite finanziarie fino a $ 4,3 miliardi tra marzo 2018 e aprile 2019. In sei decenni di sanzioni statunitensi su Cuba, sono stati persi $ 922,6 miliardi.

Il presidente dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha dichiarato la posizione dell’organizzazione sul blocco degli Stati Uniti: “Queste sanzioni unilaterali incidono davvero sulla sicurezza e sul diritto allo sviluppo di tutti i popoli e rappresentano un ostacolo alla capacità di realizzare tali benefici”.

Calles de Cuba Crisis en transporte

Dal 1992, le Nazioni Unite hanno votato ogni anno su una risoluzione per porre fine all’embargo statunitense su Cuba. L’anno scorso, l’ex ambasciatore degli Stati Uniti presso l’ONU, Nikki Haley, ha criticato il voto ricordando : “Non stai facendo del male agli Stati Uniti”.

In effetti, gli Stati Uniti non possono essere danneggiati dalle azioni delle Nazioni Unite perché i loro atti al di sopra del diritto internazionale sono una questione di politica. Inoltre, la risoluzione non vincolante non costringe gli Stati Uniti a revocare la propria violenza politica, rendendo così il processo un esercizio di futile diplomazia. Cuba ha bisogno di azione, piuttosto che di discussione e deliberazione. Nonostante il consenso internazionale sulla revoca del blocco venga generato ripetutamente, le violazioni rimangono in atto mentre il governo cubano è costantemente tenuto a difendere il sistema socialista del paese, cosa che ha fatto infuriare gli Stati Uniti anche dopo la morte del leader rivoluzionario Fidel Castro. Gli USA vorrebbero impiantare nell’isola il loro sistema politico e di dipendenza dal possente vicino.

L’ambasciatore cubano in Etiopia ha evidenziato l’aggressione degli Stati Uniti contro Cuba in termini di carenza di petrolio che il paese sta attualmente vivendo. Dire che gli Stati Uniti stanno manipolando il bisogno di Cuba di carburante per far cadere la rivoluzione cubana è un fatto scontato. Uno dei modi in cui gli Stati Uniti cercano di distruggere Cuba – sempre in nome della protezione delle persone da presunte violazioni dei diritti umani – è attraverso l’installazione di un governo di destra in Venezuela che spezzerebbe i legami con l’isola. A sua volta, l’isolamento di Cuba nella regione diventerebbe più pronunciato.

Non avendo preso in considerazione le relazioni tra Cuba e Venezuela, la comunità internazionale sta accumulando ulteriori vincoli sul popolo cubano. All’interno della comunità internazionale c’è il sostegno all’opposizione venezuelana da parte dei paesi che votano contro il blocco USA su Cuba. Se la comunità internazionale intende sostenere la lotta cubana contro le politiche imperialiste, non può scegliere di ignorare il suo ruolo nell’opprimere il popolo cubano non riuscendo a prendere posizione contro l’interferenza americana in Venezuela.

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Lisandro Alvarado

1 commento

Inserisci un Commento

*

code