LA “RESISTENZA” IRACHENA LANCIA UN ALTRO ATTACCO CONTRO ISRAELE E PRENDE DI MIRA DUE BASI STATUNITENSI

Verso la fine del 3 novembre, la Resistenza Islamica in Iraq (IRI), sostenuta dal Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica iraniana, ha annunciato di aver lanciato un altro attacco contro Israele in risposta a quelli che ha definito “massacri” contro i palestinesi nella zona di Gaza.

In un breve comunicato, l’IRI ha affermato che l’attacco ha avuto come bersaglio la città israeliana meridionale di Eilat, senza fornire ulteriori dettagli.

Non sono state riportate esplosioni o intercettazioni dai media ebraici a Eilat o nelle aree circostanti prima o dopo l’annuncio dell’IRI.

Questo è stato il secondo attacco dell’IRI contro Israele. Il 2 novembre, il gruppo ha dichiarato di aver colpito un obiettivo israeliano “vitale” sulle rive del Mar Morto e ha pubblicato una foto che mostrava un misterioso missile da crociera che si ritiene sia stato fabbricato dall’Iran e designato come tipo “351” dall’Iran e dall’Esercito e intelligence degli Stati Uniti.

L’IRI ha formato una sala operativa speciale per sostenere Gaza in seguito al massacro dell’ospedale arabo Al-Ahli del 17 ottobre e si è unito alla guerra lanciando attacchi contro le basi statunitensi in Iraq e Siria.

Milizie sciite Iraq

Finora, il gruppo ha effettuato più di due dozzine di attacchi contro le truppe statunitensi che ospitavano. Il 3 novembre, ha annunciato un attacco missilistico contro la pista di atterraggio di Kharab Al-Jir nel governatorato siriano nord-orientale di al-Hakash e all’inizio del 4 novembre ha affermato che la base aerea di al-Harir nella regione autonoma settentrionale irachena del Kurdistan era stata presa di mira con due droni. .

Gli attacchi dell’IRI hanno già costretto gli Stati Uniti a rafforzare le proprie basi in Medio Oriente con più di 1.000 soldati e una dozzina di sistemi di difesa aerea.

Per far fronte alla crescente minaccia proveniente dall’Iraq, Israele dovrà stanziare maggiori difese aeree nelle regioni settentrionali, orientali e meridionali. Potrebbe anche richiedere il supporto degli aerei da guerra e delle difese aeree statunitensi attualmente dispiegati nella base aerea di Muwaffaq Salti nella vicina Giordania.

Fonte: South Front

Traduzione: Fadi Haddad

2 commenti su “LA “RESISTENZA” IRACHENA LANCIA UN ALTRO ATTACCO CONTRO ISRAELE E PRENDE DI MIRA DUE BASI STATUNITENSI

  1. Colpire senza sosta le illegali basi Usa in Iraq e Siria, fino alla definitiva cacciata degli invasori !
    Il prezzo da pagare per gli yankee deve diventare insostenibile !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM