La prima vittima del liberalismo è l’uomo


di Karine Bechet Golovko.

Mentre viviamo in una follia totalitaria globale sullo sfondo di un acuto sanitarismo, ci sono ancora menti annebbiate per continuare a combattere contro il fantasma del comunismo e invocare come mantra tutti i “suoi” crimini. Com’è più comodo lottare contro ciò che non è più, riscriverlo a piacimento, nascondersi da ciò che è! E se spazziamo davanti alla nostra porta? E se parlassimo dei crimini del liberalismo?
Se osassimo guardare in faccia questo mostro che ha partorito, che sta crescendo davanti ai nostri occhi attoniti? Perché questa dittatura globale e disumana è l’essenza del liberalismo.

Mentre in Francia, paese dei diritti umani e di Cartesio, troviamo sempre più politici che chiedono la generalizzazione della tessera sanitaria, cioè la generalizzazione della segregazione sociale; mentre in Russia, paese che è stato distrutto non molto tempo fa in nome del liberalismo e del sacrosanto diritto di andare da McDonald’s, si vaccina a pieno regime, bloccando l’accesso agli ospedali ai non vaccinati e volendo estendere la sorveglianza totale del QR Codice; mentre il nostro mondo è diventato un grande spazio di sperimentazione su popolazioni messe in stato di torpore, una prigione digitale, dove vengono monitorati gli spostamenti di miliardi di individui, nessuno, dico nessuno, vuole interrogarsi sul legame di causa ed effetto tra l’ideologia liberale consegnata a se stessa come preminente e questa distopia globale in cui viviamo.

Com’è comoda questa cecità morale e intellettuale! Continuiamo improvvisamente a fare grandi dichiarazioni che non costano nulla per gridare i “milioni di vittime” del comunismo, se una fonte è necessaria, resta Wikipedia, la nuova biblioteca-palinsesto del mondo globale. Che questo regime fosse restrittivo, che fosse disumano… che oggi siamo felici, quindi. Parliamo d’altro, soprattutto per non parlare di noi stessi.

Siamo felici di non fare domande. Che dire di tutti questi paesi destabilizzati in nome della democrazia – per l’uso delle risorse naturali? Che dire dell’offshoring, dove è possibile lavorare senza vincoli sociali? Che dire di tutte queste guerre, rivoluzioni, colpi di stato contro leader che non sono sufficientemente compiacenti? Quante società distrutte, famiglie distrutte, vite distrutte a causa di questi stupri democratici? Quanti “milioni”?

Se fermiamo la fantasmagorica statistica dei “milioni”, la morte ingiusta di un solo uomo essendo una tragedia perché ogni scomparsa porta con sé una parte di umanità, diventa urgente interrogarsi sulle matrici di queste due visioni del mondo, comunismo e liberalismo. Sto parlando della loro realizzazione, perché in teoria tutte le ideologie sono meravigliose, altrimenti la gente non ci crederebbe.

L’errore più grande del comunismo è stato scommettere sulla capacità dell’uomo di evolversi, di sforzarsi, di migliorarsi – generalizzazione dell’insegnamento, salto scientifico, buon industriale… Ma tutto ciò richiede sforzi e di fronte si presenta Cannes e la Croisette , le sfilate, il piccolo caffè con terrazza a Parigi, il jazz a New York. E dimentica che sta anche facendo festa, che ha amici, vacanze, un lavoro. Non vede cosa si nasconde dietro il velo – queste persone che, come lui, lavorano, che non hanno tutti i soldi per andare all’estero anche se ne hanno il diritto, tutti questi prodotti nei negozi che si differenziano principalmente per etichette a colori, tutto un mondo reale che non viene proposto.

Dal canto suo, le società liberali, tinte di sociale fin da quando è esistito il comunismo, hanno scommesso sulla debolezza dell’uomo, sulla sua naturale tendenza all’agio, sul suo egocentrismo, sul suo materialismo. E hanno vinto. Il liberalismo fu poi ridotto al materialismo, la libertà al possesso. L’uomo ha perso la sua complessità e la sua ricchezza per diventare nient’altro che un individuo, ciascuno credendosi non solo il centro del suo mondo, ma il centro del mondo che può afferrare solo attraverso il suo ombelico – un mondo a misura.

Con la caduta del comunismo, gli equilibri di potere furono sconvolti e l’orgia fu totale. Vediamo il risultato. Gli esseri viventi sono stati ridotti alle loro funzioni più basse: consumare, produrre, riprodursi, distruggersi. Il declino dell’istruzione ha permesso di ottenere l’accettazione per un mondo così primario. Insensati e aggrappati ai loro schermi, gli esseri viventi non sono altro che ammassi di cellule, più o meno produttive, con qualche scatto più disordinato.
La vita ridotta alla sua concezione biologica permette l’affermazione di una dittatura utilizzando l’argomento della salute.

