La Polizia Francese Usa armi da guerra contro il Gilet Gialli

Un giornalista francese ha ricordato il momento terrificante in cui una granata esplosiva di gas lacrimogeni lo ha colpito nel corso della protesta dei giubbotti gialli, dicendo che la polizia non aveva alcuna giustificazione per usare armi da combattimento.

Il fine settimana ha segnato la ricorrenza di un anno da quando le proteste dei giubbotti gialli sono state ripetute in Francia, con il giornalista indipendente Julien tra i numerosi giornalisti, che ha coperto le manifestazioni dell’ anniversario a Parigi.

Tutto è iniziato in modo pacifico, ma le cose sono andate rapidamente fuori controllo quando la protesta è stata apparentemente gestita da un gruppo di manifestanti vestiti di nero. “È stata una vera rivolta. Alcune scene assomigliavano alla guerriglia urbana ”, ricorda più tardi Julien.

I manifestanti stavano bloccando le strade, costruendo barricate e lanciando mattoni e cocktail Molotov alla polizia. Julien era rimasto in mezzo alla folla, filmando il caos attorno a lui con una videocamera GoPro.

Ad un certo punto, il giornalista si è reso conto che la polizia antisommossa era stata colpita da uno stato di “panico”. Hanno risposto con una pioggia di bombe a gas lacrimogeni e munizioni da proiettile, sparate contro le persone quasi indiscriminatamente.

Il naso e il labbro superiore di Julien sono stati distrutti da quella che èstata identificata come una granata esplosiva di gas lacrimogeno GLI-F4 di fabbricazione francese. “Ho visto questo momento fotogramma dopo fotogramma più tardi. C’è stata davvero un’esplosione. Il flash è chiaramente visibile nel mio filmato ”, ha ricordato, confessando che l’immagine di quel flash lo sta inseguendo e spesso riappare davanti ai suoi occhi.

I manifestanti intorno a lui si sono affrettati ad aiutare Julien non appena lo hanno visto cadere. “Sono davvero grato per questo”, ha detto. Il giornalista è stato portato in un posto sicuro e sono stati chiamati gli operatori di emergenza.

All’uomo è stato diagnosticato un naso rotto, ferite al volto e portato in ospedale insieme ad altri manifestanti feriti. “Se non avessi indossato una maschera antigas, non sarei sceso così alla leggera”, ha detto. È stato ricucito e il medico ha detto che il tumore del sangue sul suo viso guarirà in una settimana.

Ma non tutti sono stati così fortunati. C’era un uomo in ospedale che aveva gravi problemi agli occhi dopo un infortunio simile a quello di Julien. “Non so quale sia la tua condizione adesso, ma è una probabilità su nove che tu abbia perso la vista

Il giornalista ha detto che avrebbe presentato una denuncia alla polizia per quello che gli hanno fatto. Tuttavia, afferma di non avere grandi speranze per la giustizia. “Penso che anche con tutte le prove che ho, l’indagine finirà nel nulla, come è successo in molti altri casi.”

Ma Julien è ansioso di continuare a combattere fino a quando la granata GLI-F4 non viene rimossa dall’arsenale della polizia. “Queste munizioni possono essere usate per ferire seriamente i manifestanti e non sono sicuro che il loro uso sia giustificato, dal momento che in realtà è uno strumento di combattimento”, ha spiegato.

Nota: Gli ordini dati alla poliizia dal Ministero dell”Interno sono quelli di reprimere con la forza le manifestazioni e le disposizioni ai grandi giornali sono quelle di oscurare le manifestazioni di protesta. I media sono invece liberi di descrivere le manifestazioni di Hong Kong

Fonte: RT News

Traduzione e nota: L.Lago

13 Commenti

  • Eugenio Orso
    20 Novembre 2019

    Ancora le cosiddette “armi non letali”?
    Se accadrà qualcosa in Italia, a causa del peggioramento netto della situazione sociale il prossimo anno, probabilmente le useranno anche qui, memori dell'”esperienza francese” voluta dal boia macron.
    Ipotesi remota, però, perché la maggiornaza degli italiani ha l’encefalogramma piatto e, anzi, adesso ci sono le “sardine”!
    “Sardine” che sanno di mini rivoluzione colorata, tutta globalismo e diritti umani, e perciò sono simili ai criminali filo-occidentali, dotati di ombrelli(!), che stanno devastando Hong Kong …

    Cari saluti

    • atlas
      20 Novembre 2019

      quì c’è tutto Eugenio, si è nella nato

      https://comedonchisciotte.org/i-gilet-gialli-se-sono-neri-e-la-prova-che-sono-gialli/?fbclid=IwAR1b3zUvSummTqs9YmmLJKuieHvdCz9V3EzIXz6lvOVJg4EJbc4MuIZMxpU

      ” i black-block (che dicono che stanno combattendo contro il potere di Macron …) e il potere di Macron (che dice di combattere contro i black-block …) è stato in questo anniversario che hanno dimostrato di essere compagni in questa avventura, come maiali.

