La promessa infranta di Biden di evitare la guerra con la Russia potrebbe farci uccidere tutti

Di Medea Benjamin e Nicolas JS Davies (*)

L’11 marzo 2022, il presidente Biden ha rassicurato l’opinione pubblica americana e il mondo sul fatto che gli Stati Uniti ei loro alleati della NATO non erano in guerra con la Russia. “Non combatteremo una guerra con la Russia in Ucraina”, ha detto Biden. “Il conflitto diretto tra NATO e Russia è la terza guerra mondiale, qualcosa che dobbiamo sforzarci di prevenire”.

È ampiamente riconosciuto che gli ufficiali statunitensi e della NATO sono ora pienamente coinvolti nella pianificazione operativa della guerra dell’Ucraina, aiutati da un’ampia gamma di raccolte e analisi di intelligence statunitensi per sfruttare le vulnerabilità militari della Russia, mentre le forze ucraine sono armate con armi statunitensi e NATO e addestrate a gli standard di altri paesi della NATO.

Il 5 ottobre, Nikolay Patrushev, capo del Consiglio di sicurezza russo, ha riconosciuto che la Russia sta ora combattendo la NATO in Ucraina. Nel frattempo, il presidente Putin ha ricordato al mondo che la Russia ha armi nucleari ed è pronta a usarle “quando l’esistenza stessa dello stato sarà messa a rischio”, come dichiarato nel giugno 2020 dalla dottrina ufficiale russa sulle armi nucleari.

Sembra probabile che, in base a tale dottrina, i leader russi interpreterebbero la perdita di una guerra a favore degli Stati Uniti e della NATO ai propri confini come il raggiungimento della soglia per l’uso di armi nucleari.

Il 6 ottobre il presidente Biden ha riconosciuto che Putin “non sta scherzando” e che sarebbe difficile per la Russia usare un’arma nucleare “tattica” “e non finire con l’Armageddon”. Biden ha valutato il pericolo di una guerra nucleare su vasta scala come più alto che in qualsiasi momento dalla crisi dei missili cubani nel 1962.

Eppure, nonostante esprimesse la possibilità di una minaccia esistenziale alla nostra sopravvivenza, Biden non stava lanciando un avvertimento pubblico al popolo americano e al mondo, né annunciava alcun cambiamento nella politica statunitense. Stranamente, il presidente stava invece discutendo della prospettiva di una guerra nucleare con i finanziatori del suo partito politico durante una raccolta fondi elettorale a casa del magnate dei media James Murdoch, con i reporter dei media aziendali sorpresi in ascolto.

In un rapporto di NPR sul pericolo di una guerra nucleare in Ucraina, Matthew Bunn, un esperto di armi nucleari presso l’Università di Harvard, ha stimato la possibilità che la Russia utilizzi un’arma nucleare tra il 10 e il 20%.

Come siamo passati dall’escludere il coinvolgimento diretto degli Stati Uniti e della NATO nella guerra al coinvolgimento degli Stati Uniti in tutti gli aspetti della guerra tranne che per il sanguinamento e la morte, con una probabilità stimata del 10-20% di guerra nucleare? Bunn ha fatto quella stima poco prima del sabotaggio del ponte sullo stretto di Kerch in Crimea. Quali probabilità proietterà tra qualche mese se entrambe le parti continueranno a far coincidere le reciproche escalation con un’ulteriore escalation?

Sottomarino nucleare russo

Il dilemma irrisolvibile che devono affrontare i leader occidentali è che questa è una situazione senza vittoria. Come possono sconfiggere militarmente la Russia, quando possiede 6.000 testate nucleari e la sua dottrina militare afferma esplicitamente che le utilizzerà prima di accettare una sconfitta militare esistenziale?

Eppure questo è ciò che l’intensificarsi del ruolo occidentale in Ucraina ora mira esplicitamente a raggiungere. Questo lascia la politica degli Stati Uniti e della NATO, e quindi la nostra stessa esistenza, appesa a un filo sottile: la speranza che Putin stia bluffando, nonostante gli avvertimenti espliciti che non lo è.
Il direttore della CIA William Burns , il direttore dell’intelligence nazionale Avril Haines e il direttore della DIA (Agenzia di intelligence per la difesa), il tenente generale Scott Berrier , hanno tutti avvertito che non dovremmo prendere alla leggera questo pericolo.

Il pericolo di un’inarrestabile escalation verso l’Armageddon è ciò che entrambe le parti hanno dovuto affrontare durante la Guerra Fredda, motivo per cui, dopo il campanello d’allarme della crisi dei missili cubani nel 1962, la pericolosa manovrabilità ha lasciato il posto a un quadro di accordi di controllo degli armamenti nucleari e meccanismi di salvaguardia per evitare che guerre per procura e alleanze militari sfocino in una guerra nucleare senza fine. Anche con queste salvaguardie in atto, c’erano ancora molti richiami ravvicinati, ma senza di loro probabilmente non saremmo qui per scriverne.

