La resa del battaglione Azov e la fine delle menzogne

di Yena

Gli oltre 2500 miliziani del Battaglione Azov si sono consegnati alle forze militari russe e alle milizie delle Repubbliche indipendenti del Donbass. Dopo le parole roboanti dei loro comandanti, decisi a resistere sino alle estreme conseguenze, è arrivata la resa sotto ordine dei vertici militari ucraini capeggiati da Zelensky.

Ad aprirsi non sono state le porte del Walhalla, ma quelle degli autobus, dove i miliziani ucraini sono stati caricati ed allontanati dalle acciaierie dell’Azovstal. Probabilmente saranno giudicati per i crimini commessi sulle popolazioni russofone in accordo con le leggi diritto internazionale, come assicurano le autorità di Mosca.
Durante l’assedio alle acciaierie di Mariupol, la grancassa mediatica occidentale ha dipinto con enfasi e toni epici la “resistenza” eroica del Battaglione Azov: le “Termopoli del XXI secolo” per il consigliere della Presidenza ucraina Podolyak, in questa guerra dove la fiction ha da tempo preso il sopravvento sulla realtà.
Qualcuno da destra, per eccesso di romanticismo, si é spinto in paragoni impropri: i “I cadetti dell’Alcazar” o la resistenza epica di Berlino della divisione “Charlemagne”, forzature e similitudini storiche di chi si è lasciato abbagliare da quattro rune. Si è invece trattato di battaglioni criminali, responsabili del genocidio delle popolazioni del Donbass e la cui “resistenza” nelle acciaierie di Mariupol è stata dovuta solo all’utilizzo di civili come scudi umani; soldataglia al servizio della NATO e della Cia, su cui la storia si incaricherà di dare giudizi.
In queste ore trapelano notizie sulla possibilità che i vertici del battaglione siano pronti a fare rivelazioni sulle barbarie e atrocità commesse ai danni dei civili per vendicarsi del tradimento di Zelensky. I neonazi ucraini evidentemente si aspettavano un intervento in grande stile dei marines americani ed inglesi, pronti a liberare gli eredi di Leonida: solo adesso probabilmente cominciano a realizzare di essere stati usati ed abbandonati.
Intanto il comandante Denis Prokopenko è stato salvato dal linciaggio della folla ed allontanato su una camionetta. Il resto del battaglione è stato regolarmente perquisito dalle forze armate russe che hanno mostrato tatuaggi di rune, soli neri e svastiche richiamanti il Terzo Reich, dando così fondamento alla propaganda di guerra russa che parlava di “denazificare” l’Ucraina.
Diversi miliziani perquisiti hanno rinnegato quei tatuaggi come “errori di gioventù” o come simboli pagani. Curiosa anche la presenza sui corpi, di simboli satanisti, pentacoli e caproni, ad ulteriore prova della confusione e dell’equilibrio mentale di tali soggetti.
Tuttavia non dubitiamo che su tale “epopea” (mancata) sarà costruita l’ennesima narrazione mitologica sulla resistenza valorosa del popolo ucraino e che le “Termopoli nazi atlantiste” rappresenteranno il momento fondativo di ciò che rimarrà dell’Ucraina.

Prigionieri dell’Azov

Limes e Caracciolo si adeguano alla narrazione unica

Nonostante la Russia sia vittoriosa sul campo e proceda gradualmente all’occupazione di tutto la regione del Donbass, la propaganda dei nostri canali televisivi continua a descrivere una realtà parallela, dove le forze armate russe sarebbero in seria difficoltà dando per incerto l’esito del conflitto.
A tale storytelling non si è sottratta nemmeno la rivista Limes, e non solo i Margelletti ed i vari ambasciatori in quota NATO, ospiti da Bruno Vespa.
Anche la più nota rivista di geopolitica italiana alla fine non si è sottratta ai toni “antiputiani”. Il direttore Caracciolo infatti, noto per lo stile sobrio e compassato delle sue analisi, ha espresso delle posizioni discutibili sull’andamento del conflitto e sul futuro dei vertici del Cremlino. Se anch’egli non è stato risparmiato dall’accusa di essere un filo-putinista, le sue analisi non si discostano nella sostanza dalla narrazione russofobica dominante.
Il direttore di Limes da per scontata la strategia dei falchi DEM di voler causare un “Afghanistan russo” in Ucraina, con la speranza di provocare una rivoluzione arancione a Mosca. Derubrica a “ossessione di Putin” l’espansione progressiva della NATO a ridosso della Federazione Russa e descrive una situazione sul campo di battaglia e all’interno dei confini russi, sempre più difficili per i vertici del Cremlino.
Inoltre auspica l’urgenza di pervenire ad un negoziato di pace, ma esorta all’invio di maggiori armamenti per Kiev, palesando conformismo alla vulgata del mainstream.
Ciò che il nostro Paese avrebbe dovuto fare, invece di inviare armi ed escalare il conflitto, era quello di porsi al centro del negoziato con la Russia, in accordo alla nostra vocazione geografica, ponte di quel Mediterraneo tra Oriente ed Occidente.
Mario Draghi invece ha sbagliato completamente tutto confermando la sua scarsa vocazione con le relazioni internazionali e dando mostra di essere fedele esecutore dei voleri americani che sfruttano le sua ambizione a diventare Segretario della NATO, per remare contro l’asse franco-tedesco.
Ad approfittare della nostra subordinazione geopolitica è stata la Turchia di Erdogan, che adesso minaccia di non acconsentire all’ingresso nell’Alleanza Atlantica di Svezia e Finlandia. Scalzati dallo spregiudicato ed opportunista Presidente Turco, ormai ci troviamo in posizione emarginata e come capilifila della coalizione antirussa. Con sanzioni ed invio di armi non possiamo certo essere visti come interlocutori credibili in un negoziato con Mosca.
I nostri analisti geopolitici avrebbero dovuto spingere su questo tasto, cercando di assecondare il sentimento dell’opinione pubblica italiana che non comprende come si possa arrivare ad una soluzione di pace, inviando armi ad un paese con a capo un comico con neonazisti al seguito.
Questo dimostra la miopia di certi analisti ed osservatori soggetti ad una visione unipolare e non in grado di vedere che il mondo é ormai proiettato in una dimensione multipolare. Gli analisti alla Caracciolo dovrebbero proporre soluzioni alternative all’ordine geopolitico vigente e non appiattirsi ai disegni americani che tra sanzioni energetiche ed economiche suicideranno il nostro paese e mezzo Continente.