Parteciparvi è un atto di patriottismo, rifiutarlo sarà presto considerato terrorismo. Come ha detto Biden , siate patrioti, vaccinatevi!

“ Fallo ora per te e per i tuoi cari, per il tuo quartiere, per il tuo paese. Può sembrare banale, ma è una cosa patriottica da fare ”.

E gli esseri umani sono pronti a farsi vaccinare per qualsiasi motivo diverso dalla salute – soprattutto per essere lasciati soli, ma anche per andare in vacanza, per andare al ristorante, per andare a teatro, per prendere i mezzi pubblici, per poter continuare a lavorare . Insomma, per far parte di questo nuovo mondo, che non vuole lasciare spazio all’uomo.

Perché il vaccino permette il QR Code o il social pass e il QR Code o il social pass è una fonte di informazioni, le cui chiavi sono negli Stati Uniti come per qualsiasi database e sembra che nel nostro mondo l’informazione sia potere . Quindi, comprendiamo meglio il patriottismo. Negli USA. Lo capiamo meno in Francia o in Russia, ma essendo il progetto globale…

Anche se questo emerge da una fantasmagoria ben descritta durante l’ultima Davos, i leader sono sempre stati inclini a queste derive di un governo totale e liberati dalla costrizione del popolo. Solo gli uomini possono fermarli. Ma dove sono gli uomini? Questo è ciò che mi preoccupa molto di più delle attuali delusioni.

Fonte: Russie Politics Blogspot

Traduzione: Luciano Lago

18 Commenti
  • Eugenio Orso
    Inserito alle 18:11h, 08 Luglio Rispondi

    Si tratta di un vero e proprio, piccolo manifesto contro illiberismo, visto come la principale causa dei mali – di origine antropica o … di laboratorio,come il covid – che affliggono il mondo.
    In effetti, è proprio così … tutto vero.

    Cari saluti

    • Eugenio Orso
      Inserito alle 18:12h, 08 Luglio Rispondi

      Ho scritto liberismo e non liberalismo perché le due espressioni sono sinonimi, due facce della stessa medaglia satanica.

      • atlas
        Inserito alle 19:37h, 08 Luglio Rispondi

        satanica ? Ma non ti eri dichiarato un buon ateo ? Eh beh, convengo che quando questa gentaglia, omofila, pedofila, pederasta e diabolica è troppa, è troppa anche per te carissimo Eugenio. Intanto attendiamo fiduciosi e speranzosi il grande capo, che li allontani definitivamente almeno da quì. Sai, io sono appena tornato dal mare e sono profumato e pronto per fare le preghiere Islamiche di mezzogiorno e pomeriggio insieme, prima delle altre del tramonto e sera, non vorrei nemmeno toccarli o mi tocca lavarmi un’altra volta … p.s., credi veramente che Zan e Segre siano una punizione divina come il PD ?

        • cherubbo
          Inserito alle 21:04h, 08 Luglio Rispondi

          AL Tabari, uno dei più grandi commentatori delle biografie è gli Hadith (racconti) di Maometto, disse che niente, Niente, contraddice il fatto che aisha fu sposata a 6 anni e stuprata a 6 anni.
          Aisha era una bambina, è lei stessa a dirlo in Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Libro 58 Hadith 234.
          In Ṣaḥīḥ al-Bukhārī Volume 8, Libro 73, Numero 151 è scritto che Aisha soleva giocare con le bambole in presenza di Maometto.
          (coff coff pedofili)

          • atlas
            Inserito alle 21:38h, 08 Luglio

            tutte chiacchiere che scrivi tu sotto molteplici nomignoli per offendere il sentimento religioso altrui, sino a quando Luciano Lago non vi cancella perchè ha amici siriani, libanesi, iraniani etc., dove sono le prove di quanto scrivi contro l’Islam ? Io invece posto i link: Allen Ginsberg (1926-1997), ebreo ateo, portavoce della beat generation, attivista gay e sostenitore della legalizzazione della pedofilia (NAMBLA). (Estratto da un’intervista del 1997 pubblicata sulla rivista The Harvard Gay & Lesbian Review): «i bambini nudi sono un fattore principale di piacere da secoli, sia per i genitori che per gli spettatori. Quindi, etichettare la pedofilia come qualcosa di criminale è ridicolo» Voi omofili sinistri e sostenitori del ‘gender’ non vi avvicinerete ai miei nipotini, giammai. E voi del PD non toglierete più bambini con l’inganno a persone sane per darli a omofili e lesbiche come a Bibbiano, non prevarrete, la maggior parte dei frequentatori di questo sito e della gente normale sono religiosi e hanno valori religiosi. Andate da un’altra parte a portare violenza e odio democratico http://www.centrosangiorgio.com/occultismo/massoneria/articoli/pagine_articoli/l_immoralita_talmudica.htm

          • Hannibal7
            Inserito alle 00:47h, 09 Luglio

            Vedi CHERUBBO?…..tu sei il classico esempio di involucro di carne e ossa al quale però il cervello gli si è intoppato completamente….
            Sei da rifare….