Oggi la situazione è resa più pericolosa dallo smantellamento di quei trattati e salvaguardie sulle armi nucleari. È anche esacerbato, che entrambe le parti lo vogliano o meno, dallo squilibrio dodici a uno tra le spese militari statunitensi e russe, che lascia alla Russia opzioni militari convenzionali più limitate e una maggiore dipendenza da quelle nucleari.

Ma ci sono sempre state alternative all’inarrestabile escalation di questa guerra da entrambe le parti che ci ha portato a questo punto. Ad aprile, i funzionari occidentali hanno compiuto un passo fatale quando hanno convinto il presidente Zelensky ad abbandonare i negoziati mediati da turchi e israeliani con la Russia che avevano prodotto un promettente quadro di 15 punti per un cessate il fuoco, un ritiro russo e un futuro neutrale per l’Ucraina.

Quell’accordo avrebbe richiesto ai paesi occidentali di fornire garanzie di sicurezza all’Ucraina, ma si sono rifiutati di prenderne parte e hanno invece promesso all’Ucraina il sostegno militare all’Ucraina per una lunga guerra per cercare di sconfiggere in modo decisivo la Russia e recuperare tutto il territorio che l’Ucraina aveva perso dal 2014.

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Austin ha dichiarato che l’obiettivo dell’Occidente nella guerra era ora quello di “indebolire” la Russia al punto che non avrebbe più la potenza militare per invadere nuovamente l’Ucraina. Ma se gli Stati Uniti e i loro alleati si avvicinassero mai al raggiungimento di tale obiettivo, la Russia vedrebbe sicuramente una sconfitta militare così totale come mettere “minacciata l’esistenza stessa dello stato”, innescando l’uso di armi nucleari secondo la sua dottrina nucleare dichiarata pubblicamente .

Armi USA all’Ucraina

Il 23 maggio, lo stesso giorno in cui il Congresso ha approvato un pacchetto di aiuti da 40 miliardi di dollari per l’Ucraina, inclusi 24 miliardi di dollari in nuove spese militari, le contraddizioni e i pericoli della nuova politica di guerra USA-NATO in Ucraina hanno finalmente stimolato una risposta critica dalla Redazione del New York Times . Un editoriale del Times , intitolato “La guerra in Ucraina si sta complicando e l’America non è pronta”, ha posto domande serie e approfondite sulla nuova politica statunitense:

“Gli Stati Uniti, ad esempio, stanno cercando di aiutare a porre fine a questo conflitto, attraverso un accordo che consentirebbe un’Ucraina sovrana e una sorta di relazione tra Stati Uniti e Russia? O gli Stati Uniti stanno ora cercando di indebolire la Russia in modo permanente? L’obiettivo dell’amministrazione si è spostato sulla destabilizzazione di Putin o sulla sua rimozione? Gli Stati Uniti intendono ritenere Putin responsabile come un criminale di guerra? O l’obiettivo è cercare di evitare una guerra più ampia…? Senza chiarezza su queste domande, il La Casa Bianca… mette a rischio la pace e la sicurezza a lungo termine nel continente europeo”.

I redattori del NYT hanno continuato a dar voce a ciò che molti hanno pensato ma pochi hanno osato dire in un ambiente mediatico così politicizzato, che l’obiettivo di recuperare tutto il territorio che l’Ucraina ha perso dal 2014 non è realistico e che una guerra per farlo sarà ” infliggere una distruzione incalcolabile all’Ucraina”. Hanno invitato Biden a parlare onestamente con Zelenskyy di “quanta più distruzione può sostenere l’Ucraina” e del “limite di quanto gli Stati Uniti e la NATO affronteranno la Russia”.

Una settimana dopo, Biden ha risposto al Times in un editoriale intitolato “Quello che l’America farà e non farà in Ucraina”. Ha citato Zelenskyy dicendo che la guerra “finirà definitivamente solo attraverso la diplomazia” e ha scritto che gli Stati Uniti stavano inviando armi e munizioni in modo che l’Ucraina “può combattere sul campo di battaglia ed essere nella posizione più forte possibile al tavolo dei negoziati”.

Biden ha scritto: “Non cerchiamo una guerra tra NATO e Russia … gli Stati Uniti non cercheranno di provocare la cacciata [di Putin] a Mosca”. Ma ha continuato a promettere sostegno praticamente illimitato degli Stati Uniti all’Ucraina, e non ha risposto alle domande più difficili che il Times ha posto sul finale degli Stati Uniti in Ucraina, sui limiti al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra o su quanta più devastazione l’Ucraina potrebbe sostenere.

Con l’escalation della guerra e l’aumento del pericolo di una guerra nucleare, queste domande rimangono senza risposta. Gli appelli per una rapida fine della guerra hanno fatto eco all’Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York a settembre, dove 66 paesi , che rappresentano la maggior parte della popolazione mondiale, hanno chiesto urgentemente a tutte le parti di riprendere i colloqui di pace.

Il pericolo più grande che dobbiamo affrontare è che le loro richieste vengano ignorate e che i tirapiedi pagati in eccesso del complesso militare-industriale degli Stati Uniti continueranno a trovare il modo per aumentare progressivamente la pressione sulla Russia, dichiarando il suo bluff e ignorando le sue “linee rosse” come hanno fatto da allora 1991, fino a quando non attraversano la “linea rossa” più critica di tutte.

Se le richieste di pace del mondo vengono ascoltate prima che sia troppo tardi e sopravviviamo a questa crisi, gli Stati Uniti e la Russia devono rinnovare i loro impegni per il controllo degli armamenti e il disarmo nucleare e negoziare come loro e altri stati armati nucleari distruggeranno le loro armi di distruzione di massa e aderire al Trattato per la proibizione delle armi nucleari, in modo da poter finalmente sollevare questo pericolo impensabile e inaccettabile che grava sulle nostre teste.

*Medea Benjamin e Nicolas JS Davies sono gli autori di War in Ukraine: Making Sense of a Senseless Conflict , disponibile da OR Books nel novembre 2022.

Medea Benjamin è cofondatrice di CODEPINK for Peace e autrice di numerosi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics of the Islamic Republic of Iran .

Nicolas JS Davies è un giornalista indipendente, ricercatore con CODEPINK e autore di Blood on Our Hands: The American Invasion and Destruction of Iraq .

Fonte: Information Clearing House

Traduzione: Luciano Lago

6 Commenti
  • Simone
    Inserito alle 19:19h, 15 Ottobre Rispondi

    Ma basta con ste storia, sempre la Russia dovrebbe essere la prima adnimpigare armi nucleari. Chi può garantire che non sia la Nato, quando sarà in procinto di perdere in Ucraina, ad usare queste armi per prima?

  • sandro
    Inserito alle 19:50h, 15 Ottobre Rispondi

    Ma il fatto che la Russia ha gia vinto , adesso si riprende il 3% del territorio ripreso dagli ukro bots con l’iauto anzi solo con gli amamerdidani nato nazi Zio sam sion

  • luther
    Inserito alle 20:23h, 15 Ottobre Rispondi

    Infatti è proprio così, gli americani stanno solo cercando di prendere tempo allo scopo di far accettare ai popoli una simile evenienza, ma vogliono “dimostrare” in risposta alla”inesistente”minaccia russa. Penso anche che Washington creda solo fino ad un certo punto che Putin stia bluffando. Tuttavia dopo la fuga da Kabul, non possono permettersi di perdere anche in ucraina, sarebbe la fine vera dell’impero, sarebbe inaccettabile. Ecco perché saranno proprio loro a fare il primo passo.A lanciare la prima bomba…… Succederà davvero cosi? Forse no. Ma, è possibile.

  • natalino
    Inserito alle 20:42h, 15 Ottobre Rispondi

    Io ho sempre sostenuto e lo sostengo ancora che l’arma nucleare sará usata per primo dall’occidente. Vedasi Iroshima e Nagasaki dove l’arma nucleare é stata usata senza nessuna motivazione ma solo per mostrarla al mondo.
    Ma i nostri mezzi d’informazione continuano a defecare (cazz,ate condite con mer.da) informazioni contrarie. La Russia é abbligata, per assecondare la narrativa dei nostri vertci ad usare l’arma nucleare per prima.
    Non importa che i trascorsi dimostrano che l’occidente é quello piú incline all’eccidio, al genocidio, agli stermini ed ai massacri.

    • Monk
      Inserito alle 21:35h, 16 Ottobre Rispondi

      I giapponesi non avevano centinaia di testate nucleari come risposta agli ameri-cani dopo Hiroshima e Nagasaki, così è facile per chiunque, ergo, il paragone non azzecca manco un po’. Adesso ci pensano duemila volte prima di fare i bulli come ai tempi del ’45

  • Gasparino
    Inserito alle 21:09h, 15 Ottobre Rispondi

    Ma Biden è così tanto sicuro ( visto ch’è il Presidente Amerikano ) che in caso del confetto nucleare che regalerebbe a Putin avrà una tana dove nascondesi tranquillamente forever ?
    Non ci saranno abbastanza Pennsylvanie e Delaware dove potersi nascondere , nemmeno l’amato Air Force One sarà in grado di poterlo accudire , nemmeno se qualche miracolo lo renderebbe invisibile.

Inserisci un Commento