Nello specifico, la chiusura dei porti sul Mar Nero ed i blocchi delle navi cariche di grano, l’idea assurda di volere sostituire il gas ed il petrolio russo in tempi brevi con gas liquefatto proveniente da oltreoceano (anche se Eni ha rinunciato a tale follia decidendo di pagare il gas in rubli), il raddoppio ed il triplicare del prezzo dei metalli, minerali e materie prime possedute dalla Federazione russa, l’inflazione fuori controllo, rischiano di generare nel breve periodo, una “convergenza di catastrofi”, per dirla con le parole del politologo francese Guillaime Faye, che causerà disastri sociali e miseria in tutta l’Europa.

Sotto: Il porto di Mariupol

SONY DSC

L’idea perniciosa di voler affossare la Federazione russa con sanzioni e una guerra per procura su suolo ucraino, sta generando l’esatto opposto: prezzi del gas e del petrolio alle stelle e rublo che vola. La crisi delle derrate alimentari generata dalla Guerra in Ucraina, vedrà presto arrivare nuove ondate migratorie dal nord-africa in fuga dalla fame. Ciò che evidentemente ignorano a Bruxelles (ed i Caracciolo) é che per distruggere l’UE ci vorranno mezzi meno cruenti che bombe nucleari tattiche.
Oggi più che mai emergono le divergenze inconciliabili tra Europa Baltica ed Europa Mediterranea e Centrale.

La prima è fedele alleata dell’anglosfera e degli Americani e nel perseguire la folle idea di distruggere la Russia, mette a rischio l’esistenza dell’intero Continente che avrebbe tutto l’interesse ad intrecciare rapporti solidi e strutturati con la Russia nel segno dell’interesse reciproco. I Draghi ed i Macron sono del tutto proni alle iniziative avventate ed improvvide dell’Europa Baltica, che guidata dall’amministrazione Biden rema contro ogni disegno di emancipazione continentale e ciò che è peggio, rischia di trascinarci direttamente in una guerra atomica.

4 Commenti
  • natalino
    Inserito alle 02:20h, 26 Maggio Rispondi

    Si ma Gigino o bibitaro ha elaborato un piano di pace dove l’idea a base dell’iniziativa non va oltre le bibite fresche in cui lui si distingue eccellentemente come distributore per amenizzare i momenti di tensione internazionale. Riesce peró ad essere pubblicizzato in pompa magna nei Mass-media de noantri ma ha a quanto pare difficoltá a seguire un iter diplomatico decente e non riesce neanche a raggiungere gli uffici dell”ambasciata Russa a Roma. I russi che per indole sono educati e gentili non gli hanno detto subito che é solo carta da cestinare, ma gli hanno ammannito un “vedremo se e quando arriverá il piano” . Dando al rappresentante dell’italica diplomazia una risposta diplomatica non “animalesca” come usa il nostro Gigino o bibitaro.
    Ma sará che il popolo italiano se la merita tanta eccellenza professionale?

  • Der einsamer Stein
    Inserito alle 02:22h, 26 Maggio Rispondi

    Eh, già. Ma vallo a far capire alle legioni di teledrogati che, in particolare qui in i-taglia, di fronte alla scatola magica, fra l’altro dotata di un mezzo infallibile rispetto alla (dis)informazione scritta, ossia l’impatto visivo, vanno in catalessi, Privi di qualsiasi dimostrazione di possedere un cervello pensante.

  • Nuccio Viglietti
    Inserito alle 07:56h, 26 Maggio Rispondi

    Anche galli più combattivi… debitamente spennati ed immersi in adeguata acqua bollente… tendono perdere ogni loro bellicosità…!!…https://ilgattomattoquotidiano.wordpress.com/

  • Gabriella
    Inserito alle 08:11h, 26 Maggio Rispondi

    Stupiscono infatti certe affermazioni di Limes (uscito addirittura in aprile con la copertina dei colori ucraini), ma poi vai a vedere chi paga la pappa e leggi “Gedi” e allora capisci tutto.

Inserisci un Commento