La protezione di Biden degli assassini despoti sauditi mostra la realtà nascosta della politica estera degli Stati Uniti

Che gli Stati Uniti si oppongono alla tirannia è un mito lampante. Eppure non è solo creduto, ma spesso usato per giustificare guerre, campagne di bombardamenti, sanzioni e conflitti prolungati.

di Glenn Greenwald

Un punto fermo del discorso principale degli Stati Uniti è che gli Stati Uniti si oppongono alla tirannia e al dispotismo e sostengono la libertà e la democrazia in tutto il mondo. Abbracciare despoti assassini è qualcosa che solo Donald Trump ha fatto, ma non normali, onesti presidenti americani. Questa convinzione sul ruolo degli Stati Uniti nel mondo permea praticamente ogni discussione di politica estera tradizionale.

Quando gli Stati Uniti vogliono iniziare una nuova guerra – con l’Iraq, con la Libia, con la Siria, ecc. – lo fanno affermando che è, almeno in parte, motivata dall’orrore per la tirannia dei leader del paese. Quando vogliono progettare un cambio di regime o sostenere colpi di stato antidemocratici – in Venezuela, in Iran, in Bolivia, in Honduras – usano la stessa giustificazione. Quando il governo degli Stati Uniti ei suoi media partner vogliono aumentare l’ostilità e la paura che gli americani nutrono per i paesi avversari – per la Russia, per la Cina, per Cuba, per la Corea del Nord – tira fuori lo stesso copione: siamo profondamente turbati dai diritti umani violazioni del governo di quel paese.
Tuttavia è difficile evocare un’affermazione più evidente e ridicolmente falsa di questa. Agli Stati Uniti non piacciono i governi autocratici e repressivi.
In realtà li adora e lo ha fatto per decenni. Installare e sostenere regimi dispotici è stato il fondamento della politica estera degli Stati Uniti almeno dalla fine della seconda guerra mondiale, e quell’approccio continua ancora oggi ad essere il suo strumento principale per far avanzare quelli che considera i suoi interessi in tutto il mondo. Per decenni gli Stati Uniti annoverano tra i loro più stretti alleati e partner gli autocrati più barbari del mondo, e questo è ancora vero.

In effetti, a parità di altre condizioni, quando si tratta di paesi con risorse importanti o valore geostrategico, gli Stati Uniti preferiscono l’ autocrazia alla democrazia perché la democrazia è imprevedibile e persino pericolosa, in particolare nei molti luoghi del mondo dove il sentimento anti-americano tra la popolazione è alta (spesso a causa della prolungata interferenza degli Stati Uniti in quei paesi, incluso il sostegno dei loro dittatori). Non c’è modo per una persona razionale di acquisire anche la minima conoscenza della storia degli Stati Uniti e dell’attuale politica estera e credere ancora all’affermazione che gli Stati Uniti agiscono contro altri paesi perché sono arrabbiati o offesi per gli abusi dei diritti umani perpetrati da quegli altri governi.

Ciò che gli Stati Uniti odiano e contro cui agiranno in modo deciso e violento non è la dittatura ma la disobbedienza. La formula non è più complessa di questa: qualsiasi governo che si sottometta ai decreti degli Stati Uniti sarà il suo alleato e partner e riceverà il suo sostegno non importa quanto sia repressivo, barbaro o dispotico con la propria popolazione. Al contrario, qualsiasi governo che sfida le direttive statunitensi sarà il suo avversario e nemico, non importa quanto democratico sia stato nella sua ascesa al potere e nel suo governo.

In sintesi, le violazioni dei diritti umani non sono mai la ragione per cui gli Stati Uniti agiscono contro un altro paese. Gli abusi dei diritti umani sono il pretesto che gli Stati Uniti usano il copione propagandistico – per fingere che la loro rappresaglia con la forza bruta contro i governi non conformi siano in realtà nobili sforzi per proteggere le persone.

Gli esempi che dimostrano che ciò è vero sono troppo lunghi per essere riportati in un articolo. Sono stati scritti interi libri a dimostrazione di ciò. A maggio, il giornalista Vincent Bevins ha pubblicato un libro eccezionale intitolato “The Jakarta Method” . Come ho scritto nella mia recensione, accompagnata da un’intervista all’autore:
Il libro documenta principalmente le campagne indescrivibilmente orribili di omicidi di massa e genocidio sponsorizzate dalla CIA in Indonesia come strumento per distruggere un movimento di nazioni non allineate che non sarebbero fedeli né a Washington né a Mosca. Criticamente, Bevins documenta come il successo agghiacciante di quella campagna moralmente grottesca portò a non essere discusso a malapena nel discorso degli Stati Uniti, ma poi servì anche come base e modello per le campagne di interferenza clandestina della CIA in molti altri paesi dal Guatemala, Cile e Brasile al Filippine, Vietnam e America Centrale: il metodo Jakarta.

