La Resistenza ha un piano per Israele. Ma d’altro canto i fantastici stratagemmi americani ne garantiscono il fallimento

di Alastair Crooke (^)

Siamo entrati in un periodo di disgregazione e violenza, poiché le forze che distruggono il vecchio status quo si susseguono e si rafforzano a vicenda.

Martedì, in un discorso, il leader di Hezbollah Seyed Nasrallah ha detto che il partito continuerà l’offensiva al confine almeno fino alla fine del massacro a Gaza. La guerra a Gaza, tuttavia, è lungi dall’essere finita. Nasrallah ha avvertito che anche se a Gaza si raggiungesse un cessate il fuoco, ” se il nemico intraprendesse qualche azione, ritorneremo ad operare secondo le regole e le formule che esistevano prima”. L’obiettivo della resistenza è scoraggiare il nemico e noi risponderemo di conseguenza ”.Il ministro della Difesa israeliano Gallant ha sottolineato che, contrariamente alle aspettative del consenso internazionale, anche lui si aspetta che la guerra in Libano continui. Gallant ha affermato che l’esercito ha aumentato i suoi attacchi contro Hezbollah di un livello su dieci:

“ Gli aerei dell’aviazione militare che attualmente volano nei cieli libanesi hanno bombe più pesanti per obiettivi più distanti. Possiamo attaccare non solo a 20 chilometri [dal confine] , ma anche a 50 chilometri, a Beirut e ovunque ”.

Non è chiaro esattamente quale “linea rossa” Hezbollah dovrebbe oltrepassare affinché Israele porti la sua risposta a livelli molto più alti; I leader israeliani hanno suggerito che un attacco a un sito strategico, un attacco che provochi significative vittime civili o un grave blocco di Haifa potrebbero essere il punto di rottura.

Tuttavia, con tre divisioni militari invece di quella solitamente schierata nel nord di Israele, l’IDF ha più forze pronte ad agire sul confine settentrionale di quante ne stia preparando per un’incursione a Rafah – in questa fase. È chiaro, come ha chiarito il capo di stato maggiore Halevy, che Israele si sta “preparando alla guerra ” contro Hezbollah (più di un’incursione a Rafah).

Hezbollah, postzione difesa

La minaccia di Rafah è un bluff volto a fare pressione su Hamas affinché ceda all’accordo e agli ostaggi? In un modo o nell’altro, i leader politici e militari israeliani sono irremovibili: le forze di difesa israeliane faranno un’incursione a Rafah, ” prima o poi “.
L’attacco qualitativamente diverso di Hezbollah a Safed, contro la sede del Comando regionale settentrionale israeliano, mercoledì, che ha provocato la morte di due persone e altre sette vittime, è considerato in Israele l’ attacco più grave dall’inizio della guerra, quando Ben Gvir l’ha definita una “ dichiarazione di guerra ”. I successivi attacchi israeliani hanno ucciso 11 persone, tra cui sei bambini, in una raffica di attacchi sui villaggi del Libano meridionale come rappresaglia per il bombardamento di Safed; i feroci scontri a fuoco continuano ancora oggi.

L'”attacco di Safed” nel profondo della Galilea aveva molto probabilmente lo scopo di segnalare che Hezbollah non è disposto a capitolare alle richieste occidentali di concedere a Israele un cessate il fuoco inteso a facilitare il ritorno degli israeliani evacuati alle loro case nel nord. Come ha confermato Nasrallah in un feroce attacco ai mediatori esterni (occidentali) che servono solo come sostenitori di Israele e trascurano di affrontare i massacri di Gaza:

“ È più facile far avanzare il Litani verso i confini che spingere i combattenti Hezbollah dai confini alle spalle del Litani… Vogliono che paghiamo un prezzo senza che Israele si impegni in nulla ”.

In queste circostanze, Nasrallah ha chiarito che i residenti del nord di Israele non sarebbero tornati alle loro case, avvertendo che un numero ancora maggiore di israeliani correva il rischio di essere sfollati:

“ Israele deve preparare rifugi, scantinati, alberghi e scuole per accogliere i due milioni di coloni che saranno evacuati dal nord della Palestina [se Israele espande la zona di guerra].

