La Polonia vuole sanzioni contro la Russia a causa dei disordini in Bielorussia

Le sanzioni per gli eventi in Bielorussia, dove le proteste sono continuate per diversi giorni dopo le elezioni presidenziali, dovrebbero essere imposte alla Russia, ha affermato il deputato del Parlamento europeo dalla Polonia Jacek Sariusz-Wolski.

Nell’UE, in relazione a quanto sta accadendo in Bielorussia, sono state espresse opinioni sulla possibilità di prendere in considerazione sanzioni contro Minsk.

Deputato polacco Jacek Sariusz-Wolski

“Quello che potrebbe fare l’Unione Europea, quello che potrebbe offrire la Polonia è di dirigere le sanzioni contro la Russia, non sulla Bielorussia. Perché sembra una punizione con una spada, non con una mano. Se neutralizziamo il ruolo dell’intervento russo o addirittura dell’annessione, penso che i bielorussi faranno fronte alla costruzione della democrazia da soli ”, ha detto Sariusz-Wolski in onda su Radio polacca.

In Russia, è stato detto più di una volta che è diventato di moda in Occidente incolpare la Federazione Russa di tutti i problemi, e l’hanno chiamata “ossessione russofobica”. La Federazione Russa ha ripetutamente affermato di contare sullo sviluppo di relazioni russo-bielorusse reciprocamente vantaggiose in tutti i settori, sull’approfondimento della cooperazione all’interno dello Stato dell’Unione e sulla creazione di processi di integrazione.

“Spero che penseranno di nuovo, specialmente la Germania, che fare affari con la Russia non è nell’interesse del mondo libero”, ha aggiunto Wolski.

La Federazione Russa e la Germania hanno ripetutamente affermato che il progetto del gasdotto Nord Stream 2 è fruttodi un accordo commerciale ed è vantaggioso per la RFT.

Le proteste di massa sono iniziate in Bielorussia il 9 agosto, dopo le elezioni presidenziali, vinte dall’attuale capo di stato Alexander Lukashenko, che secondo la CEC ha ottenuto l’80,08% dei voti.

Da domenica sono proseguite azioni non autorizzate, ma vengono duramente represse dalle forze di sicurezza. Le forze dell’ordine usano gas lacrimogeni, cannoni ad acqua, granate assordanti, proiettili di gomma contro i manifestanti.


Secondo quanto riportato dal ministero degli Interni della repubblica, durante i disordini una persona è morta, ha cercato di lanciare un ordigno esplosivo non identificato in direzione delle forze dell’ordine.
Le forze di sicurezza hanno arrestato alcuni individui di nazionalità ucraina che si trovavano coinvolti nei disordini e nelle azioni di violenza cpntro la polizia a Kiev. Due degli arrestati sono risultati di nazionalità polacca.

Nello stesso tempo le stazioni radio da Varsavia, da Kiev e da altre capitali europee hanno incitato i manifestanti a scendere in piazza e hanno diffuso false notizie quali la presunta presenza di reparti di mitari russi assieme alle forze di sicurezza bielorusse.
Si è reso evidente che il tentativo delle centrali occidentali era quello di suscitare il caos a Minsk per contestare i risultati delle elezioni nel paese.

Fonte: Rusvesna

Traduzione: Sergei Leonov

5 Commenti

  • atlas
    13 Agosto 2020

    se qualcuno aveva dubbi su chi volle l’eliminazione fisica di Lech Kaczynski quest’articolo li fugherà

    in quella zona restano cmq razze di merda; abitanti territori di merda. Grazie a Dio sono Duo Siciliano

    https://it.insideover.com/politica/la-polonia-kaczynski-la-chiesa-gli-stati-uniti.html

  • Woland
    13 Agosto 2020

    La Polonia chiede sanzioni contro Mosca per i disordini in Bielorussia.
    In effetti anch’io chiedo sanzioni contro il mio vicino di casa a causa dei tumulti dei BLM.

    la logica, questa sconosciuta….

  • Idea3online
    13 Agosto 2020

    L’idea russa si identifica con quella di katechon che è la sua autentica missione…
    http://www.dirittoestoria.it/15/memorie/Valle-Mosca-Pietroburgo-due-idee-di-Terza-Roma.htm

  • eusebio
    13 Agosto 2020

    I polacchi come al solito si dimostrano servi degli ebrei, nel medioevo li avevamo espulsi da tutta l’Europa perchè si dedicavano all’omicidio rituale dei bambini cristiani, l’unico paese che li aveva accolti era la Polonia, poi per fortuna i cosacchi nel seicento li hanno diradati, adesso che cercano di riprendere il controllo delle immense ricchezze russe attraverso i loro oligarchi ex bolscevichi come Kodorkovsky, Gusinski, Abramovich, Chernoy ed altri, dopo aver spolpato l’Ucraina facendole perdere 15 milioni di abitanti, i loro primi servitori sono i polacchi.
    La Bielorussia non deve sviluppare nessuna democrazia perchè non è uno stato nazionale, è russa come la Crimea, in Bielorussia si parla russo e la popolazione è ortodossa e dipende dal Patriarcato di Mosca, stata separata dalla Russia da Stalin che non era nemmeno georgiano ma Osseta, quindi voleva trasformare il grande Impero russo in un vestito di Arlecchino artificiale.

  • Giorgio
    13 Agosto 2020

    Gli arresti di teppisti-mercenari polacchi e ucraini confermano, sia che Polonia e Ucraina sono servi degli anglo sionisti, e questo lo sapevamo già, sia che questi ultimi ci provano ad ogni occasione a rovesciare governi locali o nazionali e i loro leader non allineati ….. ecco quindi servito dai media di regime l’ultimo, in ordine di tempo, cattivo tiranno di turno da additare al disprezzo delle masse “democratiche” occidentali ……. per avere poi “l’autorevolezza morale” di rovesciarlo con la forza vedi Saddam, Gheddafi ecc.
    Bielorussia e Lukashenko nuovi paladini della resistenza agli anglo sionisti dopo Nord Corea, Venezuela, Siria ecc.

Inserisci un Commento

*

code