Quando le persone che vogliono credere nella bontà fondamentale del ruolo degli Stati Uniti nel mondo si confrontano con questi fatti, spesso li respingono insistendo sul fatto che si trattava di una reliquia della Guerra Fredda, un male necessario per fermare la diffusione del comunismo che altrimenti si applicherebbe più a lungo. Ma la caduta dell’Unione Sovietica non ha ritardato minimamente questa tattica di sostenere e abbracciare i peggiori despoti del mondo. Resta la strategia scelta dalla classe permanente bipartisan di Washington nota come US Foreign Policy Community.

Biden con monarca saudita

E nulla rende questo punto più chiaro del supporto di lunga data e continuo che gli Stati Uniti forniscono al regime saudita, una delle tirannie più selvagge e dispotiche del pianeta. Come sta dimostrando ora l’amministrazione Biden, nemmeno l’omicidio di un giornalista di un grande quotidiano statunitense residente negli Stati Uniti può rovinare o addirittura indebolire la stretta e leale amicizia tra il governo degli Stati Uniti e la monarchia saudita, per non parlare della brutale repressione che I monarchi sauditi si sono imposti per decenni sulla propria popolazione.

Un rapporto dell’intelligence rilasciato venerdì dal governo degli Stati Uniti afferma ciò che molti hanno da tempo ipotizzato: il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman personalmente e ha approvato direttamente il raccapricciante omicidio in Turchia del giornalista del Washington Post Jamal Khashoggi e il successivo taglio del suo cadavere con trasferimento in Arabia Saudita. I sauditi continuano a negare questa accusa, ma è comunque la conclusione ufficiale e definitiva del governo degli Stati Uniti.

Ma al di là di alcuni gesti banali e insignificanti (sanzionando alcuni sauditi e imponendo il divieto di visto a poche decine di altri), l’amministrazione Biden ha chiarito che non intende intraprendere alcuna vera ritorsione. Questo perché, ha detto il New York Times , “è emerso un consenso all’interno della Casa Bianca sul fatto che il costo di una tale violazione, in termini di cooperazione saudita contro il terrorismo e nel confronto con l’Iran, era semplicemente troppo alto”. I funzionari di Biden erano anche preoccupati, hanno affermato, che punire i sauditi li avrebbe spinti più vicini alla Cina.

Non solo l’amministrazione Biden non sta punendo in modo significativo i sauditi, ma li sta attivamente proteggendo. Senza spiegazione, gli Stati Uniti hanno ritirato il loro rapporto originale che conteneva il nome di ventuno sauditi che presumibilmente avessero “partecipato, ordinato o fossero altrimenti complici o responsabili della morte di Jamal Khashoggi” e lo hanno sostituito con una versione diversa del riferisce che solo di alcuni imprecisati individui – apparentemente proteggendo l’identità di tre agenti sauditi che ritiene abbiano partecipato a un orribile omicidio.

Ancora peggio, la Casa Bianca sta nascondendo i nomi dei settantasei agenti sauditi a cui stanno applicando il divieto di visto per aver partecipato all’assassinio di Khashoggi, citando assurdamente preoccupazioni di “privacy” – come se coloro che uccidono selvaggiamente e smembrano un giornalista avessero diritto a hanno le loro identità nascoste.

Peggio ancora, gli Stati Uniti non stanno imponendo alcuna sanzione allo stesso bin Salman, la persona più responsabile della morte di Khashoggi. Alla pressione di questo rifiuto di sanzionare il leader saudita domenica, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki ha affermato – falsamente – che “non sono state messe in atto sanzioni per i leader di governi stranieri con cui abbiamo relazioni diplomatiche e anche dove non le abbiamo” , avere relazioni diplomatiche. ” Come ha subito notato l’ analista di politica estera Daniel Larison , ciò è palesemente falso: gli Stati Uniti hanno precedentemente sanzionato diversi leader stranieri tra cui il venezuelano Nicolas Maduro., attualmente preso di mira personalmente con molteplici sanzioni, così come Kim Jong Un della Corea del Nord , il leader supremo dell’Iran Ali Khamenei e l’ormai defunto leader dello Zimbabwe Robert Mugabe .

