La prossima guerra polacco-russa

placeholder

di Gilbert Doctorow

Stasera, il notiziario della settimana della televisione pubblica russa è iniziato con un documentario di 30 minuti sulle relazioni russo-polacche dalla fine della prima guerra mondiale e durante il periodo della guerra civile russa, quando il governo del maresciallo Pilsudski strappò un territorio significativo al controllo russo. Si occupa anche in dettaglio del comportamento ben documentato della Polonia come aggressore e occupante dei territori cecoslovacchi, lituani, ucraini e bielorussi prima dell’inizio della seconda guerra mondiale e fino a quando Hitler non invase la Polonia.

Questo rapporto ruotava attorno al discorso di Vladimir Putin al Consiglio di sicurezza della Federazione Russa di venerdì, che è stato parzialmente trasmesso in quella data. Estratti di questo intervento sono stati utilizzati per introdurre alcuni passaggi del documentario.

Ricordiamo che venerdì Putin ha spiegato come e perché possiamo aspettarci l’entrata ufficiale in guerra di una forza militare congiunta polacco-lituana-ucraina che sarà ufficialmente presentata come difesa della sovranità dell’Ucraina occupando l’Ucraina occidentale. Tuttavia, Putin ha descritto questa come una forza di occupazione che, una volta stabilitasi a Lvov e nell’Ucraina occidentale, non se ne sarebbe mai andata. Sarebbe infatti una ripetizione della vendita degli interessi ucraini ai polacchi e della cessione di territori alla Polonia, come perpetrata dal loro leader Symon Petlyura nell’aprile 1920 e ora ripetuta negli accordi segreti tra i presidenti Zelensky dell’Ucraina e Duda della Polonia.

In ogni caso questa non è l’unica imminente aggressione polacca annunciata venerdì da Vladimir Putin. Ha detto che la Polonia ha progetti anche sul territorio della Bielorussia. Il documentario trasmesso stasera ha concretizzato questa osservazione e ci ha ricordato i territori bielorussi che la Polonia ha sequestrato con la forza nel XX secolo quando ne ha avuto l’opportunità. Ha anche indicato i combattenti bielorussi all’estero che saranno utilizzati dalla Polonia per lanciare la sua offensiva contro Minsk dal territorio polacco, così come gli armamenti che ricevono dagli Stati Uniti e dai paesi membri della NATO.

Per quanto riguarda i progetti polacchi sull’Ucraina, Putin non ha indicato quale sarebbe stata la risposta della Russia. Ma per quanto riguarda la Bielorussia, venerdì ha affermato direttamente che qualsiasi atto di aggressione contro la Bielorussia sarebbe considerato un attacco alla Russia e che la Russia avrebbe risposto con tutta la forza militare a sua disposizione. Ha avvertito Varsavia di pensare alle conseguenze delle sue azioni.

Il discorso di Putin di venerdì sembrava rivolto a Varsavia. Il programma di stasera era chiaramente rivolto al pubblico russo in generale, al fine di prepararlo alla possibilità di una guerra russo-polacca nel prossimo futuro.

Questo punto è stato evidenziato dalla visita del Presidente della Bielorussia, Lukashenko, a San Pietroburgo. Questa visita ha avuto luogo con grande clamore. I due presidenti si sono recati oggi a Kronstadt, dove hanno visitato la chiesa principale, dimora spirituale della Marina russa. Hanno anche visitato il nuovo Museo della Marina russa, che sta per essere inaugurato, e il suo fulcro, il primo sottomarino nucleare russo, la risposta del paese al Nautilus americano dell’epoca. Hanno anche discusso delle minacce militari e politiche ai rispettivi paesi. Quei colloqui continueranno domani senza preavviso al Palazzo Konstantinovsky fuori San Pietroburgo.

Truppe polacche

Questa sera, le notizie della settimanaha spiegato al pubblico russo che i nuovi piani aggressivi dei polacchi vengono attuati solo perché sono convinti che lo zio Sam li sostenga. E hanno nominato la persona che incarna quel legame come l’ex ministro degli esteri polacco Radoslaw Sikorsky (2014-15), che ora è membro del Parlamento europeo e delegato responsabile per le relazioni con gli Stati Uniti. Sullo schermo è stata mostrata una foto degli ultimi incontri di Sikorski con i funzionari del Pentagono e con Joe Biden e i suoi consiglieri. Per chi si interroga sulle opinioni politiche di Sikorsky, vale la pena ricordare che è il marito della giornalista neoconservatrice Anne Applebaum, che odia la Russia ed è ben nota al pubblico americano per le sue colonne regolari sul Washington Post ..

Dai talk show russi degli ultimi giorni, è facile capire la lettura del Cremlino della guerra per procura attualmente in corso in Ucraina e nei dintorni: Washington vede la controffensiva ucraina come un fallimento totale che è costato la vita a decine di migliaia di membri delle forze armate ucraine e ha portato alla distruzione di gran parte dell’equipaggiamento occidentale consegnato all’Ucraina negli ultimi mesi. Invece di cercare la pace, Washington cerca di aprire un “secondo fronte” usando la Polonia per questo scopo.

In onda si è discusso anche di una possibile risposta russa a qualsiasi azione contro la Bielorussia: il sequestro del corridoio di Suwałki che collega Kaliningrad alla Bielorussia attraverso il territorio polacco. Assumere il controllo di questo corridoio avrebbe l’effetto di isolare gli Stati baltici dalla Polonia e quindi di metterne a repentaglio la sicurezza.

L’inevitabile conclusione delle ultime notizie è che le politiche incendiarie di Washington e la continua escalation del conflitto non possono garantire la sconfitta della Russia. Al contrario, potrebbero portare al crollo totale dell’alleanza NATO una volta che il suo valore militare sarà stato screditato in modo tale che i più creativi propagandisti di Washington non potranno né ignorarlo né nasconderlo.

fonte: Gilbert Doctorow

Traduzione: Luciano Lago

5 commenti su “La prossima guerra polacco-russa

  1. Niente di nuovo sotto il sole. I Russi si stanno preparando a questi eventi e a tutti i loro possibili sviluppi…Da almeno dieci anni. Se lo zio Sam e’ furbo…Nonno Ivan non e’ fesso e sa giocare a scacchi.-

  2. Applebaum la giornalaia neocon che odia i russi. Che finora hanno usato la mano di velluto contro il carcinoma nato. Si vede che hanno una rabbia immensa gli esce il veleno da pori ma ne vogliono ancora….

  3. Arriverà lo zircon dentro qualche base sotterranea al momento opportuno, con la benedizione dello Zar, perché uno zircon é per sempre…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Quello che gli altri non dicono

© 2024 · controinformazione.info · site by GDM