La prossima mossa di Putin è un mistero. Proprio come piace a lui.

Riferisce il New York Times che il presidente russo Vladimir V. Putin ha trascorso mesi ad ammassare quasi 100.000 soldati vicino al confine con l’Ucraina. Ma Mosca dice che non ha intenzione di invadere.

Qual è la prossima mossa della Russia? Nessuno lo sa, tranne forse il signor Putin . E questo è un campo di progettazione.

Il mistero che circonda le intenzioni del leader russo è stato denso come nebbia anche questa settimana, dopo che un importante diplomatico russo ha consegnato una serie di messaggi apparentemente contraddittori emergendo da due giorni di colloqui di sicurezza con gli Stati Uniti.

Pochi istanti dopo aver dichiarato i colloqui “profondi” e “concreti”, il viceministro degli Esteri Sergei A. Ryabkov ha avvertito che il mancato soddisfacimento delle richieste della Russia potrebbe mettere a rischio la “sicurezza dell’intero continente europeo”.

Le posizioni vorticose e spesso minacciose hanno contribuito a mettere a tacere anche alcuni di coloro che si guadagnano da vivere decodificando le intenzioni di Putin.

“L’opinione dell’esperto che posso dichiarare autorevolmente è: chi diavolo lo sa?” Fyodor Lukyanov, un importante analista di politica estera russo che dirige un consiglio che fornisce consulenza al Cremlino , lo ha detto in un’intervista telefonica.

Gli analisti hanno affermato che nemmeno i membri della cerchia ristretta di Putin – per non parlare di Ryabkov , che ha guidato la delegazione russa ai colloqui di Ginevra di questa settimana – probabilmente sapranno quanto seriamente Putin stia contemplando una guerra su vasta scala con l’Ucraina (secondo il New York Times). Né saprebbero quali concessioni americane è disposto ad accettare per disinnescare la crisi.

Invece, è probabile che Putin non abbia nemmeno preso una decisione, secondo analisti russi e funzionari americani. E gli piace tenere l’Occidente al limite.

“Ciò che conta sono i risultati”, ha detto ai giornalisti martedì il portavoce di Putin, Dmitri S. Peskov, mantenendo la suspense. “Per ora, non c’è nulla da dire sui risultati”.

I colloqui proseguiranno mercoledì, quando i funzionari russi incontreranno i rappresentanti degli Stati Uniti e dei loro alleati della NATO a Bruxelles, e giovedì a una riunione dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa, un gruppo di 57 nazioni che comprende l’Ucraina e Russia e Stati Uniti.

Putin con il suo stato maggiore

Dopo di che, ha detto Peskov, la Russia deciderà “se ha senso” per andare avanti con la diplomazia.

Per anni Putin si è infuriato per l’espansione della NATO verso est e per il sostegno americano al sentimento filo-occidentale in Ucraina; ora, creando una nuova crisi di sicurezza che minaccia di complicare l’agenda del presidente Biden, è riuscito a portare la questione in primo piano a Washington.

“Per la prima volta in 30 anni, gli Stati Uniti hanno accettato di discutere di questioni che era impossibile discutere anche solo un anno fa”, ha affermato Tatiana Stanovaya, fondatrice di una società di analisi politica, R.Politik.

Ora che il presidente russo ha gli americani al tavolo dei negoziati, sta perseguendo un’altra classica strategia di Putin: mettere sul campo di gioco così tante potenziali mosse – puntando in così tante direzioni diverse – che lascia le persone a indovinare , permettendogli di scegliere le tattiche che meglio gli si addice man mano che gli eventi si evolvono. [Questa non è una “strategia Putin”. È solo maskirovka ed è molto più vecchia di Putin.]

Il signor Ryabkov, ad esempio, ha detto ai giornalisti che non stava facendo ultimatum e non prevedeva “rompitratta”. Ma ha aggiunto che era “assolutamente obbligatorio” che gli Stati Uniti garantissero che l’Ucraina non avrebbe mai aderito alla NATO.