Prigionieri della CIA a Guantanamo

Non si può contestare che Biden abbia violato rapidamente e radicalmente la sua promessa elettorale: “Vorrei chiarire che non avremmo, infatti, venduto loro più armi, stavamo per fargli pagare il prezzo e renderli i paria che sono “. Come ha notato anche la CNN :” Era ben diverso da un commento nel novembre 2019, in cui Biden aveva promesso di punire i leader sauditi di alto livello in un modo che l’ex presidente Donald Trump non avrebbe fatto “. Anche il primo annuncio della nuova amministrazione che avrebbe cessato di aiutare i sauditi a fare la guerra nello Yemen è stato accompagnato dal voto di continuare a fornire al regime saudita armi “difensive”.

È in casi come adesso – quando la propaganda statunitense diventa così insostenibile perché le azioni del governo divergono così vistosamente dalla mitologia della propaganda, in modo tale che le contraddizioni non possono sfuggire nemmeno ai cittadini più partigiani e creduloni – che i funzionari della Casa Bianca sono costretti a essere sinceri su come pensano e si comportano davvero. Quando vedono l’amministrazione Biden proteggere uno dei regimi più spregevoli del pianeta, non hanno scelta: nessuno crederà alle finzioni standard che tipicamente lanciano, quindi devono difendere la loro reale mentalità per giustificare il loro comportamento.

E quindi questo è esattamente ciò che la Psaki (portavoce della Casa Bianca) ha fatto lunedì di fronte alle evidenti disparità tra le promesse elettorali di Biden e la loro attuale realtà di coccolare i despoti assassini sauditi. Ha ammesso che gli Stati Uniti sono disposti a tollerare e sostenere anche i tiranni più barbari. “Ci sono aree in cui abbiamo un rapporto importante con l’Arabia Saudita” e Biden, rifiutandosi di punire duramente i sauditi, “ agisce nell’interesse nazionale degli Stati Uniti. “
Ora, ci sono alcuni che credono che gli Stati Uniti dovrebbero essere indifferenti alle pratiche sui diritti umani di altri governi e dovrebbero semplicemente allinearsi e collaborare e persino installare e sostenere qualunque dittatore sia disposto a servire gli interessi degli Stati Uniti, indipendentemente da quanto siano tirannici e repressivi (cosa costituisce “gli interessi degli Stati Uniti”, e chi in genere beneficia della loro promozione, è una questione completamente separata).
In passato, molti hanno sostenuto esplicitamente questo punto di vista. Jeane Kirkpatrick è catapultata alla fama dell’era della Guerra Fredda quando ha insistito sul fatto che gli Stati Uniti dovrebbero sostenere gli autocrati di destra filo-USA perché sono preferibili a quelli di sinistra. L’intera carriera di Henry Kissinger come funzionario accademico e di politica estera si basava sulla sua filosofia “realista” che era esplicitamente favorevole ai regimi dispotici che erano utili agli “interessi degli Stati Uniti” come definiti dalla classe dirigente.

Almeno se c’è quel tipo di franchezza, il vero schema delle motivazioni può essere utilizzato. Ma la ridicola falsa presunzione che gli Stati Uniti siano motivati ​​da una sincera e profonda preoccupazione per la libertà e i diritti umani degli altri in tutto il mondo e che questo nobile sentimento sia ciò che anima le loro scelte su chi attaccare, isolare e sanzionare, o fare amicizia, sostenere e armare, è così palesemente propagandistico che è davvero sbalorditivo che qualcuno continui a crederci.

Eppure non solo ci credono, è l’opinione predominante nella stampa mainstream. È la sceneggiatura che viene tirata fuori in modo non ironico ogni volta che gli Stati Uniti vogliono entrare in guerra o bombardare un nuovo paese e ci viene detto che nessuno può opporsi perché i leader presi di mira sono molto cattivi e tirannici e gli Stati Uniti si muovono. al contrario per combattere tali mali.

Abusi sui civili delle truppe USA

La protezione di Bin Salman da parte di Biden non è, per usare un eufemismo, il primo esempio post-Guerra Fredda degli Stati Uniti che elogiano, sostengono e proteggono i peggiori tiranni del mondo. Il presidente Obama ha venduto ai sauditi una quantità record di armi e ha persino interrotto la sua visita di stato in India – la più grande democrazia del mondo – per volare in Arabia Saudita insieme agli alti funzionari di entrambi i partiti politici per rendere omaggio al re Abdullah alla sua morte. Il nostro rapporto Snowden nel 2014 ha rivelato che la NSA dell’era Obama “ha notevolmente ampliato la sua relazione di cooperazione con il Ministero degli Interni saudita, una delle agenzie governative più repressive e violente del mondo”, con un promemoria top secret che annuncia “un periodo di ringiovanimento” per il rapporto della NSA con i sauditi Ministero della Difesa.
Quando era il Segretario di Stato di Obama, Hillary Clinton ha notoriamente scatenato la sua stretta amicizia con il brutale uomo forte egiziano sostenuto per 30 anni dagli Stati Uniti: “Considero davvero il presidente e la signora [Hosni] Mubarak come amici della mia famiglia. Quindi spero di vederlo spesso qui in Egitto e negli Stati Uniti “. Come Mona Eltahawy ha osservato in The New York Times : “amministrazioni di Cinque presidenti americani, democratici e repubblicani, hanno sostenuto il regime di Mubarak.”

Sia l’amministrazione Bush che quella Obama hanno intrapreso misure straordinarie per nascondere ciò che si sapeva sul coinvolgimento saudita nell’attacco dell’11 settembre. In effetti, una grande ironia della guerra al terrorismo ancora in corso è che gli Stati Uniti hanno bombardato quasi dieci paesi in suo nome – compresi quelli senza alcuna relazione immaginabile con quell’attacco – eppure hanno continuato ad abbracciare sempre più vicino l’unico paese, l’Arabia Saudita. , che anche molte élite di Washinton sapevano quanto fosse la più correstansabile di quell’evento.

Quando il presidente Trump ha ospitato il dittatore egiziano generale Abdul el-Sisi alla Casa Bianca nel 2017, e poi ha fatto lo stesso per l’autocrate del Bahrein (a cui Obama ha autorizzato la vendita di armi mentre stava schiacciando brutalmente una rivolta interna), c’è stata un’enorme effusione di artificiosi commenti. L’indignazione vomitata dai media e da vari analisti di politica estera, come se fosse un’aberrazione radicale e atroce della tradizione statunitense, piuttosto che una perfetta espressione della decennale politica americana di abbracciare i dittatori. Come ho scritto al momento della visita di Sisi a Washington:

Nel caso dell’Egitto e del Bahrein, l’unico aspetto nuovo della condotta di Trump è che è più schietto e rivelatore: piuttosto che fingere ingannevolmente preoccupazione per i diritti umani mentre si armano e sostengono i peggiori tiranni del mondo – come hanno fatto Obama ei suoi predecessori – Trump rinunciare alla finzione. Il motivo per cui così tanti esperti della DC sono così arrabbiati con Trump non è perché odiano le sue politiche, ma piuttosto disprezzano la sua incapacità e / o riluttanza a rendere più bella la politica che gli Stati Uniti fanno nel mondo.

Carceri della CIA segrete

E tutto questo per non parlare delle pratiche dispotiche degli Stati Uniti. Gli Stati Uniti hanno istituito politiche di tortura, sequestro di persona, sorveglianza di massa senza mandato e prigioni galleggianti prive di procedure legali in mezzo all’oceano dove le persone rimangono in una gabbia per quasi 20 anni nonostante non siano mai state accusate di un crimine. Il Dipartimento di Giustizia di Biden sta attualmente cercando di imprigionare Julian Assange a vita per il reato di pubblicazione di documenti che hanno rivelato gravi crimini da parte del governo degli Stati Uniti e dei suoi alleati, e sta tentando di fare lo stesso con Edward Snowden. Non è necessario guardare alla barbarie degli alleati degli Stati Uniti per vedere quale schifo propagandistico è l’affermazione che gli Stati Uniti si oppongono fermamente all’autoritarismo nel mondo.