      Perché questi due compagni i merende hanno fatto le cose per bene! Il prefetto di polizia, vale a dire il potere, ha lasciato scientemente a disposizione dei casseurs Place d’Italie, da dove doveva partire la manifestazione autorizzata, praticamente un supermercato di proiettili. In quella piazza c’era tutto quanto può far piacere a un nichilista per rompere, distruggere, devastare, rovinare, deturpare, saccheggiare, bruciare, bruciare e ancora distruggere. Mancava solo la benzina, sarebbe stato troppo, ma il potere ha lasciato pronti su un vassoio tutti i materiali infiammabili, senza nessuno che li controllasse sin dalla mattina del giorno della manifestazione.

      Gli stessi che s’impongono di non commentare una immagine alla luce del sole, dove due casseurs tutti vestiti di nero corrono verso un cordone della Compagnies Républicaines de Sécurité (CRS) che si apre al loro arrivo e si richiude subito, tanto che gli ultimi due della fila non fanno in tempo a entrare e si confondono in mezzo agli stessi agenti … Una scena sorprendente in cui quelli che sembrano avversari si ritrovano insieme dalla stessa parte politica! Non ci sarebbe stato materiale, altrimenti, per alimentare quei dibattiti infiniti tra giornalisti che dibattono sulle stesse sciocchezze da un anno? Esperti sedicenti della sinistra radicale o dei movimenti sociali, spiegano come mantenere l’ordine pubblico e parlano della classe politica …

      Resto sorpreso che certe cose fatte apertamente e trasmesse dalla TV su tutti i notiziari e che non ci sia un singolo funzionario di polizia che informi chi di dovere per fermare certe violenze mentre ancora si stanno compiendo! Avevo già parlato molto della mia sorpresa (beh, è solo un modo di dire …) che dei vandali abbiano avuto tempo per togliere il selciato di Avenue des Champs-Elysées, davanti alle telecamere di BFM TV, sapendo perfettamente che quei sassi-proiettili sarebbero stati lanciati contro il capo della polizia e contro gli agenti di polizia e contro le vetrine dei negozi di lusso della stessa strada!

      Come è possibile che l’intelligence francese non dia importanza a certi fatti, sapendo che le immagini in diretta di quegli scempi vengono trasmesse in televisione? Sorprendente … L’intelligence lascia che venga divelto il selciato, lascia che i giornalisti filmino i danni all’Arco di Trionfo, senza far intervenire la polizia per prendere quelli che i giornalisti avevano filmato mentre facevano i danni? Strano … “

      • atlas
        20 Novembre 2019

        a volte mi stupisco, non della superficialità, ci mancherebbe, ma della mancanza di profondità della redazione

        ‘critica costruttiva’

        • Eugenio Orso
          21 Novembre 2019

          Bene le critiche costruttive e ragionate, ma ricordiamoci sempre che questo sito è fra i migliori di controinformazione in Italia.

          Cari saluti

          • atlas
            22 Novembre 2019

            indubbiamente. Ho conosciuto di persona Luciano Lago e per me è una delle persone che stimo di più e lo ritengo anche un’ottimo Amico, un vero Amico. Più di una volta abbiamo parlato anche di te, certamente nel bene

            il sito lo seguo praticamente da quando fu creato, poi ho iniziato a commentare più tardi e come leggi, continuo

  • Oswald Cobblepot (the Penguin)
    20 Novembre 2019

    Il bello/brutto è che c’è ancora qualcuno che crede nelle frottole della triade repubblicana (“Liberté, Egalité, Fraternité”). Ma quando ci sveglieremo dal nostro torpore di sudditi volontari e felici? Quando finalmente ci accorgeremo che le neotirannidi si ammantano di diritti “umani”, fasulli come i talkshow, ed oltretutto elargiti con una fantasia ed una grazia minori dell’imperatore romano, che almeno quando donava pane, giochi del circo, e tessere di accesso alle terme possedeva un briciolo di grandezza, e si proclamava “dominus et deus”, senza gli infingimenti di una retorica “democratica”, cui ormai credono (rectius: fingono di credere) solo quelli che la usano come schermo, dietro il quale ripararsi ed occultarsi.
    Un saluto da Gotham, il Pinguino.