Ha detto che la Russia non stava imponendo una tempistica specifica, ma che aveva bisogno di una “risposta rapida” alle sue richieste. E mentre ha affermato che “non c’è motivo di temere uno scenario di escalation” in Ucraina, ha avvertito che l’Occidente non è ancora riuscito a capire quanto sarebbe pericoloso respingere le richieste della Russia.

Il messaggio contraddittorio è continuato martedì quando il portavoce del Cremlino, il signor Peskov, ha contrastato qualsiasi valutazione positiva che il signor Ryabkov avrebbe potuto offrire il giorno prima. “Per ora, non vediamo alcun motivo sostanziale di ottimismo”, ha detto nella sua teleconferenza quotidiana con i giornalisti.

Gli analisti hanno notato che il signor Ryabkov, dal lato diplomatico, molto probabilmente non sapeva nemmeno quali opzioni militari stesse considerando il Cremlino. Il bozzolo privo di virus che Putin ha cercato di stabilire intorno a sé ha fatto sì che anche i confidenti fossero costretti a trascorrere giorni in quarantena prima di essere ammessi nella stessa stanza con lui, riducendo ulteriormente i suoi legami con il mondo esterno.

“Nessuno sa con certezza al 100 per cento se Putin è pronto per la guerra, o se questo è un bluff o meno”, ha detto la signora Stanovaya.

Mentre il signor Ryabkov e altri funzionari russi hanno negato che la Russia abbia intenzione di invadere l’Ucraina, lo stesso signor Putin, in due conferenze stampa a dicembre, non ha offerto una tale smentita. Invece, ha avvertito di una “risposta tecnico-militare” non specificata se la Russia non ottiene ciò che vuole.

Abbiamo bisogno di garanzie a lungo termine e giuridicamente vincolanti” che annullino la presenza della NATO nell’Europa orientale, ha affermato Putin a dicembre. Ha aggiunto che mentre gli Stati Uniti hanno abbandonato i trattati in passato, “abbiamo bisogno almeno di qualcosa, almeno di un accordo legalmente vincolante piuttosto che solo assicurazioni verbali”.

Mentre Putin potrebbe essere riuscito a convincere gli Stati Uniti ad accettare di parlare, anche se le richieste di Mosca sembravano essere prive di partenza, la signora Stanovaya e altri hanno avvertito che a questo punto i colloqui da soli non gli bastano.

Incoraggiato, vede il signor Biden come un uomo che potrebbe essere disposto a fare un accordo e che il signor Biden, in quanto veterano della Guerra Fredda, potrebbe possedere un rispetto per la diplomazia di potere con Mosca che i giovani politici americani non hanno.

“Presume che gli americani presteranno attenzione solo a ciò che concretamente, immediatamente, li minaccia” , ha detto del presidente russo Dmitri Trenin, direttore del think tank del Carnegie Moscow Center. “Usa l’imprevedibilità, usa la tensione, usa le minacce”.

Per quanto riguarda ciò che la Russia farà dopo , Lukyanov ha affermato che dipenderà esclusivamente da Putin, che esercita il monopolio sul processo decisionale di politica estera senza precedenti in Russia. A differenza dei leader dell’era sovietica, Putin non ha un “Politburo” di alti funzionari che prendono decisioni collettive.

Il signor Lukyanov ha detto che nessun individuo può essere visto come un’influenza diretta sul signor Putin.

“Riceve questa o quella informazione”, ha detto il signor Lukyanov. “Coloro che lo forniscono non esercitano la propria influenza e non sanno come andrà a finire”.

Fonte: Il New York Times

Traduzione: Luciano Lago

8 Commenti
  • FRANCO
    Inserito alle 22:07h, 12 Gennaio Rispondi

    Siamo a vedere, chi l’ha più duro de lo tira.

