La Resistenza Irachena prende di mira la raffineria di petrolio di Haifa ed Eilat

La Resistenza Islamica in Iraq persiste nel prendere di mira l’occupazione israeliana, in solidarietà con Gaza e la resistenza palestinese, e rinnova i suoi attacchi contro il porto di Eilat.
La Resistenza Islamica in Iraq ha annunciato di aver preso di mira un sito strategico a Eilat, nella Palestina occupata, utilizzando droni.

Ha inoltre affermato di aver preso di mira la raffineria di petrolio di Haifa giovedì mattina utilizzando un drone.

Mercoledì scorso, la Resistenza Islamica in Iraq ha preso di mira obiettivi vitali nei territori palestinesi occupati, a Wadi Areeha e nella base aerea di Nevatim situata a est di Bir al-Sabe’ occupata.
Le operazioni sono state condotte utilizzando i missili da crociera al-Arqab, secondo un comunicato diffuso dalla Resistenza. Anche i media militari della Resistenza Irachena hanno pubblicato filmati dell’operazione.

Forze resistenza irachena

Secondo la Resistenza, le operazioni miravano a difendere Gaza in risposta ai massacri commessi dall’occupazione israeliana contro i civili palestinesi, compresi donne e bambini.

Nelle prime ore di mercoledì, la Resistenza Irachena ha preso di mira un obiettivo militare a Umm al-Rashrash [Eilat], nella Palestina occupata più meridionale, utilizzando droni.

Fonti hanno informato Al Mayadeen che sono state utilizzate due nuove armi : il drone suicida al-Arfad, che supera i droni utilizzati in precedenza in termini di velocità, tecnica e capacità di distruzione, e un altro che non è stato ancora rivelato.

Al Mayadeen inglese
Fonte: Agenzie

Traduzione: Fadi Haddad

7 commenti su “La Resistenza Irachena prende di mira la raffineria di petrolio di Haifa ed Eilat

  1. Che Israele bruci nel pantano della guerra da essi stessi generata. Falliranno come i loro lacche’ americani ed europei. Nuovi droni ancora più efficaci? Magari possono sentire la megera vaccinara Von der Leyen, per inoculazioni siero anti drone od anti bomba!

    1. Ciao, Lollo73. Picchia, picchia duro contro i padroni e c. !!!! Sono inferiori, idioti, e ladri; specializzati in figuracce !!!! I vaccini e le altre trovate fesse non li salveranno.

  2. L’occidente istupidito e fossile può solo leccarsi le ferite ………………………….. all’EST l’arrivo di nuovissime armi è continuo, ed esse scombussolano tutti i piani dei padroni genioni onnipotenti. Le figuracce sono croniche; cosa dice la chiassosa propaganda occidentale? sta muta ! Mi viene da ridere. Nascondere le perdite non fa vincere una guerra ………………………………….. Tu chiamali, se vuoi, fessacchiotti.

  3. Hezbollah ha colpito il QG a Metula della brigata Golani …………….. con missili sparati da un drone. La brigata Golani è perseguitata dalla sfortuna.

  4. Aver sparato dei giocattoli di aerei radiocomandati oppure aver lanciato dei piccoli missili retrò fatti in casa contro Israele non mi sembra affatto che abbia fatto danni in Israele nè suoi siti militari né sulla Raffineria !
    Non capisco il perché voialtri esultate tanto ?

    1. Ciao TACABANDA, purtroppo gli attacchi della resistenza irachena non sembra abbiano fatto grossi danni, ma dimostrano pur sempre che i sionisti non sono invulnerabili come ci hanno fatto credere per decenni ! Che io ricordi non mi pare che i porti di Eilat ed Haifa siano mai stati colpiti prima ! Naturalmente mi auguro che la resistenza palestinese, irachena, Hezbollah, Houti e Iran, colpiscano duro, molto più duro !

    2. Ciao Tacabanda, ovviamente non sono danni che fermano un potente esercito nell’ immediato, ma lo faranno nel lungo termine. L’ esercito Israeliano ha pochi effettivi ed anche perdere un solo uomo ben addestrato pesa. Non so’ se hai letto gl’ articoli, sono danni alle infrastrutture logistiche che gl’ ebraici malnati minimizzano. Ma ci sono ed alla lunga conteranno. Come la loro arma più potente, il sostegno americano. Prima o poi finirà, allora esulterò davvero. Nel vedersi disperare e magari essere ghettizzati a loro volta. Saluti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM