La resistenza irachena “ricorrerà alle armi” se gli Stati Uniti non lasceranno il Paese

placeholder

Un gruppo della Resistenza Irachena minaccia di ricorrere alle armi se gli Stati Uniti continueranno l’occupazione e non ritireranno le proprie forze dal territorio iracheno.

” Le forze statunitensi hanno occupato, distrutto e oppresso l’Iraq e gli elementi dell’intelligence statunitense in Iraq, così come i [cosiddetti] esperti economici e politici, che hanno reso l’Iraq un paese di sangue, dolore, povertà, assassinio e sedizione ,operano sotto l’ombrello di quella forza militare ostile ”, dice una dichiarazione delle brigate Abu al-Fazl al-Abbas, un gruppo della resistenza irachena.

Il testo, diffuso mercoledì, denuncia l’inerzia del primo ministro iracheno, Mustafa al-Kazemi, per attuare la risoluzione approvata dal parlamento del Paese arabo per l’espulsione delle forze di occupazione statunitensi.

Questa risoluzione era stata approvata in risposta alla violazione degli Stati Uniti della sovranità dell’Iraq, in particolare, durante l’offensiva aerea dello scorso gennaio, a Baghdad (capitale irachena), che ha posto fine alla vita del tenente generale Qasem Soleimani, comandante. della Forza Quds del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica Iraniana (IRGC), nonché Abu Mahdi al-Muhandis, vice comandante delle Unità di mobilitazione popolare irachena (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo) e altri militari.

Gruppi di resistenza iracheni hanno richiesto l’espulsione delle truppe Usa e, in caso contrario, hanno minacciato,”attaccheranno gli interessi” di questo paese nel loro territorio nazionale, .

A questo proposito, il movimento di resistenza irachena ha chiesto al governo di Al-Kazemi di cogliere l’opportunità di rimuovere le truppe statunitensi dall’Iraq. “Parla con gli americani e costringili ad andarsene in fretta”, sollecita la nota della brigata Abu al-Fazl al-Abbas, avvertendo, a sua volta, che, altrimenti, le forze popolari irachene ricorreranno alle armi .

Il malcontento per la presenza illegale degli Stati Uniti, così come il suo coinvolgimento in vari atti destabilizzanti, compreso il sostegno ai terroristi e gli attacchi alle posizioni delle forze popolari irachene che combattono il terrorismo, hanno fatto si che il popolo e le autorità irachene esigano il ritiro dall’Iraq e chiedono che le truppe USA abbandonino il il Paese arabo, altrimenti saranno trattate come una “truppa di occupazione” .

La Resistenza Irachena ha recentemente annunciato un cessate il fuoco e la fine degli attacchi alle forze statunitensi di stanza in Iraq; tuttavia, avverte che se qualcuno tradisce Al-Hashd Al-Shabi, l’opportunità condizionale data agli Stati Uniti di ritirare le proprie truppe verrà annullata e Washington dovrà affrontare l’espulsione forzata.

Fonte: https://www.hispantv.com/noticias/irak/481015/salida-eeuu-tropas-resistencia

Tv Traduzione: L.Lago

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by madidus