  • Nicholas
    Inserito alle 22:30h, 12 Gennaio Rispondi

    Putin, aspetta che l’occidente imploda

  • Natalino
    Inserito alle 22:51h, 12 Gennaio Rispondi

    Tempo fa, nel 2014 quando l’occidente sembrava aver messo nel sacco Putin, egli non parlava ne faceva dichiarazioni ai giornalai soprattuttonostrani. Lui taceva e rimaneva defilato dalle luci dei riflettori.
    Dopo le luci sfavillanti di Sochi con cui l’occidente tentava di ammaliarlo circondandolo di appalusi e discorsi compiacenti, tutti erano convinti che lui non si sarebbe privato delle sdolcinature dell’occidente. In pratica tutti credevano che lui non avrebbe potuto rifiutare gli apprezzamenti tributatigli perché altrimenti sarebbe stato allontanato dal convivio occidentale come un appestato.
    Ma lui taceva e non diceva niente. E quando qualcuno cominció a capire cosa stava organizzando per tutelare la Russia dal tradimento di Maidan la frittata era giá servita: Aveva smembrato l’Ucraina.
    Ricordo che in quel periodo scrissi e dissi piú volte: “Bisogna stare molto attenti a quello che dice Putin ma bisogna soprattutto prestare moltissima attenzione a quello che non dice”.
    Scusate se faccio il saccente, ma credo che siamo di nuovo nel clima di MAIDAN dove Putin riteneva giustamente di essere stato tradito.
    Capiremo cosa vuol fare Putin quando lo avrá giá fatto.
    Buona fortuna a tutti.

  • Paolo
    Inserito alle 23:10h, 12 Gennaio Rispondi

    Un articolo demenziale. Propaganda Usa. Putin in quanto presidente e in nome dello stato russo ha espresso una richiesta
    chiarissima in relazione all’allargamento irresponsabile della Nato e all’uscita unilaterale degli Usa dai trattati bilaterali con la Russia sul contenimento delle armi nucleari strategiche. Di fronte a tutto questo parlano delle mosse “sconosciute” di Putin, dipingendolo come al solito come un turanno orientale. Sono gli Usa che ne dicono una e ne fanno cento diverse. Parlano delle mosse di Putin quando tre giorni prima dell’inizio dei colloqui a Ginevra hanno fatto scoppiare una violentissima rivolta armata in Kazakistan. Non bisogna fidarsi di un giornale come il NY times, soprattutto in queste cose. È un giornale che ha sostenuto a spada tratta tutte le menzogne sulle inesistenti armi nucleari dell’Iraq e tace pertinacemente su quelle vere di Israele.

    • Bobo merenda
      Inserito alle 20:37h, 13 Gennaio Rispondi

      D’accordo al 100% con Paolo, giornale per pulire le scarpe quando pesti una merda, e niente di più…. Come, purtroppo, la maggior parte delle testate “giornalistiche”

  • Stefano
    Inserito alle 00:05h, 13 Gennaio Rispondi

    “Bozzolo privo di virus che Putin ha cercato di stabilire intorno a sé ha fatto sì che anche i confidenti fossero costretti a trascorrere giorni in quarantena prima di essere ammessi nella stessa stanza con lui”.
    Articolo ridicolo da buttarsi per terra per il ridere..

  • Giorgio
    Inserito alle 09:20h, 13 Gennaio Rispondi

    Il New York Times, come tutta la stampa Usa, è solo fonte di propaganda e menzogne spudorate …..
    a sostegno del dominio anglo americano …..

  • michele
    Inserito alle 22:42h, 13 Gennaio Rispondi

    bozzolo privo di vairusss……………..in un mondo dove la vita dipende da tutto quanto la natura ha creato vairusss e esseri umani compresi! sempre questo instillare in qualsiasi informazione o pseudo tale…………questa pantomima del vairusss….ricorda l’epoca del terrore nucleare propagandato sempre dal sistema mediatico……….e guarda caso ambedue un nemico mortale,invisibile quindi particolarmente subdolo e con una presa fortissima sull’inconscio collettivo! sempre propaganda coadiuvata dall’ingegneria sociale….manipolando i cervelli per altre finalità.