Nasrallah ha delineato quello che è chiaramente il piano strategico generale dell’Asse della Resistenza. (Ci sono stati una serie di incontri tra i principali funzionari dell’Asse nella scorsa settimana, in tutta la regione, a nome dei quali Nasrallah sta parlando):

“ Siamo determinati a combattere Israele finché non scomparirà dalla mappa. Un Israele forte è pericoloso per il Libano; ma un Israele scoraggiato, sconfitto ed esausto è meno pericoloso per il Libano ”.

L’interesse nazionale del Libano, dei palestinesi e del mondo arabo è che Israele lasci sconfitto questa battaglia: ecco perché siamo determinati a sconfiggere Israele ”.

Chiaramente, l’Asse ha la sua visione dell’esito del conflitto. E questo è uno Stato israeliano “ dissuaso, sconfitto ed esausto ”. Implicitamente, si tratta di un Israele che ha rinunciato al progetto sionista e che si è riconciliato con l’idea di vivere come ebrei tra il fiume e il mare, anche se i suoi diritti non differiscono da quelli degli altri abitanti della regione ( cioè palestinesi).

D’altra parte, il piano strategico occidentale, secondo quanto riportato dal Washington Post – che gli Stati Uniti e diversi paesi arabi sperano di presentare tra poche settimane – è un piano a lungo termine per la pace tra Israele e palestinesi, che comprende un “ calendario” per la creazione di uno “stato” palestinese provvisorio e smilitarizzato:

“ È imperativo che si inizi con un accordo sugli ostaggi accompagnato da un cessate il fuoco di sei settimane tra Israele e Hamas. Sebbene possa essere definito come una “cessazione delle ostilità” o una “pausa umanitaria prolungata”, un simile cessate il fuoco segnerà di fatto la fine della guerra secondo le linee e le dimensioni con cui è stata combattuta da allora .

Il piano affronta la questione della “Gaza del dopoguerra” in termini già ben noti. Come afferma il principale commentatore israeliano Alon Pinkas:

” Insieme all’annuncio, gli Stati Uniti, la Gran Bretagna e forse altri paesi prenderanno in considerazione la possibilità di fare una dichiarazione congiunta di intenti sul riconoscimento di un futuro stato palestinese provvisorio, smilitarizzato, senza delimitare o specificare i suoi confini “.

“ Tale riconoscimento non è necessariamente incoerente con la legittima e ragionevole richiesta di Israele di avere un controllo di sicurezza assoluto sull’area a ovest del fiume Giordano per il prossimo futuro… [ costituisce] un percorso pratico, temporaneo e irreversibile verso uno Stato palestinese vivo. fianco a fianco in pace con Israele… il cui riconoscimento potrebbe essere sottoposto anche al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite – sotto forma di una risoluzione vincolante. Una volta che i paesi arabi firmeranno un simile quadro, gli Stati Uniti ritengono che né la Russia né la Cina porranno il veto… ”

Nell’ambito della fase di “regionalizzazione”, gli americani svilupperanno un meccanismo per la cooperazione in materia di sicurezza regionale. Alcuni a Washington immaginano una regione riconfigurata con una nuova “architettura di sicurezza” come foriera di una versione progressista dell’Unione Europea per il Medio Oriente, con una maggiore integrazione economica e infrastrutturale .

Libano, Frontiera in guerra

Ah – di nuovo il nuovo Medio Oriente !!!

Anche Alon Pinkas, un veterano ex diplomatico israeliano, ammette: “ Se questo piano ti sembra troppo fantasioso, non sei l’unico: non sei l’unico ”.

Le improbabilità fondamentali di questo piano semplicemente non vengono prese in considerazione. In primo luogo, il ministro delle Finanze israeliano Smotrich ha reagito all’annuncio del piano arabo-americano dicendo: ” C’è uno sforzo congiunto di americani, inglesi e arabi per creare uno stato terrorista ” accanto a Israele. In secondo luogo, (come sottolinea Smotrich): “ Vedono i sondaggi. Vedono che la maggioranza assoluta degli israeliani si oppone a questa idea [di uno Stato palestinese]”; e terzo, circa 700.000 coloni sono stati installati in Cisgiordania – proprio per bloccare qualsiasi stato palestinese.