          • dio fiore
            Inserito alle 11:43h, 09 Luglio

            Grazie per il post Cherubbo,non conoscevo questa parte dell islam.
            Io sono buddhista,per me tutte le religioni sono uguali e ugualmente valide.
            Vado perfino in chiesa tutte le Domeniche.
            Dopo questo pero’ ho capito che devo approfondire i miei studi!!E’ proprio vero che non si smette mai di imparare.
            GRAZIE!

          • Giorgio
            Inserito alle 11:51h, 09 Luglio

            Ma anzichè blaterare di pedofilia ……. perchè non provi ad argomentare sull’articolo …… dimostrando che il liberismo è il paradiso ……
            Aspetto di vederne elencate le magnifiche caratteristiche in modo convincente ……..
            ma sicuramente sarà un’attesa inutile ……. non sei qui per argomentare ma per provocare ……

          • cherubbo
            Inserito alle 13:07h, 09 Luglio

            Senti GIORGIO il tuo amico sopra ha messo il mezzo l argomento della pedofilia e io gli ho postato qualche passo del corano.
            Qui nesusno ha mai detto che il liberismo sia il paradiso,quindi non platerare con accuse campate in aria.
            W poi sarei io il provocatore.
            aaahhhhh

          • atlas
            Inserito alle 13:42h, 09 Luglio

            importante è non trollare ripetutamente e sotto ogni articolo come fate voi omofili celati sotto infiniti nomignoli, la redazione si potrebbe stancare

          • filiberto
            Inserito alle 14:08h, 09 Luglio

            Sono d accordo Atlas.
            Parlare di ebrei,atei e gay sotto un articolo che parla d altro non puo’ far altro che nuocere al sito.
            Un abbraccio carissimo.
            Filiberto.

          • atlas
            Inserito alle 15:07h, 09 Luglio

            cambiamo strategia. Non diamo da mangiare ai troll democratici (non rispondiamogli nel merito dei loro commenti contrari all’orientamento sovranista del sito). E’ Luciano Lago che li deve definitivamente cancellare tutti, il sito è il suo. Finchè non lo fa è uno che dimostra solo di scrivere chiacchiere (democrazia)

          • cherubbo
            Inserito alle 17:42h, 09 Luglio

            Va bene Atlas muori di fame.e’ una buona morte

  • luther
    Inserito alle 21:57h, 08 Luglio Rispondi

    tutto vero, duro da accettare ma, spietatamente vero. Gli uomini non ci sono più.Si sono estinti, a quel che sembra. Hanno ceduto ciò che è stato guadagnato con enormi sacrifici, senza opporre la minima resistenza, senza nemmeno pretendere una spiegazione. Nell’indifferenza totale. Non ci sono più ostacoli per i malvagi, e non si fermeranno. Perché dovrebbero farlo? Siamo tutti diventati così moralmente miseri e stupidi che non meritiamo altro che quello che verrà. La ragione è morta, morta davvero. Che delusione…

  • Hannibal7
    Inserito alle 00:34h, 09 Luglio Rispondi

    Vero,dove sono gli uomini???
    La maggior parte di essi si è trasformata in involucri di carne e ossa senza più un cervello che,a parte i ragionamenti sulla triste vita quotidiana,non ha altro di cui stimolarsi.
    La curiosità è morta
    La fame di informazione che,forse potrebbe cambiarti la vita,non esiste
    Esiste solo più l’ormai propagandato virus e la soluzione con la pozione magica chiamata vaccino
    Poi ovvio ci sono i ragionamenti che questi limitati organi grigi riescono a fare a seconda del periodo in cui si trova ad assorbire futili notizie che intoppano il sistema (cerebrale) del tipo: speriamo che l’Italia vinca l’europeo,dove si va in vacanza?..,cosa preparo per cena?…
    È raro invontrare persone (o uomini inteso come esseri umani) che per almeno 5 min della loro cazzo di vita non fanno altro che parlare di covid,varianti, vaccini e green pass
    Il green pass??? Un lasciapassare praticamente…quello con cui nel film “Fracchia la belva umana” il simpatico Paolo Villaggio doveva portare sempre con se per essere “libero”
    SE UN UOMO È LIBERO NON HA BISOGNO DI UN PASS PER SENTIRSI TALE…..ziofà!!!

    • Giorgio
      Inserito alle 11:52h, 09 Luglio Rispondi

      Ottimo commento Hannibal7 ……
      Saluti

  • Hannibal7
    Inserito alle 00:38h, 09 Luglio Rispondi

    Ops
    Ho fatto un errore
    Volevo scrivere “…che,forse potrebbe SALVARTI la vita non esiste PIÙ ”
    Dasvidania gente

  • Scacchista
    Inserito alle 06:47h, 09 Luglio Rispondi

    Pezzo magistrale.