  • Graaf
    20 Novembre 2019

    Anche Andare alla carlona contro un esercito schierato non e’da italiani gli Italian I sono furbi anche il Duce parlamento’ col re xche non succedesse niente nella Marcia su Roma ,voi italiani dovete solo aspettare l’Eletto l’uomo Della Provvidenza ,l’unico scopo che hanno I partiti di bifolchi cialtroni gran ciacoloni di venduti Allo Straniero in Italia e’ quello di impedire l’arrivo del Galvanizzatore l’intepido il mai Domo che risollevera’ il popolo italico , nel frattempo ciucciatevi salvini lui e la sua loquela da puffo quatrocchi e fatevi dei bei meloni con LA sora lella , e’ solo questione di tempo bisogna pero’ che un certo razzismo di fondo un po come un fuocherello che brucia sotto Le ceneri continui ad essere acceso ,io nel mio intimo faccio LA mia parte

    • atlas
      21 Novembre 2019

      questo video me l’hanno segnalato, vieni quì che ci facciamo quattro risate. Poi, se vuoi agire …

      fatti aiutare da monk, anche se penso che quello, manco per se stesso è buono

      io cmq me ne andrò in Siria, dal mio Presidente Bashar Al Asad. Mi terrò lontano da tutto questo casino che combinano i giudei. E se dovrò combattere, saprò di essere dalla parte giusta

  • Max Dewa
    20 Novembre 2019

    Ma se e’ vero che per ogni week end I poliziotti francesi pigliano 500 euro di extra per picchiare I gilet gialli una manica di sbandati xche’ dopo 53 settimane bisogna pur ottenere qualcosa e invece niente quel Finocchio Ebreo di macron e’ li ancora pieno di tracotanza con I grandi Della Terra che lo vanno fin a trovare
    speriamo che si ritrovino anche all’inferno quando Sara’ LA loro ora sti ministri di Satana sulla terra , facendo 2 conti 500×53 settimane = 26000-27000 euro non e ‘ male per dare due bastonate sopratutto se si e’ vestiti come RoboCop mentre gli altri in infradito

  • eusebio
    20 Novembre 2019

    Il regime dello speculatore algerino Attali, manovratore di Macron, sta cominciando a saltare, da qui alle prossime presidenziali il popolo francese continuerà nella sua ribellione e poi sosterrà Marine Le Pen mentre l’abusato dell’Eliseo verrà giubilato e si spera linciato.

    • atlas
      21 Novembre 2019

      invece se fossero in piazza quelli del FN arresterebbero e condannerebbero tutti e sparerebbero a vista

      vi state riempendo di giudeizzati, salafiti e wahhabiti, di gente violenta, delinquenti capaci di ogni delitto, come se non bastassero i guerriglieri civili della nato (black.bloc) e poi l’eurogendfor, che vuole portare l’ingiustizia in tutto il mondo. Ci sarà da combattere (chi vuole può farlo anche adesso, basta arrivare in Siria e schierarsi con Assad, sia cristiani che Musulmani perchè lì è scritto che ritornerà Gesù, a Damasco)

      le Due Sicilie ? Sono la mia Patria, ma anche lì vi è una grande maggioranza di conformi e massoni. Si combatte e si muore per un qualcosa che ne valga la pena, non contro l’ottusità. Certa gente, tanta, non si convincerà se non quando sbatterà la testa contro il muro. Per ora me la godo, esco poco, sto con la mia Famiglia, l’Estate al mare stupendo

      ma almeno quando non ci saranno più i miei genitori saprò cosa fare, molti neanche quello

      persi, sbandati, carne da macello. Destino. Ognuno ha il suo, solo Allah lo può cambiare

  • atlas
    21 Novembre 2019

    e questi. Pronti ad arrivare quì. Tutti quì.

    Chiacchiere. Nemmeno ci sono carceri in Tunisia per metterceli tutti

    INVECE NON FARANNO NULLA, LEGGERSI BENE L’ARTICOLO PER CAPIRE.

    PERCHE’ QUELLI SONO AGENTI DI CIA E MOSSAD E OGGI LA TUNISIA HA IN PARLAMENTO E AL PROSSIMO GOVERNO LA STESSA FRATELLANZA MASSONE GIUDEO SALAFITA CHE LI MANDO’ IN SIRIA

    http://www.ansamed.info/ansamed/it/notizie/stati/tunisia/2019/11/19/terrorismo-foreign-fighter-tunisini-perseguiti-al-rientro_e325df59-d859-446b-b3dd-71af2b12d4e0.html

Inserisci un Commento

*

code