Gli Stati Uniti lo imporranno davvero a un Israele ostile? Come ?

E, dal punto di vista della Resistenza, “un futuro “stato” palestinese provvisorio, smilitarizzato, senza confini delimitati o specificati, non è uno stato. È un vero Bantustan.

La realtà è che quando uno Stato palestinese avrebbe potuto essere una prospettiva reale (due decenni fa), la comunità internazionale ha chiuso volentieri un occhio – per decenni – davanti al completo sabotaggio del progetto da parte di Israele. Oggi le circostanze sono cambiate: Israele si è spostato molto a destra ed è in preda alla passione escatologica di stabilire Israele in tutta la “Terra d’Israele”.

Gli Stati Uniti e l’Europa possono incolpare solo se stessi per il dilemma in cui si trovano oggi. E una posizione politica – come delineata da Biden – rende chiaro che sta causando un danno strategico incalcolabile agli Stati Uniti e ai suoi compiacenti alleati europei.

Anche quando si tratta del Libano, sia chiaro: le richieste di Israele al Libano vanno ben oltre un reciproco cessate il fuoco. Non vi è alcuna garanzia, anche se a Gaza si raggiungesse un cessate il fuoco come parte di un accordo globale sugli ostaggi e sulla fine della guerra, che Nasrallah accetterà di ritirare tutte le sue forze dal confine con Israele o, al contrario, che Israele rispetterà i suoi impegni.

E poiché gli Stati Uniti definiscono la loro “soluzione” palestinese come un’entità palestinese improbabile, provvisoria, disarmata e del tutto impotente, annidata all’interno di un Israele completamente militarizzato, che esercita “ autorità di sicurezza totale dal fiume al mare ”, non sarebbe sorprendente se Hezbollah scegliesse invece di portare avanti il ​​piano dell’Asse di un post-sionismo sconfitto ed esausto.

Il commentatore israeliano Zvi Bar’el scrive :

“ Anche se le ipotesi americane diventassero un piano di lavoro, non è chiaro quale politica adotterà Israele in Libano. Anche respingendo Hezbollah in modo che le comunità israeliane non siano più nel raggio dei suoi missili anticarro, la minaccia di decine di migliaia di missili a medio e lungo raggio non è esclusa. L’equazione deterrente tra Israele e Hezbollah continuerà a determinare la realtà lungo il confine.

[L’attuale ipotesi di lavoro degli Stati Uniti, presentata dall’inviato speciale dell’amministrazione, Amos Hochstein, durante le sue precedenti visite in Libano], ” è che un accordo per delimitare il confine tra Israele e Libano porterà ad un riconoscimento definitivo e totale di il confine internazionale e priverà così Hezbollah della base formale che gli consenta di giustificare la continuazione della sua lotta contro Israele per la liberazione dei territori libanesi occupati. Allo stesso tempo, consente al governo libanese di ordinare al proprio esercito di schierare le proprie forze lungo il confine per affermare la propria sovranità su tutto il suo territorio e di chiedere che le forze di Hezbollah si ritirino dal confine ”.
Anche questo è un pio desiderio, un ragionamento “fantasioso”. E ha un difetto: il piano di lavoro di Hochstein non prevede un accordo sulle fattorie di Chebaa (occupate), ma solo sulla “linea blu” – il confine concordato nel 2000, ma che non è riconosciuto dal Libano come confine internazionale. Se la questione delle fattorie di Shebaa non verrà risolta, Hezbollah non sarà vincolato da un accordo di demarcazione limitata che ometterebbe l’area di Shebaa.