Eppure, in qualche modo, non solo un gran numero di americani e la maggior parte dei giornalisti main stream credono alla mitologia della propaganda, sono ben addestrati a distogliere la loro attenzione dagli abusi del proprio governo e dei suoi alleati – su cui potrebbero fare qualcosa – e invece ossessionato dalla repressione da parte dei governi avversari agli Stati Uniti (che non possono fare nulla per cambiare). Questo è ciò che spiega l’ossessione dei media statunitensi nel denunciare Putin e Maduro e Assad e l’Iran mentre dedicano molta meno attenzione agli abusi uguali e spesso più gravi del proprio governo e dei suoi “alleati e partner”.
Nessuno ha catturato questa dinamica e le motivazioni dietro di essa meglio di Noam Chomsky, quando gli è stato chiesto perché dedica così tanto tempo ai crimini degli Stati Uniti e dei loro alleati piuttosto che a quelli della Russia, del Venezuela, dell’Iran e di altri avversari degli Stati Uniti:

“La mia preoccupazione è principalmente il terrore e la violenza portati avanti dal mio stato, per due ragioni. Per prima cosa, perché sembra essere la componente più ampia della violenza internazionale. Ma anche per un motivo molto più importante di questo: cioè, posso fare qualcosa al riguardo. Quindi, anche se gli Stati Uniti fossero responsabili del 2% della violenza nel mondo invece della maggior parte di essa, sarebbe il 2% di cui io sarei il primo responsabile. E questo è un semplice giudizio etico”.

Cioè, il valore etico delle proprie azioni dipende dalle loro conseguenze previste e prevedibili. È molto facile denunciare le atrocità di qualcun altro. Ciò ha quasi lo stesso valore etico della denuncia delle atrocità avvenute nel XVIII secolo.

Ma questa mitologia propagandistica che sostiene che gli Stati Uniti abbracciano solo i democratici e non i despoti è troppo preziosa per rinunciarvi – anche quando, come Biden sta facendo ora con i sauditi, la sua palese falsità è sfregata in faccia alle persone. Rimane un ingrediente chiave per:
a) giustificare guerre e bombardamenti ( come puoi opporti al nostro bombardamento della Siria quando Assad è un tale mostro o perché ti opporresti alla nostra guerra in Libia date tutte le cattive cose che fa Gheddafi? );
b) mantenere le persone soddisfatte di un conflitto prolungato e pericoloso con avversari scelti ( ovviamente la Russia è il nostro nemico: guardate cosa fa Putin a giornalisti e dissidenti );
c) permettere ai cittadini di sentirsi bene e retti nei confronti del governo degli Stati Uniti ( certo, non siamo perfetti, ma non impicciamo i gay dalle gru come fanno in Iran ); e, soprattutto,
d) distogliere l’attenzione degli americani dai crimini della loro stessa classe dirigente ( sono troppo impegnato a leggere di ciò che è stato fatto a Nalvany – da un governo sul quale non esercito alcuna influenza – per preoccuparmi degli abusi delle libertà civili da parte del governo degli Stati Uniti e di quelli governo con cui si allinea e sostiene ).


Quello che è più notevole e allarmante di tutto questo non è quanto sia pericoloso – sebbene sia pericoloso – ma ciò che rivela su quanto sia facilmente propagandabile la classe dei media statunitensi. Possono guardare Biden abbracciare e proteggere Mohammed bin Salman un minuto, inviare al generale Sisi enormi quantità di armi e denaro il successivo, annunciare che il suo DOJ continuerà a perseguire la prigionia di Assange, e poi in qualche modo, dopo aver visto tutto questo, dire e credere che noi devono entrare in guerra o bombardare o sanzionare un altro paese perché è compito degli Stati Uniti proteggere e difendere la libertà e i diritti umani nel mondo. Se il governo degli Stati Uniti può convincere la gente a credere davvero queste bufale, cosa mai potrebbero non riuscire a farti a credere?

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

5 Commenti

  • giuseppe sartori
    8 Marzo 2021

    bell’articolo di glenn grenwald che denota spirito critico e apertura di idee; comunque gli usa hanno ammirato e finanziato i dittatori di tutto il mondo anche prima della II guerra mondiale.
    gli usa e getta NON sono MAI stati una democrazia ma una plutocrazia in cui i “deplorevoli” non hanno mai contato un cazzo.
    basti leggere i romanzi di jack london.

  • antonio
    8 Marzo 2021

    dio oro dio argento dio birra ? non avraialtro dio all’ infuori di noi dollari

  • Eugenio Orso
    8 Marzo 2021

    I peggiori assassini sono proprio i “protetti” dagli usa e i cosiddetti alleati …

    Cari saluti

  • Giorgio
    8 Marzo 2021

    Pienamente d’accordo …… tranne che Al Sisi sia un tiranno protetto dagli usa ……

    • atlas
      9 Marzo 2021

      per la redazione anche ‘Francesco’ è una brava persona. E l’Iran sciita il faro del mondo. Mi aspetto che i cinesi siano tutti angioletti che ci proteggono

Inserisci un Commento