La ragazza palestinese, simbolo della resistenza del suo popolo, è apparsa ai mondiali di calcio

Al Mondiali è apparsa la ragazza palestinese che ha schiaffeggiato un soldato israeliano. “Dobbiamo sostenere la causa palestinese con i fatti” (Video)

In un’intervista a Studio solidaire, ospitata dal deputato belga del Partito laburista belga, Nabil Boukili, la giovane Ahed al-Tamimi parla della sua lotta e di quella del suo popolo per la libertà e la fine dell’occupazione israeliana della sua terra natale. .

Secondo lei, la lotta per la sua patria equivale alla lotta contro l’imperialismo i cui interessi sono difesi da “Israele”.

Rivolgendosi al popolo, chiede loro di fare pressione sul proprio governo e di agire senza accontentarsi di parole o sentimenti.

Questa intervista è stata trasmessa sul sito dei media il 10 dicembre 2022. Sembra sia stata realizzata a margine dei Mondiali del Qatar-2022. Ahed al-Tamimi stava senza dubbio commentando l’ondata di sostegno alla causa palestinese emersa durante questo torneo internazionale.


Icona della causa palestinese sin dalla prima infanzia, si è distinta per il suo coraggio nei confronti dei soldati dell’occupazione israeliana durante le loro incursioni nel suo villaggio natale Nabi Saleh, nella Cisgiordania occupata. Tutto in foto e video che sono diventati virali.


Dopo aver schiaffeggiato un soldato israeliano nel 2017, all’età di 16 anni, è stata arrestata e condannata a 8 mesi di carcere. Dal suo rilascio, ha partecipato a un tour internazionale dove continua la sua lotta come portavoce del suo popolo.


Questo tour l’ha portata in Francia, Grecia e Spagna, dove Emilio Butragueño, vicepresidente della squadra di calcio del Real Madrid, le ha regalato una maglia con il suo nome presso la sua sede, dopo che lei aveva visitato i giocatori. Un gesto che ha irritato il ministero degli Esteri israeliano. Poi è andata in Algeria e poi in Tunisia.
Ahed ha fatto un’apparizione ai Mondiali in Qatar, su una delle sue tribune durante la finale tra Argentina e Francia.
Indossava la kouffiyeh in testa e si copriva con la bandiera palestinese.
La sua apparizione è stata arringata dal ricercatore israeliano vicino al Mossad Eddie Cohen che ha scritto sulla sua pagina Twitter, in tono beffardo: “Munizioni Ahed (termine in arabo che significa zio), che ti ha pagato il prezzo del tuo viaggio e della tua permanenza in un Hotel a 5 stelle, tu e i tuoi genitori. E come hai potuto attraversare dignitosamente i confini della Giordania? La causa (palestinese) è un buon affare per te. Sei fortunata “.
Un utente di Twitter, Anwar, ha risposto con un tono così sarcastico: “Munizioni Eddie. È un buon affare a tue spese. Soprattutto quando abbiamo visto l’aspetto delle persone per te durante questa onorevole Coppa del Mondo”.
E per continuare: “che vada lì e si diverta a guardare i giochi, pur essendo onorata e dignitosa. Non è come i giornalisti israeliani che sono stati denigrati da gente di tutto il mondo”.

Gli israeliani non hanno nascosto il loro sgomento per le reazioni delle persone durante questo torneo mondiale che si sono rifiutate di parlare con loro quando hanno appreso la loro identità.
Questo è servito a far dire agli osservatori che il processo di normalizzazione è ancora rifiutato dai popoli arabi, quando credevano il contrario sin dagli Accordi di Abramo.

La bandiera palestinese è stata il vero emblema dei Mondiali del Qatar 2022 durante i quali è stata esposta dalla gente sugli spalti e per le strade, e dai giocatori negli stadi.
Questa dimostrazione di sostegno alla causa palestinese è stata coronata quando la nazionale marocchina lo ha messo in mezzo, dopo aver vinto contro il Portogallo, prima di passare ai quarti di finale. ِE anche i suoi giocatori lo hanno sfoggiato. Tanto più che il Marocco è uno degli ultimi paesi ad aver normalizzato i propri legami con l’entità sionista.
Fonte: french.almanar.com.

Traduzione: Luciano Lago

4 Commenti
  • antonio
    Inserito alle 22:54h, 22 Dicembre Rispondi

    è tutto qui il motivo dell’ astio delle Banche Rockfy Rotshy contro il Qatar
    W il Qatar

    • Giorgio
      Inserito alle 08:36h, 23 Dicembre Rispondi

      Sono d’accordo ANTONIO …. W il Qatar …. se si allontana dagli anglo sionisti …

  • keki
    Inserito alle 16:36h, 23 Dicembre Rispondi

    Ricordo perfettamente quando, proprio su questo sito, avete parlato delle gesta di Ahed e della sua detenzione, era ancora una ragazzina.
    Mi sorpresero molto la sua chioma bionda e il suo coraggio.

  • eusebio
    Inserito alle 18:54h, 23 Dicembre Rispondi

    Forse per sfogare la rabbia provocata dal sostegno raccolto dalla causa Palestinese ai Mondiali, qualche ora fa i sionisti hanno ammazzato in Cisgiordania il capocannoniere del campionato palestinese.
    La furia di Ahed all’epoca del suo arresto era provocata anche dal fatto che un suo cugino durante uno dei tanti scontri tra palestinesi ed esercito occupante era rimasto gravemente ferito alla testa da un proiettile sionista ed era rimasto sfigurato.
    Le vittime palestinesi della violenza sionista sono quasi quotidiane, qualche giorno fa una ragazzina di 16 anni è stata uccisa da un coraggioso cecchino con la kippah sul terrazzo di casa sua.

Inserisci un Commento