Dall’attacco di Hamas a Israele il 7 ottobre, tutti gli stratagemmi e i protocolli su cui gli Stati Uniti facevano affidamento da un ammuffito armadio nell’ala ovest sono falliti. Quella che doveva essere un’operazione militare limitata e compartimentata dell’IDF a Gaza si è trasformata in una tempesta di fuoco regionale. Le portaerei inviate per dissuadere altri attori dal farsi coinvolgere fallirono con gli Houthi; Le basi americane in Iraq e Siria sono diventate obiettivi e gli attacchi alle basi americane continuano, nonostante i tentativi americani di sferrare “colpi” deterrenti.

Chiaramente, Netanyahu sta ignorando Biden e “sfidando il mondo”, come attestano i titoli di questa settimana:

“ Sfidando Biden, Netanyahu raddoppia gli sforzi per combattere a Rafah ” ( Wall Street Journal )

“ Mentre Israele attacca Rafah, Netanyahu sfida il mondo ” ( Washington Post )

“ Gli Stati Uniti non puniranno Israele per l’operazione Rafah che non protegge i civili ” ( Politico )

“ L’Egitto costruisce un muro di confine mentre l’offensiva israeliana incombe: le autorità circondano l’area desertica con muri di cemento in previsione di un possibile afflusso di rifugiati palestinesi ” ( Wall Street Journal ).

Netanyahu ha promesso di andare avanti, dicendo mercoledì che Israele avrebbe organizzato una “ potente operazione ” nella città di Rafah una volta che i residenti fossero stati “ evacuati ”. Gli israeliani dicono esplicitamente che la Casa Bianca non si oppone al blitz di Rafah, a patto che ai palestinesi venga data la possibilità di “evacuare” (dove, non è stato detto). (Nel frattempo l’Egitto sta costruendo un campo profughi all’interno del suo confine, circondato da muri di cemento…).

A questo punto, tutti i problemi dell’America – la polarizzazione politica, il peggioramento della guerra, il finanziamento della guerra, l’alienazione dei collegi elettorali arabi dallo stato oscillante e il calo del rating di Biden – iniziano a venire al culmine, alimentandosi e rafforzandosi a vicenda. Ciò che era iniziato come una questione di politica estera – la vittoria di Israele su Hamas – è diventata una grave crisi interna. L’insoddisfazione americana per la condotta della guerra da parte di Israele sta alimentando la crescita di significativi movimenti di protesta. Chi può davvero credere che un altro viaggio dei Blinken nella regione risolverà qualcosa a questo punto, si chiede Malcom Kyeyune?

È difficile dire quale sarà la situazione nella regione tra pochi mesi. Siamo entrati in un periodo di collasso e violenza, in cui le forze che distruggono il vecchio status quo si rafforzano a vicenda a cascata.

Alastair Crooke * Ex diplomatico britannico, fondatore e direttore del Conflicts Forum con sede a Beirut

Fonte: Strategic Culture

Traduzione: Luciano Lago

4 commenti su “La Resistenza ha un piano per Israele. Ma d’altro canto i fantastici stratagemmi americani ne garantiscono il fallimento

  1. Questo anglo azzimato non ha ancora compreso che quello fra gli statunitoidi e gli ebrei dell’entità sionista illegale, terrorista e genocida è un lurido teatrino senza fine per consentire alla feccia ebrea di portare a compimento la distruzione delle strutture civili nella Striscia e completare il genocidio dei civili palestinesi … Il sostegno statunitoide alle azioni criminali ebree non verrà mai meno, né verrano meno le forniture di armi agli berei, proprio perché gli usa sono di fatto governati da ebrei, sionisti e filo-sionisti.

    Cari saluti

  2. Accordi di Oslo 1978. Prevedevano la nascita di un vero stato Palestinese. Mai avvenuto per colpa Israeliana e boicottato dai veri americani in sede Onu. Anni duemila Casa Bianca. Ulteriori accordi tra Perez ed Arafat, con garanti gl’ americani. Stato Palestinese che nasce ma è senza capitale e senza confini. Neanche tale accordo va’ in posto ed Israele si rifiuta ancora di riconoscerlo come tale. Non credo che stavolta sia cambiato il volere sionista. Ha ragione Nasrallah. Solo una sconfitta sanguinosa dei dannati ebrei con conseguente ridimensionamento, può cambiare le cose. Che la dea vittoria baci i gloriosi partigiani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM