"Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero". Proverbio Arabo

La questione turca scopre il gioco sporco della Merkel con l’Immigrazione

di  Luciano Lago

Contrariamente a quanto si aspettavano gli oligarchi dell’Unione Europea, le concessioni fatte dalla Merkel alla Turchia non sono servite per calmare la rabbia di Recepit Erdogan e l’animosità del governo turco. Non è bastato il permesso accordato sia dalla Germania che dalla Francia per la celebrazione nei rispettivi paesi del referendum pro Erdogan fra i cittadini turchi residenti in Europa, al contrario dell’Olanda e dell’Austria che ne hanno proibito lo svolgimento.

La Turchia continua a minacciare l’Europa per i patti non mantenuti, per l’atteggiamento anti islamico di alcuni suoi membri, ben consapevole che può contare sulla debolezza e sull’arrendevole disponibilità dei governi europei, dalla Merkel ad Hollande, passando per l’Italia di Gentiloni.

Il ministro turco Suleyman Soylu, dopo aver dichiarato che presto in Europa si assisterà ad una nova “guerra santa”, ha minacciato esplicitamente la UE di rompere gli accordi e permetter l’ingresso in massa territorio europeo di almeno 15.000 rifugiati ogni mese. La Turchia terminerebbe quindi la sua funzione di “Stato tampone” nel mantenere, a spese della UE, milioni di rifugiati e migranti che potrebbero affluire in massa verso l’Europa sospinti dalle autorità turche.

Il governo turco ha fatto cenno ad “accordi riservati” che sono stati sottoscritti con il governo turco dalla Merkel, a nome e per conto di tutti gli Stati dell’Unione Europea. Sembra quindi indirettamente confermato dagli stessi turchi che l’accordo con Ankara conteneva delle clausole segrete che allora (nel Marzo del 2016) non furono rese pubbliche. Lo stesso Erdogan adesso impugna l’accordo sostenenendo che le condizioni di questo sono state violate dalla UE ed in particolare la questione dei visti per i cittadini turchi nella UE ed altre condizioni non meglio specificate. I miliardi (3 ogni anno) dati dalla UE alla Turchia non bastano, ne vogliono altri per le guerre di Erdogan contro curdi e siriani.

I fatti sembrano dar ragione a quanti avevano già allora denunciato la sottomissione al ricatto della Merkel e degli altri esponenti della UE che si erano allegramente “calati le brache ” di fronte al turco ed appare probabile che la Merkel avesse avuto “suggerimenti” interessati dal suo grande amico Barack Obama. Vedi: Il turco Erdogan minaccia Bruxelles e Berlino

Vi era stato allora qualcuno che aveva avanzato sospetti sull’accordo e lo aveva denunciato apertamente, ad esempio il premier ungherese Viktor Orban ed anche il presidente della Repubblica Ceka, Milos Zeman. Questi furono prontamente oggetto di accuse da tutti gli altri responsabili di governo dei paesi europei, oltre ad essere sottoposti all’attacco e diffamazione da tutti i grandi media europei. Anche Matteo Renzi si era unito al coro, anzi questi arrivò a minacciare di “far tagliare i fondi europei a quei governi che non vogliano accettare le quote di migranti”.

Il “fiorentino” in quell’epoca ci teneva a fare la figura del “primo della classe” in Europa ed a sottostare prontamente ad ogni direttiva da Bruxelles e da Berlino. Si ricordano le sue espressioni di affetto verso la Merkel chiamata sempre per nome (“…Angela ci ha assicurato…., Angela ci ha promesso….., siamo d’accordo con Angela….ecc..). Una vergognosa figura fatta fare al nostro paese sempre sottoposto al ruolo di colonia di Bruxelles, di Berlino e di Washington.

Oggi possiamo verificare chi aveva ragione a criticare quegli accordi con il turco e quale sia la reale situazione di sottomissione da parte dell’Unione Europea nei confronti dell’impresentabile “neo sultano” ottomano.
La questione turca poi dovrebbe porre all’opinione pubblica europea i seguenti interrogativi: è lecito che sia un solo paese ed una sola esponente di un singolo governo, quello tedesco, a prendere decisioni che riguarano il futuro e l’assetto sociale di tutti i paesi europei? Si può accettare una sottomissione di fatto di tutti i paesi europei agli interessi della sola Germania che, per i suoi problemi ed esigenze di mano d’opera a basso costo e di calo demografico, esige una immigrazione di masse di persone di culture diverse che devono poi riversarsi in quote per tutti i paesi europei, anche in quelli che si trovano in gravissima crisi economica ed occupazionale come l’italia, la Spagna, la Grecia?

Questa vicenda apre il velo dell’ipocrisia e della falsa propaganda fatta dei filo europeisti e sostenitori ad oltranza delle cessioni di sovranità a favore di Bruxelles in funzione degli interessi di Berlino e dei potentati finanziari di riferimento. Dovrebbe far riflettere.

Nell’ambito della polemica e delle accuse lanciate dalla Turchia , vi sono delle minacce velate ma piuttosto serie, in particolare contro quei paesi europei che non accettano il libero transito dei cittadini turchi e la possibiltà di integrare la Turchia negli accordi economici della UE.

Il ministro Soylu ha segnalato che a suo parere, le azioni dell’Europa sono dirette a debilitare la Turchia e si domanda se paesi come la Germania e l’Olanda non si rendano conto delle possibili “conseguenze”. Era lo stesso personaggio che aveva minacciato l’Europa di una nuova “guerra santa”.

L’Europa è avvisata nel caso arrivi presto una nuova ondata di migranti ed a seguito di questa una campagna di attacchi violenti contro i simboli cristiani e le città europee. Qualcuno ha interesse nel creare anche in Europa le atmosfere tipiche del Medio Oriente con il loro carico di violenza settaria e terrorismo diffuso.

*

code

  1. maboba 9 mesi fa

    Tutti questi “statisrìi”,burocrati ed “intellettuali” della UE sempre pronti a denunciare i nazionalisti e i “populisti” sono già sottomessi. Parafrasando Churchill, l’UE aveva la scelta di fermare l’invasione islamica o calare le brache ed avere la guerra santa in casa. Ha scelto di calare le brache ed avrà la guerra santa in casa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo 9 mesi fa

    Quando Flavio Oreste decise di non pagare più i barbari mercenari al soldo di Roma, questi si rivoltarono contro, al comando di Odoacre uccisero Oreste e l’impero romano capitolò definitivamente, era il 476 d.c.
    Mi sembra che ci siano notevoli attinenze con la situazione trattata

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Giorgio 9 mesi fa

    Mamma li turchi!! Fortunatamente c’è sempre l’Austria e speriamo che risorga la Serenissima.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Mardunolbo 9 mesi fa

      L’Austria , se non ci fosse stato il re polacco Giovanni Sobiesky, sarebbe finita due secoli prima !
      Il re polacco fu solo il braccio armato della Lega santa, ordinata dal papa e svolta con efficienza diplomatica e politica dal beato Marco d”Aviano, mai fatto santo per ragioni forse politiche…
      Che tempi quelli ! In cui esistevano ancora dei religiosi che sapevano come arringare i fedeli, perchè entrambi possedevano la Fede !
      Ora ? ma non facciamo ridere !

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. innanzitutto bisognerebbe chiedersi chi permette alla Turchia di fare la voce grossa con un intero continente e questo farebbe capire molte, molte cose in più…
    Mi sembra alquanto improbabile che una nazione che ha perso la WWII possa contare qualcosa su scala internazionale, al massimo può fare il cane da guardia…

    @Luciano Lago

    se non ti è di disturbo, metteresti fra i siti amici il forum Come Sancho Panza?

    fammi sapere

    Davide

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Giorgio 9 mesi fa

      E sarebbe un sito amico? Ah ah ah ah ah ah ah!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. se ti fai 4, 5 e più profili è NORMALE che tu venga bannato da tele sito, non credi?
        te la sei cercata…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Giorgio 9 mesi fa

          Se si lanciano accuse si ha il dovere di dimostrarle, diversamente…..
          In questo sito non sentiamo la necessità di zizzania.
          Aprire i pozzi neri si ammorba l’aria.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Eugenio Orso 9 mesi fa

    Che qualcuno abbia interesse a creare situazioni “mediorientali” in Europa, lo sospettiamo almeno dalla prima metà del 2014, quando la fulminea avanzata dell’isis ha permesso ai mercenati jihadisti di occupare Raqqa e Mosul, assediando poi Kobani.
    Fra questi, c’è sicuramente il tiranno ottomano-islamista Erdogan, che ha distrutto le istituzioni kemaliste nel suo paese e parla di jihad quasi quanto l’isis e le altre formazioni di tagliagole, da lui sponsorizzate fino a ieri.
    Non deve stupire la debolezza complessiva del vecchio continente, nonostante la sua superiorità militare, economica e tecnologica nei confronti della Turchia. Le armi, le risorse e le tecnologie da sole non bastano, se i paesi sono sottomessi da molti anni a quelle stesse élite finanziarie che hanno permesso assieme a Erdogan – anzi, hanno favorito – il materializzarsi della minaccia wahabita e salafita nel mondo.

    Cari saluti

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Mardunolbo 9 mesi fa

    Taipan, non so se sia un tuo augurio reale, ma il veggente delle Tre Fontane (Roma) ha avuto una visione di Maria in cui ammoniva che Roma sarebbe stata occupata da “un popolo mediorientale, duro, senza Dio”
    L’allusione ai turchi è quasi certa. La loro religiosità è solo di appartenenza all’islam, non è reale e che sia un popolo duro, nessuno ne dubita, dati i trascorsi di invasione d’Europa…

    Rispondi Mi piace Non mi piace